BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Canone Rai tassa più evasa Giusto pagarlo? Vota

Sono circa sei milioni le famiglie che non pagano il canone Rai, la tassa più evasa dagli italiani. Non solo più evasa, ma ritenuta più ingiusta dal 45% degli abitanti, che ne vorrebbero la cancellazione.

Sono circa sei milioni le famiglie che non pagano il canone Rai, la tassa più evasa dagli italiani. Non solo più evasa, ma ritenuta più ingiusta dal 45% degli abitanti, che ne vorrebbero la cancellazione. Secondo una denuncia presentata dal Codacons a tutte le procure, nella composizione della particolare classifica dell’evasione televisiva a primeggiare sarebbero bar, alberghi, ristoranti, partiti politici, enti religiosi, circoli, cioè chi possiede e utilizza apparecchi televisivi in esercizi pubblici e comunque fuori dall’ambito domestico. E’ da questi settori che arriva l’evasione più alta: tra i 150 e i 200 milioni di euro l’anno, ma in percentuale molto più alta di quella dei normali cittadini, perché pari al 96% del dovuto. Soldi che farebbero comodo a mamma Rai, alle prese ogni anno con buchi di bilancio da far spavento: 800 milioni annui con le entrate pubblicitarie sempre in calo. Quali sono le soluzioni? Includere il canone nella bolletta dell’elettricità oppure legarlo all’eventuale Ici a seconda del numero di televisioni presenti in casa.

 

E tu cosa ne pensi?

Il canone è una tassa giusta?

Vota

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ciano

    Con il digitale terrestre è possibile criptare i canali, non capisco perchè la RAI non utilizzi questo sistema, chi paga il canone avrà la card per vedere i programmi.
    Perchè obbligare tutti a pagare anche se non interessati ai programmi RAI, perchè i miei soldi devono andare a Ferrara o a Vespa che non sopporto ( per non parlare di Sgarbi). Perchè i miei soldi devono finire nelle tasche di signorine raccomandate da capi di governo in cambio di voti in parlamento?
    MA QUALE TASSA GIUSTA……….

  2. Scritto da giangi

    io il canone non lo pago , la musica e i film li scarico quindi la diatriba su siae o tassa allo stato non mi interessa

  3. Scritto da marilena

    e’ giusto pagare il canone ma il servizio va migliorato.Da tempo ormai la rai non è più servizio pubblico e non garantisce la libertà di informazione(vedi santoro, dandini, ecc.), le cose devono cambiare.

  4. Scritto da L.P.N.E.

    Che ridere” Mediaset guadagna milioni….” verifica meglio!! Il canone va pagato,il punto è migliorare il servizio PUBBLICO della RAI.Mentre negli ultimi anni i dirigenti hanno fatto di tutto per affossarlo. Se la RAI a fine anno perde soldi per via del taglio delle trasmissioni più remunerative i dirigenti non dovrebbero essere licenziati per il danno causato?

  5. Scritto da Arianna

    Le tasse vanno pagate,ma si devono contenere le cifre, sono convinta che se si pagasse di meno pagherebbero tutti. E’ importante però che non ci siano sprechi e le persone che ci lavorano dovrebbero percepire stipendi come tutti i lavoratori dipendenti….

  6. Scritto da nino cortesi

    Sacrosanto pagarlo. Non si devono pagare invece i buchi Cirio, Parmalat e San Raffaele.

  7. Scritto da andrea

    Il canone va pagato perché è una tassa dello stato. Altrimenti si è evasori come tutti gli altri.
    Quelli della SIAE sono invece solo delle sanguisughe

    1. Scritto da Damiano

      Qualsiasi cosa audio o video LEGALE, è soggetta a imposta SIAE.
      Piaccia o no, come per il canone RAI, chi usa le musiche o i filmati prodotti da altri, “dovrebbe” riconoscere una quota in denaro. Non è un furto: si paga il lavoro che fanno altri (autori).
      Per lei il canone RAI va pagato e la SIAE no? Boh…

      1. Scritto da andrea

        La SIAE prende soldi anche per la vendita di CD vergini e ogni altro tipo di supporto di registrazione che niente ha che vedere con il diritto d’autore.
        Questo grazie a leggi fatte a loro uso contro il diretto interesse dei cittadini.

        1. Scritto da Damiano

          E dove sta allora la differenza con il canone RAI? Mica si accertano se guardi la RAI. Anche se tu non la guardi, anche se tieni il televisore spento te la fanno pagare.

          1. Scritto da andrea

            Con la RAI i cittadini pagano e per contro ricevono un servizio dallo Stato. C’è la scarsa qualità del servizio e la stortura del prelievo basato sul possesso del televisore. Ma rimane il concetto giusto di tassa che porta ad un servizio.

            La SIAE sono invece PRIVATI che tassano cittadini su beni che niente hanno a che fare con la SIAE. Questa è una cosa al di la di ogni possibile comprensione.

  8. Scritto da poeret

    E’ la tassa più stupida che abbiamo.. tassa di proprietà su un televisore? in media costa quanto 200/400 € e li tassiamo di 110€ all’anno? Senza considerare che Mediaset con la stessa pubblicità e senza canone guadagna milioni ogni anno, la RAI invece ci smena pure..

  9. Scritto da Gianpietro

    E’ giusto scegliere l’operatore che si vuole come il gas e la corrente.
    C’è chi vuole SKY chi Mediaset chi la Rai…

  10. Scritto da Cinico

    ritenuta ingiusta o meno, è una tassa sulla PROPRIETA’ del televisore e va pagata…,posso ritenerla ingiusta per carità…ma la cosa GIUSTA da fare è pagare le tasse…conosco molti che non pagano il canone rai e poi fanno battaglie contro gli “evasori fiscali”…non ci siamo…

  11. Scritto da Damiano

    Le solite cose all’italiana: questi esercizi pubblici, per avere apparecchi che diffondono video e musica, dovrebbero già pagare la SIAE ed essere “visitati”, periodicamente, da ispettori SIAE. Cosa ci mette l’erario a fare un controllo incrociato con i mezzi informatici di oggi e fare 2+2?