BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Stop ai vitalizi: via libera al Pirellone

Le commissioni praticamente unanimi varano il progetto di legge per lo stop ai vitalizi e l'abolizione completa del trattamento di fine mandato. Il 6 dicembre la legge in Aula.

Stop ai vitalizi e abolizione completa del trattamento di fine mandato. Sono queste le novità contenute nel progetto di legge per la riduzione dei cosiddetti “costi della politica” approvato giovedì mattina dalle Commissioni Affari Istituzionali e Bilancio riunite in seduta congiunta sotto la presidenza dei rispettivi presidenti, Sante Zuffada (PdL ) e Fabrizio Cecchetti (Lega Nord), e alla presenza di tutti i Capigruppo.

Il provvedimento, che adesso andrà in Aula per il voto finale il prossimo 6 dicembre, prevede già dal 2012 un taglio del 10% delle indennità e giro di vite nei confronti dei consiglieri “assenteisti” che vedranno decurtarsi la diaria . Abolita anche la cifra che veniva erogata come indennità di missione e che equivaleva a 11 viaggi aerei Milano -Roma. Il taglio a indennità, diaria e viaggi a Roma porterà a un risparmio annuo di poco più di 1 milione di euro.

Come ha sottolineato il relatore del progetto di legge Paolo Valentini (PdL coordinatore del Gruppo che ha lavorato sulle proposte), “la novità sostanziale e importante di questo provvedimento è che le indennità dei consiglieri regionali della Lombardia d’ora in poi non saranno più legate a quelle dei parlamentari ma avranno come unico adeguamento i parametri Istat, come avviene per tutti gli altri lavoratori”.

Rispetto ai due testi usciti dal Comitato ristretto, le Commissioni hanno optato per il provvedimento più snello, due articoli soltanto. Il relatore Valentini ha poi accolto, e le Commissioni hanno votato, un emendamento presentato dalla bergamasca Elisabetta Fatuzzo capogruppo dei Pensionati che interviene portando da 1/18 a 1/12 la decurtazione alla diaria per i consiglieri che non si presentano alla seduta di Commissione o di Aula.

Ritirati per approfondimenti (si decide prima del voto d’Aula), gli emendamenti presentati da Pd e Idv e riguardanti rispettivamente il taglio del 10% ai vitalizi superiori ai 1500 euro che attualmente vengono erogati agli ex consiglieri e l’impossibilità di cumulare il vitalizio con altre indennità erogate dallo Stato o di altra pubblica amministrazione. Favorevoli al progetto di legge PdL, Lega Nord, Pd, Udc, Pensionati, Gruppo Misto e Italia dei Valori.

Stefano Zamponi dell’Idv nella sua dichiarazione di voto ha spiegato che il suo partito vota a favore del provvedimento “nonostante la bocciatura di alcuni ordini del giorno che però saranno presentati in Aula e che riguardano anche l’allungamento dell’età pensionabile per i consiglieri”. Unica astenuta sul provvedimento Sel. Il capogruppo Chiara Cremonesi ha motivato il voto per la bocciatura degli emendamenti presentati che riscrivevano il provvedimento rimodulando le indennità di funzione con parametri che prevedevano rispetto ai Deputati la corresponsione di un’indennità del 100% per Presidente del Consiglio e Giunta, 85% per vicepresidenti e membri di Giunta, 79% per i Segretari del Consiglio, Presidenti di Commissione, Sottosegretari e Presidenti dei gruppi consiliari) e 65% per i semplici consiglieri.

Soddisfatti del voto i Presidenti Sante Zuffada e Fabrizio Cecchetti , che hanno sottolineato come “il provvedimento sia stato approvato nei tempi prestabiliti”. “Il voto in Aula – ha detto Zuffada – era previsto per il 29 novembre ma slitta il 6 dicembre. Tuttavia non cambia nulla perché in ogni caso la legge entrerà in vigore il 1 gennaio dell’anno prossimo, come era stabilito”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Damiano

    Infatti, ci pigliano per i fondelli con pannicelli caldi…
    La motosega, ci vorrebbe, non il temperino…
    Diaria decurtata agli assenteisti??? E che conquista è?
    Non sarebbe stato logico da sempre, non pagare chi è assente???

  2. Scritto da Amen

    Non ci siamo capiti : metà stipendio e metà consiglieri !!

  3. Scritto da KeS

    ATTENZIONE: Cosa vuol dire Stop ai vitalizi se poi nell’articolo si parla solo di taglio del 10% sopra i 1500 euri????
    VITALIZI??? Abolirli tutti con effetto RETROATTIVO!!!!!

  4. Scritto da A.A

    Non ci credo ci stanno fregando da un altra parte attenzione, non ci si puo fidare di ste POLITICI

  5. Scritto da Arianna

    “Evviva finalmente”, tagliate di più ..ancora di più….