BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ospedale, i dipendenti: non paghiamo il parcheggio

I dipendenti degli ospedali Riuniti hanno promosso una raccolta firme per chiedere la cancellazione del pagamento previsto per parcheggiare nel nuovo “Papa Giovanni XXIII”.

Più informazioni su

“Non sborseremo 50 euro per lavorare”. I dipendenti degli ospedali Riuniti hanno promosso una raccolta firme per chiedere la cancellazione del pagamento previsto per parcheggiare nel nuovo “Papa Giovanni XXIII”. La tariffa è sancita dall’accordo con il privato che ha realizzato i posteggi alla Trucca e che in pochi anni punta ad ammortizzare i costi di costruzione. Sono circa 600 le adesioni raccolte in un solo giorno contro l’abbonamento dipendenti. Le firme verranno poi raccolte e consegnate in Provincia. La richiesta è molto semplice: ampia disponibilità di parcheggi per i dipendenti e soprattutto gratuità degli stessi. “Contiamo di raccogliere l’80% delle adesioni in poco tempo – si legge nella nota diffusa dal sindacato Nursind che rappresenta gli infermieri -. L’aspetto che più inquieta i dipendenti è l’assurdità con cui si è deciso di affidare ad un privato un business di decine di milioni di euro che avrebbero invece fatto comodo alle casse dell’azienda”. Il sindacato ha provato a fare due calcoli per capire se è davvero necessario chiedere questo sforzo ai dipendenti: “Una stima approssimativa prevedrebbe un incasso annuo dai soli visitatori di 2,5 milioni di euro che assommati ai 1,8 milioni dai dipendenti, farebbero recuperare i costi di costruzione alla società di gestione in soli 4 anni ed i rimanenti 22 anni le farebbero incassare 94,6 milioni di euro. Queste entrate naturalmente non tengono conto degli aumenti decisi successivamente per adeguare i costi all’inflazione. Così come non è chiaro se è ancora valida la tariffa definita nel lontano 2006 di 50 € di abbonamento mensile a dipendente. Una seconda perplessità consiste nella limitatezza dei posti auto programmati, dovuti sicuramente ad un risparmio di gestione piuttosto che alle effettive ed attuali esigenze. I 1000 posti per i dipendenti ed i 1000 per i visitatori risultano, senza ombra di dubbio, sottostimati per l’affluenza attuale”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da MICHELA

    ciao come è finita?sarei interessata xche anche all’ospedale Padova sborsiamo 15.40 euro al mese x parcheggio. altro che auto blu. cosi oltre a pagare le auto blu appunto ai nostri governanti dobbiamo pagarci anche il parcheggio x noi che lavoriamo!!

  2. Scritto da silvano

    O.K. Per i mezzi pubblici, se ci fossero!!!!! Per poterne usufruire, bisogna avere orari d’ufficio (si potrebbe fare di accedere call’ospedale solo in suddetti orari!!!!!!). Io non faccio le notti, ma molto spesso inizio prima delle 06,00, i mezzi pubblici potrei usarli, a patto che sia disposto a partire il giorno prima!!!

  3. Scritto da gra

    concordo con Damiano

    1. Scritto da Damiano

      È il caso classico dove dire: “Non sparate sulla Croce Rossa”

  4. Scritto da uno qualunque

    E’ ridicolo che una grande azienda ospedaliera, sorta da un progetto ex novo abbia intenzione di far pagare ai dipendenti il parcheggio, senza aver studiato un’alternativa decente. Qui non si parla (con il MASSIMO ED ASSOLUTO rispetto) di un ufficio o di una piccola impresa, ma di un grande ospedale pubblico in cui migliaia di persone lavorano su tutte le 24 ore, con reperibilità e guardie incluse e che provengono non solo dalla provincia (senza possibilità in molti casi di utilizzare i mezzi pubblici).
    E, francamente, il parcheggio poteva autofinanziarsi successivamente, invece di essere svenduto ai soliti “magna-nimi” privati…

  5. Scritto da Damiano

    Francamente non la trovo una cosa così scandalosa, che dei lavoratori ambiscano ad avere il posteggio gratuito nell’azienda per cui lavorano…
    Non mi pare una cosa così rara e introvabile anche nelle aziende private. Non mi pare un super privilegio da statali.
    E non so neanche se è giusto, mettere sullo stesso piano etico ed economico il parcheggio dei dipendenti dell’ospedale, con il parcheggio dei visitatori. Io cercherei di non calcare troppo la mano con i dipendenti dell’ospedale: sono lavoratori che hanno in mano la salute di tante persone, fanno un lavoro indispensabile e scomodo (turni, notte, festività) e cercherei di agevolarli, se hanno bisogno del parcheggio gratuito dell’auto.
    Secondo me, ci sono altre categorie e settori del pubblico impiego per incazzarsi e chiedersi se pagano il giusto, non se i medici e gli infermieri pagano il posteggio del loro posto di lavoro.

  6. Scritto da anto

    Quoto pienamente Sara.Non volete pagare il parcheggio? Allora prendetevi i mezzi pubblici…poi cosa vorreste ancora?cappuccino e brioches gratis al vostro arrivo al parcheggio? Il parcheggio o lo pagano tutti (lavoratori+visitatori) o non lo paga nessuno….che è meglio!!!!

    1. Scritto da rudy

      Il cappuccio e la brioches li prenderi, cosi’ come prenderei anche i mezzi pubblici se avessero orari consoni con i turni ( specialmente il pomeriggio ) dove l’orario di smonto e’ molto spesso allungato da esigenze di servizio.

  7. Scritto da luigi nappo

    Secondo l’accordo di programma del 2000 (pag.11) la realizzazione dei parcheggi doveva essere a carico della Provincia. La scelta adottata ha evitato oneri a carico dell’Ente di via Tasso, ma ha scaricato, com’era facile prevedere, i costi sui fruitori dei parcheggi e su tutti coloro che si recheranno in ospedale. Il privato, infatti, in tale situazione non applica tariffe politiche o sociali, ma quelle utili per ammortizzare i costi e produrre profitti. Questo effetto l’ho segnalato al momento della decisione, ma allora si è scelta la soluzione più comoda.

  8. Scritto da rodolfo pandolfini

    “Contiamo di raccogliere l’80% delle adesioni”, diciamo che se non raccolgono il 99 per cento è una mezza sconfitta. Perché un dipendente non dovrebbe firmare?

    1. Scritto da dipendente

      Magari perché va al lavoro senza l’auto?

  9. Scritto da Sara

    avessi io un parcheggio sotto l’ufficio a 50 euro al mese!