BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cerete: si accorciano i tempi per la variante

Trovata l'intesa tra Comune di Cerete e Provincia di Bergamo per la realizzazione della variante; la progettazione e il costo dell'intera opera saranno interamente in carico alla provincia

Più informazioni su

Con l’ ultimo accordo sottoscritto dal Sindaco di Cerete Adriana Ranza, dall’assessore provinciale alla viabilità Giulio Capetti, dal presidente della Comunità montana Eli Pedretti, dall’assessore Francesco Ferrari e dal presidente dell’Unione dei comuni della presolana Gianpietro Schiavi si è arrivati ad una conclusione della spinosa questione sulla variante di Cerete che consentirà di deviare tutto il traffico dal centro alla nuova bretella tanto discussa.

La vicenda va avanti da un po’ di anni, ma solo adesso si è trovato un accordo tra le parti; l’accordo siglato in questi giorni spiega il Sindaco di Cerete Adriana Ranza prevede la presa in carico da parte della Provincia di Bergamo del completamento della relazione idrogeologica e idraulica e il completamento del progetto definitivo entro il 30 novembre prossimo; la Provincia dovrà inoltre convocare la conferenza dei servizi entro il 15 dicembre e approvare le risultanze della stessa entro il 31 dicembre; inoltre la provincia dovrà prendersi in carico tutta la stesura del progetto esecutivo dell’opera entro e non oltre il 29 febbraio 2012.

Tutte queste operazioni saranno finanziate esclusivamente da fondi regionali o provinciali e il reperimento di codesti finanziamenti sarà compito degli uffici di via Tasso; afferma soddisfatta il sindaco di Cerete, Adriana Ranza: il nostro piccolo comune ha già versato 35.000€ con la precedente amministrazione e viste le piccolissime dimensioni non intende spendere altri soldi; dello stesso parere sono anche gli altri interessati vale a dire l’Unione dei comuni della presolana e la comunità montana, che non intendono stanziare altri fondi per la realizzazione dell’opera visto che in passato sono già state investite da parte loro ingenti somme. Ovviamente tutti i diretti interessati manifestano la loro piena disponibilità nel collaborare con la provincia.

Questo è il quadro generale della situazione, le redini sono nelle mani della provincia.

Stefano Asperti

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.