BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Da Bergamo alla Cina sulle note del piano

Dal 21 al 29 novembre a Pechino la terza edizione del Beijing International Piano Festival, a cui collabora il Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo.

Dal 21 al 29 novembre si terrà la terza edizione del Beijing International Piano Festival, sull’onda del successo dei precedenti successi che hanno raccolto il plauso di un pubblico numeroso ed entusiasta, un notevole interesse da parte dei media ed un folto gruppo di giovani desiderosi di approfondire la conoscenza della musica classica occidentale e di entrare in contatto con le star del pianoforte. Questa terza edizione sarà ancora nel segno della collaborazione tra il Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo e China Broadcasting Performing-Arts Group, che in questi anni ha portato a Pechino artisti del calibro di Gerhard Oppitz, Boris Berezovsky, Lilya Zilberstein, solo per citarne alcuni.

Domenica 20 novembre si terrà la cerimonia d’apertura al St. Regis Hotel di Pechino, a cui parteciperanno numerose personalità ed autorità, fra le quali il Vice Ministro delle Telecomunicazioni Zhang Pi Min. In rappresentanza del Festival di Brescia e Bergamo saranno in Cina il Presidente Andrea Gibellini, il Direttore artistico Pier Carlo Orizio e il Consigliere delegato Silvio Galli.

Lunedì 21 la parola passerà alla musica con il concerto inaugurale che la China Broadcasting Symphony Orchestra, sotto la guida di Lin Tao, terrà al National Centre for the Performing Arts.

Martedì 22 è il giorno di Mischa Maisky, il musicista più atteso di questa terza edizione del Festival: accompagnato dalla figlia Lily al pianoforte, il virtuoso del violoncello presenterà un brillante programma che includerà brani di Beethoven, Brahms, Granados, Albéniz e De Falla.

La serata del 26 novembre sarà invece tutta dedicata a giovani interpreti cinesi che, affiancati dalla National Symphony Orchestra, avranno l’opportunità di mettere in mostra il loro talento. Dall’Italia arriverà Giuseppe Andaloro, Premio Busoni 2005 e fresco vincitore del prestigioso Concorso di Hong Kong: il pianista siciliano, di cui ricordiamo anche la recente collaborazione con l’Orchestra del Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo nella registrazione di un CD per la rivista Amadeus, sarà impegnato in un concerto a inviti in un esclusivo club privato.

Il festival si chiuderà martedì 29 novembre con il ritorno a Pechino di Olga Kern, protagonista già della prima edizione con un’esibizione che entusiasmò il pubblico cinese. L’affascinante pianista russa, che divide la sua vita tra New York e Mosca, è destinata ad accendere nuovamente la platea della Beijing Concert Hall con un recital dedicato a Schumann, Rachmaninov e Skrjabin.

La direzione artistica del Beijing International Piano Festival è affidata a Pier Carlo Orizio, direttore d’orchestra e direttore artistico del Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo e ad Ai Li Qun, compositore e vice presidente di China Broadcasting Performing-Arts Group.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.