BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Tassa soggiorno, Tentorio ascolti gli albergatori”

L’opposizione si scaglia contro la decisione della Giunta di approvare la tassa di soggiorno prima di discutere del provvedimento con le associazioni degli albergatori.

Più informazioni su

L’opposizione si scaglia contro la decisione della Giunta di approvare la tassa di soggiorno prima di discutere del provvedimento con le associazioni degli albergatori.

 

La Giunta ha dato ieri il via libera alla tassa di soggiorno. Registriamo che l’apparente disponibilità offerta dal Sindaco alle minoranze a discutere dei contenuti del bilancio 2012 è venuta meno: la maggioranza va per conto suo. Ma tant’è. La tassa di soggiorno è stata introdotta in altre città che hanno una chiara vocazione turistica: Venezia, Roma e Firenze, tra le altre. Ma Bergamo è diversa: stiamo parlando di una città che, nonostante gli 8 milioni di passeggeri che transitano nell’aeroporto di Orio, fatica a decollare come meta turistica e fonda ancora oggi l’attività alberghiera sui manager, gli agenti ed i clienti delle aziende che operano sul territorio, che da tale decisione rischiano di essere fortemente penalizzate. Abbiamo forti chance di crescita, ma servono prudenza ed equilibrio per non penalizzare oltremodo gli operatori del settore e compromettere gli sforzi fatti in questi anni per rendere Bergamo una città accogliente. Una prima perplessità riguarda il metodo: è il momento di essere seri (ce lo insegna la politica nazionale) e di guardare alle condizioni del bilancio 2012 in maniera complessiva, evitando di affrontare le questioni spinose spogliando il “carciofo” un po’ per volta e dando alla stampa annunci estemporanei. Incidere sulla vita dei cittadini e degli operatori economici con tasse e rincari è una scelta che va compiuta nella piena conoscenza dei dati e consapevolezza degli obiettivi da perseguire. L’Amministrazione deve dire subito se intende operare una revisione della spesa, indicando le spese che si intendono privilegiare e quelle che possono essere ridotte; se la tassa di soggiorno sarà l’unica imposta del 2012 o se si pensa di incrementare l’Irpef sino allo 0,8 per mille; se si venderà un’altra parte delle azioni A2A. Una seconda perplessità riguarda il metodo di confronto con le categorie e gli operatori: perché avviene dopo e non prima che la decisione venga assunta? Il confronto a posteriori, dopo che la polemica è sorta, è una presa in giro. Tentorio l’ha già fatto per l’aumento del canone di occupazione del suolo pubblico e della tassa rifiuti, che hanno colpito le stesse categorie economiche. Infine, la destinazione delle risorse che la tassa di soggiorno porterebbe: la giustificazione che il presunto introito di 1,2 milioni di euro serva a finanziare il progetto Unesco, Expo e la candidatura di Bergamo capitale della cultura non tiene. Per il progetto Unesco il Comune spende poco più di 200.000 euro, per Bergamo capitale della cultura non più di 20.000 euro, mentre per Expo nulla si sa, né in termini di idee né di risorse da impegnare. La verità è che la tassa di soggiorno si perderà nel mare magnum del bilancio generale del Comune. Ma se è così, non è meno ipocrita parlare con chiarezza agli operatori e, dopo aver risposto alle domande che abbiamo posto, decidere insieme a loro quali sacrifici si devono sostenere ?

 

Elena Carnevali, capogruppo PD            

Sergio Gandi, consigliere comunale Pd

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da caloggero

    1) perchè le altre città d’arte “possono” e bergamo no?!
    2) i rincari di tassa sui rifiuti e l’aumento del canone dell’occupazione del suolo pubblico possono essere considerati non equi perchè colpiscono le solite categorie economiche e tutti (o alcuni) i cittadini bergamaschi. perchè tassare e “spremere” economicamente solo questi ultimi e non, a maggior ragione, chi soggiorna in città? perchè i cittadini sì e gli “avventori” no? tanto, visto che noi – che a bergamo abitiamo -torneremo presto a pagare l’Ici, tanto vale che paghino una tassa anche coloro che qui soggiornano..

    1. Scritto da Michele Forchini

      Ma smettiamola di essere finto populisti. Una tassa così, a Bergamo, farà solo danni, perché Bergamo non è New York, non è Roma e nemmeno Siena. In tutta la provincia passano meno turisti che nella sola ValSugana (mica l’Alpe di Siusi o Cortina!!!). I soggiorni maggiori si hanno dei 4 stelle, per cui un turista pagherà a notte 4 euro in più, il che vuol dire 4 euro in meno spesi in città, oltre al danno d’immagine. Gli ostelli 1,50€, che se rapportato ai loro prezzi (17-18€) diventa una tassa molto costosa e sproporzionata. Il target di Bergamo è formato oltre che dai viaggiatori business, da viaggiatori di medio/alto livello culturale, che stanno molto attenti alla spesa economica e spesso hanno un budget giornaliero. Questo taglierà le gambe di netto all’industria turistica cittadina e avvantaggerà le strutture fuori città, che la tassa non la pagheranno (spesso gli hotel in periferia sono 1 per paese…)

      1. Scritto da caloggero

        i turisti sono abbastanza intelligenti da capire che 4euro o 1,50euro non spesi per l’albergo si spendono per il trasporto e quindi non rinunceranno a pernottare in città. poi è vero che saranno soldi non spesi in città, proprio per questo non dovrebbero andare nelle casse comunali “a fondo perduto”…

      2. Scritto da poeret

        Senza poi parlare del fatto che Bergamo è una delle città più care d’Italia per quanto riguarda poi i consumi in generale..dai bar, ai ristoranti..alla focaccia in panetteria, aggiungiamo i mezzi pubblici cari e poco funzionali..visto che abbiamo un aeroporto importante come traffico passeggeri ma un collegamento all città da 3^ mondo ecco fatto lo scoraggiare i Turisti

  2. Scritto da Paiolo Orobico

    Ma bella idea dove? Se non sai di che si parla, evita di commentare!!

  3. Scritto da Giovanni

    La solita sinistra capace solo di dire NO! i problemi cari signori rimangono e questa della tassa di soggiorno mi pare una buona idea. Bravi avanti così!