BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Va a uno svizzero il premio Bonaldi per l’arte

Fredi Fischli vince la sesta edizione del concorso per curatori under trenta. Il suo progetto “Studiolo Stages” sarà ospitato alla Gamec nel corso del 2012

Più informazioni su

Alla presenza di un pubblico numeroso si è tenuta lunedì 21 novembre alla Gamec la premiazione della sesta edizione del Premio Lorenzo Bonaldi per l’arte, destinato al migliore curatore under trenta.

Al termine di un simposio internazionale di curatori emergenti durato tre giorni, la giuria ha prescelto il progetto “Studiolo Stages” dello svizzero Fredi Fischli che riprende il concetto rinascimentale dello “studiolo” e lo ricolloca in una casa-studio modernista di Zurigo.

La motivazione del premio è che in questa proposta “gli artisti si trovano al centro del palcoscenico e il progetto è ben calibrato rispetto alla scala e alle possibilità di questo contesto; il tema della mostra fonde la dimensione dello studio d’artista e lo spazio espositivo in modo giocoso, fino a risalire allo studiolo rinascimentale”. 

Il riconoscimento Bonaldi – unico nel suo genere perché premia la ricerca di un giovane curatore e il suo progetto di mostra – è nato nel 2002 dalla volontà di ricordare la passione per l’arte e il collezionismo dell’imprenditore Lorenzo Bonaldi. La figlia Nini Bonaldi, presente alla cerimonia in rappresentanza della famiglia, ha ricordato il contesto storico culturale in cui si era formato il gusto ed era nato il collezionismo della generazione dei suoi genitori: “Dopo la seconda guerra mondiale le persone come mio padre hanno ricostruito economicamente il paese. Allora la curatela non esisteva, le gallerie non avevano questa forza di movimentare il mercato, e i collezionisti erano gli appassionati che volevano lasciare un mondo migliore ai figli e ai nipoti”.

La signora Bonaldi ha poi sottolineato l’importanza e il senso dell’iniziativa del Premio oggi: “Oggi tutto è cambiato, il mondo dell’arte è difficile e non sempre condivisibile. Vogliamo credere in un mondo in cui i valori della passione e del talento hanno importanza e i giovani possono avere fiducia nei loro sogni e realizzarli”.

Il progetto di Fredi Fischli “Studiolo Stages” sarà realizzato e ospitato alla Gamec nel corso del 2012.

 

Stefania Burnelli

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.