BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Vogliamo riprenderci pacificamente la città”

Pubblichiamo il comunicato del Movimento studentesco in merito alla manifestazione degli studenti organizzata a Bergamo giovedì 17 novembre.

Pubblichiamo il comunicato del Movimento studentesco in merito alla manifestazione degli studenti organizzata a Bergamo giovedì 17 novembre.

 

Oggi a Bergamo si è svolto un corteo promosso dal Movimento Studentesco, era nostra intenzione riprenderci pacificamente la città. In tutta Italia gli studenti hanno fatto sentire la loro voce con oltre sessanta cortei per richiedere investimenti economici per sostenere il diritto allo studio. Pur essendo entusiasti della caduta di Berlusconi guardiamo con preoccupazione al nuovo “governo tecnico” guidato da Mario Monti. Il governo ha mostrato il proprio volto: è il volto dei banchieri, dei manager, degli speculatori, delle lobby ecclesiastiche e militari. Inquietano le dichiarazioni della dimissionaria Gelmini che si è affrettata ad elogiare il nuovo ministro dell’istruzione. Il corteo che ha sfilato per Bergamo ha visto la partecipazione di oltre mille studenti. Durante la manifestazione abbiamo, con un’azione non-violenta, appeso uno striscione sulla cancellata d’ingresso alla sede della Banca d’Italia, simbolo della speculazione finanziaria in atto. “Né Monti né Tremonti, noi non facciamo sconti”, per denunciare la nostra sfiducia nelle politiche neo-liberiste applicate senza distinzione dal nuovo e dal vecchi governo. La polizia è intervenuta spintonando gli studenti che si erano seduti davanti alla banca in segno di protesta. Questa azione entra nel clima di repressione, intimidazione e sospensione delle regole democratiche che si respira in questo paese da alcuni anni. Riteniamo inaccettabile che la polizia, senza alcun motivo, abbia fermato alcuni ragazzi a margine del corteo, uno dei quali ammanettato e trasportato violentemente in questura. Solo la determinazione degli studenti presenti ha permesso al corteo di proseguire senza ulteriori problemi e ingiusti fermi. La polizia, schierata in assetto antisommossa, ha poi impedito alla manifestazione di raggiungere la scuola privata Sant’Alessandro e la sede della Regione Lombardia. Avevamo scelto questi obiettivi per contestare le politiche della Regione che finanziano con i soldi pubblici le scuole private lasciando sul lastrico gli istituti pubblici. Il corteo si è concluso con un assemblea pubblica durante quale molti studenti sono intervenuti per chiarire la contrarietà del mondo della scuola nei confronti del nuovo governo e del suo ministro dell’istruzione. Il governo Monti servirà solo ad applicare le direttive della Banca Centrale Europea che prevedono politiche di austerità e ulteriori tagli al Welfare State. I risultati saranno ancora una volta l’aumento del divario tra ricchi e poveri che amplierà la crisi economica. Una politica alternativa esiste: democrazia reale attraverso nuove elezioni; la cancellazione della riforma Gelmini e dei tagli all’istruzione pubblica, nuovi investimenti per garantire il diritto allo studio. Crediamo che queste politiche possano essere finanziate da una vera lotta all’evasione fiscale e da una tassa patrimoniale sulle grandi ricchezze.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.