BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bosatelli si dimette: “Su di me effetto fango”

Dopo il caso dell'acquisto di una casa, finito alle "Iene", il segretario della Lega per la Val Seriana si dimette, abbandonando anche la tessera di socio militante della Lega Lombarda - Lega Nord.

Più informazioni su

Riceviamo e pubblichiamo la lettera ufficiale di dimissioni di Bruno Bosatelli dalla carica di segretario della Lega Nord per la Valle Seriana e di dimissioni dal direttivo provinciale di Bergamo della Lega Lombarda. Dopo la trasmissione delle Iene Bosatelli parla di “effetto fango”. La sua lettera di dimissioni è datata 18 novembre, già pronta settimana scorsa.

 

Dal 1993 ad oggi ho vissuto con entusiasmo, spirito di abnegazione per le battaglie del nostro movimento e seguendo senza indugio le direttive nazionali e federali con venerazione per il lavoro sin qui svolto dal nostro Segretario Federale On. Umberto Bossi, al quale va il mio piu fraterno saluto.
Dal 16.11.2011 la mia vita personale ha subito una radicale e brusca frenata. I contenuti della trasmissione “Le Iene” oltremodo lontani dalla verità hanno infangato la mia sfera personale e coinvolto un esponente del movimento.
L’immediato effetto, “effetto fango”, mi impone di rivedere le mie priorità di vita al fine di tutelare la mia immagine, la mia professionalità e l’onorabilità della mia famiglia.
Lo spirito inoltre che mi porta alle presenti dimissioni è quello anche di allontanare dal movimento ogni possibile macchia di non chiarezza. Chiarezza che farò nelle sedi opportune, ove esplicitare nei dettagli della mia vicenda, distorta e mal rappresentata dalla trasmissione di Italia1.
In tutti questi anni, i piu belli della vita di una persona, ho avuto esperienze uniche e irripetibili: il ruolo di Sindaco di Villa d’Ogna. Alla gente del mio paese la gioia e l’affetto di sempre. Porterò nel cuore sempre quegli anni.
Durante questi anni ho incontrato persone oneste, in gamba, semplici con le quali ho condiviso obiettivo di Libertà per la nostra terra.
Ora è la mia libertà di persona invasa, danneggiata. E devo dedicare a me stesso il giusto e completo tempo per riprendere ciò che piu caro a ogni persona: la dignità. In questi anni ho servito il movimento come tantissimi militanti e con i miei limiti. Le mie dimissioni di oggi spero vengano lette così, come un ultimo gesto di servizio.
Chiedo sulla vicenda e sulle stesse dimissioni il massimo rispetto, consapevole che per quanto riguarda la recente vicenda finirà in una bolla di sapone e per il nostro movimento momenti di gloria fino alla conquista della libertà della Padania.
Con il cuore infranto rassegno le mie dimissioni irrevocabili: 1. Dalla carica di Segretario di Circoscrizione 20 Valle Seriana; 2. Da componente del Direttivo provinciale di Bergamo della Lega Lombarda Lega Nord; 3. Da socio ordinario militante della Lega Lombarda Lega Nord.

Un abbraccio a tutti i militanti volenterosi della Val Seriana, a tutti i segretari di sezione della Valle Seriana (“mi sono trovato bene con voi”), ai componenti del direttivo provinciale di Bergamo ed agli esponenti del movimento che mi conoscono meglio di altri.
Nei prossimi giorni curerò personalmente il passaggio di consegne con il commissario della circoscrizione 20. Un ringraziamento particolare al mio testimone di nozze, Nunzio, che per me prima che essere onorevole è un amico caro ed al quale auguro ogni bene.
A te Cristian, e per te e con te, tutti gli esponenti bergamaschi del movimento un ringraziamento per il tempo, il lavoro svolto insieme per il bene di Bergamo, dei nostri Comuni, e per il conseguimento dei nostri obiettivi statutari.
Al Segretario Nazionale on Giancarlo Giorgetti la preghiera di estendere il mio grazie per questi anni a Umberto Bossi, a Calderoli, Maroni e Castelli e un po’ di comprensione per le mie debolezze e le mie incapacità.

Un abbraccio fraterno a tutti
Villa d’ogna,
18 novembre 2011

Bruno Bosatelli

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da almagesto

    ma date i soldi a quel poveraccio… ma che razza di impioccio c’è dietro? la gente lavora mica hanno tutti i vostri stipendi, le dimissioni mi sembrano il minimo vista la vergogna!!!

  2. Scritto da ezio

    ha saputo dare al paese una cosa che altri sindaco non hanno mai fatto non capisco tutto questo accanimento verso una persona…..ha sbagliato e basta !…facciamo tutti l’esame di coscienza quando arriviamo a casa…..ce ne’ x tutti e allora?….non mi sono mai interessato di politica….sono brusetti ezio. ciao a tutti

  3. Scritto da Seriano

    Bosatelli (esecutore materiale del raggiro) si é dimesso

    e il cosidetto onorevole ALESSANDRI (beneficiario finale dell’appartamento) che cosa fa???

    Finge di niente??? E’ ignaro e inconsapevole???
    Pure lui si trova un appartamento a sua insaputa?

    ALESSANDRI : DIMISSIONI !!!

    1. Scritto da Valli-co

      La quadratura per le richieste dimissioni si avra’ in conseguenza di questa notizia, tratta dal sito Dagospia: “FUGA DA MONTECITORIO (DEI PARACULI) – SAREBBERO UNA CINQUANTINA I PARLAMENTARI CHE PENSANO DI LASCIARE LO SCRANNO ENTRO FINE ANNO, PER NON PERDERE I RICCHI PRIVILEGI PENSIONISTICI “

  4. Scritto da Alonso

    Ma per favore!! Macchina del fango!?! Dovrebbero ripristinare il reato penale per l’emissione di assegni a vuoto. Il danno non e’ per le banche ma per il beneficiario, che non ha altra possibilita’ che aspettare forse dieci anni in cause civili per avere il dovuto.Vergogna!

  5. Scritto da CARLO

    Per iniziare sono certo che le Iene verificano le notizie; poi hanno pure mostrato fotocopie di assegni protestati, quindi mi domando quale interesse avrebbe il povero taxista di Roma ad inventare una storia del genere!
    Per favore, sig. Bruno Bosatelli, non racconti storie: piuttosto, secondo me, ha fatto benissimo a dimettersi da ogni carica ma forse è meglio “chiudere qui” tutta la faccenda senza lamciare più o meno velate minacce a qualcuno!
    Auguri

  6. Scritto da lol

    per quello che riguarda l’albo protesti .. con la crisi che c’e io lo abolirei del tutto ..e poi a chi serve ???? alle banche ??la camera di commercio non dovrebbe tenere quell albo
    mi pare che le banche già abbiano troppo potere che noi poveri italiani gli abbiamo concesso
    la maggior parte delle volte uno viene protestato perchè in effetti non ci sono soldi in quel momento sul conto corrente o cose simili ..per necessita direi
    specie in questi ultimi anni le persone protestate sono triplicate ma intanto chi ci guadagna ?? solo per fare la procedura di cancellazione ci vogliono soldi
    se i protestati non possono avere + conti correnti o fidi il lavoro vien fermato e come sempre i soldi non girano

  7. Scritto da Fabrizio

    Questo è il prototipo del leghista medio, federalismo fiscale in tv, federalismo personale nel privato… bella grassa sta Roma ladrona eh???!!

  8. Scritto da nardire

    anvedi che faccia sicuramente se lè magnati ma proprio tutti!!!

  9. Scritto da Damiano

    Ma le Iene, mandano in onda scoop senza riscontro?
    Secondo me i cittadini devono essere contenti di certe cose che vengono a galla.
    Al di là dell’appartenenza politica, adesso abbiamo bisogno di persone senza ombre.
    Speriamo sia finita l’epoca delle destre, delle sinistre, delle leghe.
    Se uno viaggia per abitudine “scoperto”, non può ambire a dar lezioni di morale e far sermoni sull’onorabilità.

  10. Scritto da Seriano

    Ieri ero in Camera di Commercio e per quella curiosità che spesso sconfina nel pettegolezzo, mi sono concesso il lusso di spendere un paio di Euro per vedere all’Ufficio preposto il Registro Informatico dei Protesti.
    Una risposta così copiosa, nemmeno lo potevo immaginare: alla query “BOSATELLI BRUNO” la stampante ha sfornato una raffica di fogli con una miriade di segnalazioni di “IMPAGATI / PROTESTI” made in Bosatelli.
    Non è l’effetto “fango”, piuttosto è l’effetto “cabriolet” generato da una pletora di effetti scoperti.
    Non solo si è persa l’immagine, lì si è persa soprattutto la SOSTANZA.
    “Caro” Bruno, non bastano le chiacchiere: per sanare quella situazione servono le PALANCHE!

  11. Scritto da milly.67

    E VAI……MENO UNO !!!!

  12. Scritto da marco

    lettera scritta in modo disarticolato. rimane il fatto che un assegno protestato risulta davvero difficilmente giustificabile, a fronte per altro di sms chairamente dilatori. leggo la missiva interpretandola come segno di resa più che quale tentativo di afforontare la vicenda nel merito. diversamente da altri, credo debba comunque essergli riconosciuto il merito di essersi prontamente messo da parte. null’altro tuttavia.

  13. Scritto da pippo

    A parte i ripetuti errori di costruzione della frase, che certo non costituiscono reato ma indubbiamente appesantiscono la lettura, da non conoscente della vicenda giudiziaria chiedo: ma se è davvero “insussistente”, perchè non sono state fornite prove in tal senso? E perchè una lettera che sa più di “addio” piuttosto che di “arrivederci a quando avrò chiarito tutto”? E poi, quell’ “immagine” che viene prima della “onorabilità della famiglia” alla riga 9 mi lascia un pò perplessa