BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gasolio alle stelle L’allarme Federconsumatori

Federconsumatori Bergamo ha monitorato i prezzi dei distributori di benzina nell’ultimo mese, constatando un’allarmante impennata dei prezzi per il gasolio.

Più informazioni su

Federconsumatori Bergamo ha monitorato i prezzi dei distributori di benzina nell’ultimo mese, constatando un’allarmante impennata dei prezzi per il gasolio. Ecco le constatazioni dell’Associazione a difesa dei diritti dei consumatori bergamaschi:

 

“Tra il 18 ottobre e il 18 novembre (un mese di tempo) chi usa carburante per veicoli diesel ha dovuto subire aumenti di spesa superiori a quelli legati al consumo di benzina verde: ormai il divario tra il costo della benzina e quello del gasolio si è ridotto mediamente a meno di 5 centesimi il litro. Ma c’è di peggio: in alcuni casi il gasolio costa anche più della “verde”; basta sbagliare distributore, anche di pochi metri, e il gioco è fatto. Esemplare il listino prezzi verificato questa mattina in Via Broseta a Bergamo tra il distributore ENI e quello Esso, che distano tra loro meno di 150 metri. Il primo (ENI) vende il gasolio in modalità “servito” al prezzo di euro 1,591 il litro, la verde a 1,649; Esso fa pagare il gasolio € 1,499 e la “verde” € 1,575. Questo dimostra che il gasolio costa 1,6 centesimi più della benzina verde. Se non fosse che stiamo parlando di prezzi “stellari” potremmo rallegrarci per la concorrenza esistente tra i distributori. La sostanza, purtroppo, è un’altra: nessuno è in grado di controllare la pazza corsa all’aumento ingiustificato dei prezzi e nemmeno c’è chi si attiva per rendere pubblici i prezzi in modo da offrire ai consumatori una possibilità reale di scelta”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da PARIS ROBERTO

    Penso che sia scandaloso che l’unico commento presente sia in quast direzione. Puntualizzazioni di poco conto anche se dovute. Ma la gente non si rende conto che piano piano il prezzo mira ad arrivare ai 2 euro al litro. Nonostante il prezzo del petrolio cali i prezzi della benzina e gasolio aumentano costantemente. Speriamo che quelli di questa settimana siano gli ultimi aumenti per il periodo. Della serie intanto che possiamo aumentiamo e portiamo a casa. Poi arriverà il controllore. . . già poi. . . forse.
    Ma il controllo è ancora sul tram?

  2. Scritto da DB

    per la Redazione: probabilmente c’è un errore nell’articolo.
    Le cifre indicate come esempio non mostrano il maggior prezzo del gasolio rispetto alla benzina, ma il contrario. E la differenza è di circa 6 centesimi, non 1,6.