BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Rinnovo contratto Dhl Sacbo rassicura i politici

I vertici di Sacbo hanno confermato agli onorevoli e consiglieri regionali bergamaschi il massimo impegno per le trattative in corso sul rinnovo dell'accordo con la società di spedizioni Dhl.

Più informazioni su

Il presidente di Sacbo, Miro Radici, e il direttore generale della società, Andrea Mentasti, nella giornata di venerdì 25 novembre hanno incontrato i parlamentari e consiglieri regionali bergamaschi nella sede dell’aeroporto di “Il Caravaggio” di Orio al Serio.

L’incontro, promosso dai vertici della società di gestione aeroportuale e a cui hanno partecipato Ettore Pirovano, anche in qualità di presidente della Provincia di Bergamo, e Gianfranco Ceci, vicesindaco del Comune di Bergamo, è servito ad illustrare ai rappresentanti politici locali la situazione generale relativa all’attività dello scalo bergamasco, lo stato di attuazione dei programmi di adeguamento infrastrutturale e logistico e le principali tematiche che concernono le prospettive future.

In particolare, è stato preso in esame il ruolo fondamentale che l’aeroporto ha assunto per il territorio, quale volano per la crescita economica ed occupazionale e lo sviluppo delle relazioni internazionali, ribadendo la volontà di perseguire una gestione finalizzata a consolidare la posizione acquisita nel panorama del trasporto aereo commerciale, e correlata alla necessità di garantire, attraverso azioni mirate e pianificate nell’ambito della Commissione Aeroportuale presieduta da Enac, la compatibilità ambientale delle attività aeronautiche.

Nel corso dell’incontro è stato affrontato anche il tema relativo alla continuità della presenza sullo scalo bergamasco del vettore courier DHL, la cui base operativa assicura importanti ricadute occupazionali, anche in termini di indotto lavorativo, e riveste una valenza logistica primaria per il tessuto economico e produttivo del territorio.

I vertici di Sacbo hanno confermato il massimo impegno in merito alle trattative in corso sul rinnovo dell’accordo con DHL, in scadenza nel dicembre 2013, basato su una serie di parametri operativi indispensabili a garantire la massima efficienza delle attività svolte dal vettore courier.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giorgio

    Ma cosa c’è da esultare??? DHL ha detto che fra 20 mesi non sarà più a Orio. Ci starà solo fino al 31.12.2013 come aveva ottenuto Testa nel 2006 anticipando di un anno il rinnovo del contratto per paura di perdere un cliente così importante. Dopo il 31.12.2013 andrà in qualche altro aeroporto guidato da persone competenti.
    Stupisce la superficialità dei politici che continuano a giocare con il fuoco ma anche certi commenti dei giornalisti………..
    E provare a dire la verità?

  2. Scritto da ex elettore

    “il mio nome” si si hai ragione…..vedi malpensa vedi alitalia…..ma parlate ancora dopo 10 anni di scempi?

  3. Scritto da usiamo il cervello

    Quale compatibilità ambientale se SACBO sta violando tutti i parametri previsti dal VIA (persone esposte,unità di traffico, numero dei voli ecc.)
    Quale compatibilità se non è più possibile avere i dati di dettaglio dei movimenti per calcolare l’esatto impatto del rumore, come avveniva fino al 2004
    Quale compatibilità se non esiste un Piano di Rischio esterno all’aeroporto e non si sono più svolte le azioni di protezione civile previste per il 2007?
    Orio scoppia e pa Montichiari la collettività ha pagato 40 milioni di euro per un aeroporto vuoto..e le persone in cassa integrazione
    E’ questo il federalismo?

  4. Scritto da old

    l’unico motivo per cui dhl può restare ad orio è la possibilità di investimento. il centro cargo non verrà mai fatto, anche per le giuste lamentele dei comitati, e quindi dhl si sposterà.
    con questo rimarrà solo ryanair a tenere in piedi orio; se se ne va anche ryanair ciaociao caravaggio…

  5. Scritto da ex elettore

    Se ci sono i verdi pisello a trattare state pur certi che la DHL se ne va da Orio…..

    1. Scritto da ilmionome

      sempre meglio dei pelati Cirio noOrio