BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo, bimbo salvato da una chiamata al 113

Papà milanese, in stato confusionale, cerca di sbarazzarsi del figlio sulla tangenziale milanese. Un operaio lo vede, lo segue e chiama la polizia. Il piccolo ha riabbracciato la madre, il padre ricoverato in psichiatria. Non c'è nessuna denuncia.

Più informazioni su

E’ sembrato quasi che volesse sbarazzarsi del figlio, facendolo salire sul furgone di uno sconosciuto. Ma proprio quello sconosciuto, un operaio, si è preoccupato di seguire il papà del bambino, che era in stato confusionale, e ha anche chiamato la polizia. Grazie a quella chiamata al 113 la mattinata piuttosto concitata di una famiglia milanese è finita nel migliore nei modi, negli uffici della questura di Bergamo.

Tutto è iniziato quando la famiglia milanese, mamma, bimbo di 5 anni e papà, che soffre di una certa depressione, sono andati da un pediatra. Al termine della visita il padre si è impegnato a portare a casa il figlio, ma non l’ha fatto. Con il bimbo in macchina ha iniziato a girovagare sulle tangenziali di Milano, fino ad arrivare in una piazzola di sosta a Buccinasco. Di fronte all’auto del papà c’era il furgone di un operaio, fermo in sosta. Il padre è sceso dall’auto, con il bimbo, l’ha portato fino al furgone e l’ha fatto salire sul sedile del passeggero. Fino a quando l’operaio, un perfetto sconosciuto, gli ha chiesto cosa stesse facendo.
E’ stato a quel punto che il papà si è ripreso il bimbo riportandolo nella sua macchina e ripartendo sulla tangenziale. L’operaio ha avuto l’accortezza di prendere il numero di targa, di seguire per un tratto l’auto con padre e figlio, e soprattutto di chiamare il 113. La vettura è stata intercettata, dopo circa tre quarti d’ora, all’altezza di Dalmine, in A4, poi a Bergamo, dopo l’uscita al casello cittadino. Le volanti di polizia, supportate da una pattuglia della Polfer di Bergamo che in quel momento era disponibile, sono riusciti a intercettare l’automobile con padre e bimbo, in città.
L’auto è stata fermata. Dopo alcune domande in questura per il papà c’è stato il ricovero nel reparto di Psichiatria dei Riuniti. La madre, avvertita dalla polizia quando la situazione era assolutamente tranquilla, ha potuto riabbracciare suo figlio in questura. La polizia ha inviato una segnalazione dell’accaduto al tribunale dei minori e alla procura della Repubblica. Nei confronti del padre non è stata formulata nessuna ipotesi di reato.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.