BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cittadinanza agli stranieri Bergamo boccia: concordi?

La richiesta di modifica della legge per l'ottenimento della cittadinanza italiana per gli stranieri scalda il Consiglio comunale.

Più informazioni su

La richiesta di modifica della legge per l’ottenimento della cittadinanza italiana per gli stranieri scalda il Consiglio comunale. L’opposizione chiede all’amministrazione di aderire alla campagna Anci denominata “L’Italia sono anch’io” e sponsorizzare la raccolta firme attraverso il sito internet istituzionale. E’ invece presentata da Nadia Ghisalberti, Lista Bruni, la proposta di informare i giovani di origine straniera nati in Italia della possibilità di richiedere la cittadinanza al 18esimo anno d’età, una “finestra legislativa” che attualmente dura solo per un anno. Entrambe le proposte sono state bocciate dalla maggioranza, con la Lega Nord fortemente contraria. “E’ un appello alle istituzioni, alle forze politiche e a quelle sociali perché ciascuno sia chiamato a contribuire” – spiega Elena Carnevali, capogruppo del Pd. “Mi auguro che, diversamente da quanto si sostiene a Palafrizzoni – è il commento di Sergio Gandi, Pd -, nelle aule parlamentari qualcuno accolga l’invito più volte sostenuto dal presidente Napolitano di garantire diritti agli stranieri. Che in Bergamasca sono 145 mila. Di questi oltre 20 mila sono nati in Italia. Sono dati che non è possibile ignorare”. “Siamo contrari all’ordine del giorno relativo alla raccolta firme promossa dall’Anci – commenta Alberto Ribolla, capogruppo del Carroccio – . Riteniamo che il progetto di legge non sia giusto perché il diritto di voto deve essere acquisito dopo un percorso di integrazione”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gino

    Non si sentono italiani pur essendo nati in Italia. Allora applichiamo lo stesso principio ai padani: obbligo di permesso di soggiorno.
    “il diritto di voto deve essere acquisito dopo un percorso di integrazione”: nemmeno per noi italiani c’è il diritto di voto grazie alla legge porcata concepita dalle menti raffinate della lega.

  2. Scritto da Alberto

    Perchè la Costituzione viene presa a modello immutabile ed intoccabile solo quando fa comodo? Se è la stessa Costituzione a dire che i cittadini per avere la cittadinanza devono avere determinati requisiti, non capisco perchè le solite bandieruole si girino dalla parte dove tira il vento con queste polemiche inutili…

    1. Scritto da rodolfo pandolfini

      Scusa Alberto ma dov’è che la Costituzione italiana detta i requisiti per accedere alla cittadinanza? A me risulta che a farlo sia una legge ordinaria (la 91 del 1992), che può essere cambiata in ogni momento dal parlamento.

  3. Scritto da marilena

    io sono amica di tre sorelline 10, 8 e 1 anno nate in italia. Le più grandi frequentano la scuola, parlano italiano, senegalese e capiscono anche il bergamasco(capito lega?) però non sono italiane! Le maestre non volevano credere che una discriminazione del genere fosse vera e invece lo è: una vergogna tutta italiana. Da notare che negli altri paesi se un bambino nasce durante un viaggio dei genitori viene considerato cittadino di quel posto. Leghisti piantatela, non vi crede più nessuno, siete solo dei razzisti.

    1. Scritto da Arturo

      Prova a chiederlo alla Germania.comunque la Lega ha un assessore nero a Spirano e un sindaco nero e donna a Viggiù

      1. Scritto da gino

        La lega ha anche ai suoi vertici personaggi che non hanno mai lavorato un giorno nella loro vita (vedi Trota e padre) eppure si lavano la bocca con la tanto decantata ‘laboriosità’ del popolo padano. Questo è la lega: tutto e niente.

  4. Scritto da Rocky

    E’ uno schifo pensare che bambini nati in Italia non devono essere cittadini Italiani.. ,, Io sono stato adottato e sono cittadino italiano , ma quante persone quando passeggio per strada magari pensano che io sono straniero solo per i miei lineamenti e colore di pelle ,, a questa cosa io non do peso perchè non sanno niente e purtroppo l’ignoranza delle persone in questo paese è molto alta .
    E’ difficile per loro pensare che un italiano possa avere lineamenti o colore di pelle diverso da loro , l’integrazione ci deve essere perchè non si può vivere ancora nel 2011 senza integrazione altrimenti gli italiani all’estero dovrebbero tutti tornare a casa loro .
    Vorrei che Il nuovo cittadino italiano non deve per forza avere i lineamenti ceppo italici o europei ma bensì senza distinzione di colore di pelle ed etnia ..

  5. Scritto da odino

    Ma la Lega ha mai fatto discorsi seri negli ultimi venti anni? E poi perchè parlano di italianità, proprio loro che sono Padani, figli del Dio Thor, nipoti di Odino, vestiti di spade ed elmi cornomuniti, con sangue celtico nelle vene?

    1. Scritto da daniela

      commento ineccepibile

  6. Scritto da pippo

    E poi mi raccomando… domenica tutti a messa. Evviva l’ipocrisia dei bergamaschi di destra.

  7. Scritto da paperino

    cambiate la foto: anche uno svizzero, un canadese e un finlandeso sono extracomunitari, e notoriamente di carnagione chiara….Basta con questi stereotipi

  8. Scritto da Corrado

    Sono d’accordo con il Presidente Napolitano. Chi nasce in Italia è da considerarsi un cittadino italiano……………………

    1. Scritto da aristide

      pensino prima a risolvere i gravi problemi economici, altrimenti non cene sarà ne per noi ne per loro!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  9. Scritto da Walter

    Speriamo sia l’inizio della fine anche per la Lega, non se ne può veramente più!!! hanno il coraggio di chiedere agli altri il federalismo!!! ma in 20 anni di governo non sono riusciti a fare niente?

  10. Scritto da padano doc

    A CASA LORO

  11. Scritto da nadia ghisalberti

    E’ stata bocciata la richiesta di inviare ai neo 18enni stranieri nati in Italia l’informazione sulla possibilità di diventare cittadini italiani, secondo quanto già prevede la legge italiana. E’ quindi ancora più vergognoso questo voto del consiglio comunale perchè ha negato la diffusione di una norma esistente. Non è un bel segnale la paura dell’informazione.

    1. Scritto da cittadino

      Lega e Pdl erano contrari all’ordine del giorno per promuovere il diritto di voto agli extracomunitari dopo 5 anni, ma si erano dichiarati favorevoli a 2 punti su 3 dell’altro odg per garantire informazione. il centrosinistra ha negato la votazione per punti separati, così da costringere la maggioranza a votare contro su tutto. un’operazione demogogica ancora una volta della sinistra.

  12. Scritto da giustino

    io dico solo una cosa poi lascio la parola la parola ai falsi perbenisti sparsi per il mondo. LORO A CASA NOSTRA DEVONO RICEVERE LO STESSO TRATTAMENTO CHE CI RISERVANO A CASA LORO!

    1. Scritto da ggg

      ma ci sei mai stato tu a casa loro ???
      io sono stato in bolivia, in argentina, in brasile, e in albania, e in bosnia e in serbia, e … in un sacco di posti che non sono sharm el sheik o come diavolo si scrive …
      e ti assicuro che ogni volta l’accoglienza è stata per lo meno imbarazzante …

    2. Scritto da Ezio

      Quale trattamento ci riservano a CASA LORO?
      Io vedo italiani che vanno a Sharm e fanno la bella vita.
      Io vedo italiani che vanno a Hammamet e fanno la bella vita.
      Io vedo italiani che vanno a Agadir e fanno la bella vita.
      Io vedo italiani che vanno a Kiev e fanno la bella vita.
      Io vedo italiani che vanno a Bucarest e fanno la bella vita.
      Io vedo italiani che vanno a Rio e fanno la bella vita.
      Io vedo italiani che vanno a Bangkok e fanno la bella vita.
      Io viaggio abbastanza e ho sempre trovato ospitalità.
      Posso comprendere che ottenere la cittadinanza deve essere un percorso impegnativo, ma le fanfaronate “a casa nostra, a casa loro” sono slogan per sottosviluppati. Altro che perbenismo.

    3. Scritto da incompreso

      caro giustino, mi permetta una domanda: lei ha ricevuto un particolare trattamento “a casa loro”?

      non sono al corrente, per fare un esempio, di italiani che vanno in senegal in cerca di lavoro. probabilmente mi è sfuggito il fenomeno.

      dopo di che: se anche “ci” venisse riservato un particolare trattamento “a casa loro”, noi dovremmo commisurare la nostra civiltà giuridica e le nostre scelte di ordinamento alla eventuale altrui barbarie? (ripeto, per essere più chiaro: ammesso e non concesso che questa barbarie esista)

    4. Scritto da Daniele

      Ci sei mai andato, a casa loro? Che ti hanno mai fatto?

    5. Scritto da kratos

      io la penso ESATTAMENTE come te!

  13. Scritto da neftali

    normale, che la lega dica no!prima i padani poi gli altri….peccato che roma ladrona regni da 17 anni grazie al consenso della lega…
    “Riteniamo che il progetto di legge non sia giusto perché il diritto di voto deve essere acquisito dopo un percorso di integrazione” p.s se uno nasce e vive qui fino al compimento dei 18 anni è perfettamente integrato, ciò che forse non si riesce ad integrare è il cervello padano con la logica umana.
    lega ladrona mangia a roma…

    1. Scritto da paolo

      Sono talmente integrati che non ho visto nessuna persona di colore darsi da fare spalare fango dopo le alluvioni o rimuovere macerie dopo un terremoto! I nostri ragazzi c’erano! E non è questione di Lega o PD o quello che vuoi, è solo amore per la propria terra che evidentemente anche se nati in Italia non sentono

      1. Scritto da Fausto

        Senza uscire dalla nostra provincia, vai a vedere quanti immigrati di varie nazionalità ci sono nei gruppi di Protezione Civile bergamaschi.

        1. Scritto da Paolo

          e le immagini…ripeto si sono visti solo i nostri ragazzi

      2. Scritto da carlo

        forse non hai guardato bene. O forse hai il paraocchi. Un Estone, un Argentino, un Messicano, un Cecoslovacco o un Lituano devono essere per forza di color “cioccolato”, per vedere che non sono italiani?