BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Nostre tasse universitarie più basse della media”

Università di Bergamo fuorilegge per le tasse agli studenti? Il direttore amministrativo: "Quando la legge è stata fatta, Bergamo aveva 7.000 studenti, oggi ne conta il doppio. I trasferimenti statali invece non sono cresciuti di pari passo".

Università di Bergamo fuorilegge per le tasse agli studenti? Ateneo che rischia di dover rimborsare l’"extra"? E’ mollto tranquillo il direttore amministrativo Giuseppe Giovanelli che ha sott’occhio cifre, percentuali, normative… insomma tutto quello che ruota attorno a costi, entrate, oneri relativi all’Università orobica. E, pur confermando che sì, Bergamo sfora il tetto previsto dalla legge nel rapporto trasferimenti dello Stato-tasse scolastiche – e da tanti anni – spiega anche il perché e il per come. E premette: "La nostra università è tra quelle che ricevono come contributi dagli studenti meno di tutte quelle del Nord, molto meno della media nazionale, meno anche di alcune del Centro-Sud". In effetti la media delle tasse studentesche a Bergamo è di 836 euro contro la media nazionale di 1.125 con punte di 1.766 (al Politecnico di Milano).

Cionostante questo contributo degli studenti sfora il tetto del 20 per cento del contributo statale all’università e per questo l’ateneo locale, insieme ad altri 32 di tutta la penisola potrebbe rischiare di dover rimborsare gli iscritti. "Ma non lo temiamo, per una serie di motivi. A cominciare dal fatto che le tasse studentesche sono state definite insieme ai rappresentanti degli studenti che hanno poi votato il costo all’unanimità".
Entrando nel merito della questione il direttore Giovanelli spiega che questa norma, assai criticata e datata, non tiene conto dello sviluppo dell’università orobica: "Quando la legge è stata fatta, Bergamo aveva 7.000 studenti, oggi ne conta il doppio. I trasferimenti statali (fondo di finanziamento ordinario) invece non sono cresciuti di pari passo. Tant’è che noi siamo sotto-finanziati: il contributo che ci arriva dal ministero è tra i più bassi d’Italia, vale a dire 35 milioni e mezzo di euro nel 2010 per 14.707 studenti con 338 docenti".

Ed evidenzia come "avremmo diritto ad almeno dieci milioni di euro in più all’anno. Solo che la nostra crescita è coincisa con i tagli ai trasferimenti statali. Quindi siamo arrivati al paradosso: più studenti, meno soldi dallo Stato, per forza salta il tetto del 20%".

Da tempo, conclude il dirigente, c’è la richiesta di abrogare il limite del rapporto fondo-tasse: "Semmai mettano un limite all’importo delle tasse pro capire, questo sarebbe più equo".

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Andrea

    io sono studente di ingegneria all’unibg..sul fatto che costi poco rispetto ad altre è vero, ma non si può paragonare con la statale o al politecnico..sui costi devo però segnalare che negli ultimi 4 anni (da quando sono iscritto io) si ha avuto un aumento considerevole della retta universitaria, solo quest’anno di 100 euro, e aspetto la seconda rata!

  2. Scritto da Cinico

    Ma non rapportate l’unibg al politecnico o alla statale, paragonatele con le università dello stesso “rango”….e di quelle dello stesso rango rapportate i SERVIZI che l’unibg eroga ai suoi studenti…vi accorgerete che le tasse universitarie sono decisamente alte…e il servizio dato di contro è decisamente SCARSO!!

    1. Scritto da caloggero

      sinceramente non so proprio che disservizio si possa trovare all’unibg! forse ogni tanto si hanno problemi per affari di segreteria ma niente di più… almeno così è ad economia e giurisprudenza..

      1. Scritto da Cinico

        non ho parlato di disservizi, ho parlato di servizi che proprio non esistono…vai alla statale o al politecnico e vedi quante possibilità ti danno in più rispetto a questa misera università!

        1. Scritto da Lorenz

          mah io lavoro per un servizio dell’università…mi capita spesso di incontrare colleghi di altre università e ti posso assicurare che ci prendono a modello. Mi rendo conto che è un’opinione di parte ma dovresti indicare quali servizi non ritieni adeguati e non essere generico.

  3. Scritto da Gio

    confermo quanto dice il direttore amministrativo:l’università di bergamo è fra quelle che ha le tasse più basse (molto meno del politecnico di milano e della statale di milano).

  4. Scritto da pingoreale

    alla statale di milano si paga molto di più!