BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Città alta: per ristoranti la raccolta dell’umido

Dal 2 dicembre prossimo sarà attivo il nuvo servizio per la raccolta della frazione organica anche per gli esercizi commerciali di città alta, dopo il grande successo ottenuto nel centro città.

Più informazioni su

L’assessore all’ambiente del Comune di Bergamo Massimo Bandera annuncia che dal 2 dicembre 2011, sarà attivo il nuovo servizio di raccolta dell’umido per gli esercizi commerciali del borgo di città alta.

Una nuova iniziativa promossa dall’amministrazione in collaborazione con la società Aprica del gruppo a2a, che intende portare il comune di Bergamo ad un livello di riciclaggio molto alto; l’iniziativa rientra in un processo molto più ampio partito nel novembre 2009, fino ad adesso esteso solo ai commercianti del centro città presso i quali ha riscontrato un grande successo, che dal 2 dicembre prossimo coinvolgerà anche le attività di città alta.

Iniziativa ecologica che riguarderà 58 esercizi commerciali in particolare ristoranti, bar e negozi di alimentari freschi, a cui sono stati consegnati bidoni per il conferimento del materiale umido; il programma prevede la raccolta della frazione umida due volte la settimana, il lunedì e il venerdì dalle ore 9:30 alle 12. Oltre ad essere un progetto eco-sostenibile lo si può vedere sotto un altro punto di vista, quello del miglioramento del tenore di vita dei cittadini e avrà anche un migliore impatto con il turista. La previsione è quella di recuperare 5 tonnellate di rifiuto organico ogni settimana.

Palafrizzoni ha deliberato un nuovo regolamento interno, quello sull’obbligo dell’utilizzo di carta riciclata all’interno degli uffici comunali per avere un minore impatto sull’ambiente ma anche per un maggiore risparmio economico visto che da oggi tutti gli uffici saranno obbligati a comunicare tra di loro solo tramite pec. Progetto nato dalla collaborazione degli assessori Bandera e Moro, questa nuova iniziativa produrrà anche un risparmio a livello economico e non solo ambientale, infatti grazie all’utilizzo di questi nuovi sistemi sarà previsto un risparmio di circa 150.000 € nel prossimo quinquennio.

L’ assessore Massimo Bandera, ringrazia pubblicamente la cittadinanza per la collaborazione dimostrata, elogiando il comportamento dei cittadini di Bergamo nell’aderire alle nuove iniziative eco-sostenibili.

Stefano Asperti

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da KeS

    Termovalorizzatore=Inceneritore=Diossina+Nanoparticolato=Cancro
    ne consegue che:
    Bergamo=Napoli

  2. Scritto da Gianluca

    Oh..!! Che rivoluzione!! Peccato che negli altri comuni questo si fa già da molti molti anni !! Quindi possiamo ringraziare l’amministrazione comunale per aver buttato dalla finestra per molti molti anni 150.000 € all’anno.
    Grazie mille

    1. Scritto da Damiano

      Ma infatti… invece di autocelebrarsi dovrebbero vergognarsi per esserci arrivati soltanto adesso, a certe soluzioni.
      Migliora lo smaltimento, migliora l’ambiente, risparmi 150.000 €… e cosa aspettavi?
      Diciamo che negli anni passati, cara amministrazione comunale, hai buttato questa cifra alle ortiche.

  3. Scritto da RIFIUTIZERO

    Informiamo i lettori che allo stato della realtà bergamasca si RICICLA solo plastica, carta e alluminio. L’obiettivo di separare solo l’umido ha come UNICA FINALITA’ la fornitura di materiale SECCO da conferire all’inceneritore!! Non è la prima volta che l’assessore Bandera utilizza argomenti “ecologici” per coprire l’INERZIA oltre che il DISINTERESSE sua e dei suoi colleghi sul tema del riciclo, obiettivo raggiungibile solo con la differenziata spinta (che riduce drasticamente il rifiuto da incenerire).

  4. Scritto da roberto tamagna

    E’ incredibile l’incapacità di questi politici,
    pensate a quanti soldi si sarebbero risparmiati facendo la stessa operazione in tutti i comuni,
    ma cosa stanno aspettando? Già i nostri nonni riciclavano e loro cosa stanno aspettando?
    Sinceramente pensavo che fosse già cosi’ da anni: che delusione

  5. Scritto da andrea

    Davvero incredibile che questa notizia sia in risalto come chissà che conquista… è invece imbarazzante che Bergamo sia ancora a questi livelli !!!

  6. Scritto da Damiano

    Scusate, io non abito in città: davo per scontato che l’umido si raccogliesse separato già dappertutto, in città e nei paesi.
    Non credevo, nel 2011, fosse una conquista ancora da raggiungere, quartiere per quartiere, rione per rione…