BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Tanti ministri del Nord? Alla Lega non basta”

L'onorevole lumbard spiega la posizione del Carroccio nei confronti del nuovo governo Monti. "Difenderemo il lavoro e le pensioni di anzianità, no alla reintroduzione dell'Ici".

Il nuovo governo Monti cerca la fiducia. Ma la Lega vota contro. Eppure scorrendo la lista dei 17 tecnici che compongono il nuovo governo ce ne sono sei lombardi a quali si aggiungono uno a testa per Liguria, Piemonte ed Emilia Romagna.
Insomma se non proprio della Padania, il Nord tanto decantato da Umberto Bossi può contare su posti chiave nell’esecutivo Monti.

Onorevole Giacomo Stucchi, perché la Lega non voterà la fiducia con un governo che conta oltre a Monti conta cinque ministri lombardi?

“Non è questione di geografia, né di programmi. Il governo Monti nasce con il consenso delle banche e dei potentati economici, ma non ha quello che conta in democrazia: il consenso dei cittadini”.

Come lo spiegate alla base leghista che votate contro un governo che conta il Presidente del consiglio un lombardo e tra i ministeri più importanti personalità di rilievo?

“Per prima cosa li trovo tutti abbastanza un anziani, il governo Berlusconi contava più giovani”.

Se è per questo il vostro governo contava anche alcune bellezze tipo Carfagna, Prestigiacomo…

“Che erano delle quarantenni. Monti poteva scegliere dei tecnici giovani, che ci sono e sono preparati”

Quindi la provenienza non conta, cancelliamo tutto d’un colpo la Padania?

“Non è un problema dove uno nasce. Gianfranco Fini è di Bologna ma è un centralista, don Sturzo era siciliano ma era federalista”.

Monti è solamente lombardo.

“Brava persona, ma non è legittimato a governare perché non è stato eletto dal popolo”.

Il governo Monti nasce perché il governo Berlusconi non aveva più la maggioranza. Il presidente Napolitano ha affidato l’incarico a Monti che ha trovato un’ampia maggioranza parlamentare pronta a sostenerlo. La Lega non è andata nemmeno alle consultazioni. Non crede sia stato uno sgarbo?

“No. A Monti abbiamo telefonato dicendo che non lo avremmo sostenuto. Siamo stati chiari fin dall’inizio. L’unica via erano le elezioni anticipate. Funziona così in democrazia”.

Alle elezioni non ci potevamo andare adesso, perché c’erano delle indicazioni che arrivavano dall’Unione Europea e che il governo Berlusconi ha disatteso. Serviva e serve un governo di emergenza per rispondere ai mercati e al risanamento del debito pubblico. Non crede?

“La crisi economica non ha colpito solamente l’Italia. È una crisi globale che ha colpito tutti, in Europa sono già cambiati sette governi. Faccio una previsione: il prossimo che cade è Sarkozy, alle presidenziali dell’anno prossimo i francesi non lo rivotano. Il debito pubblico non lo ha fatto il governo Berlusconi che lo ha trovato in eredità dai passati governi. Adesso abbiamo Monti con un governo di tecnici, vedremo che cosa riuscirà a fare”.

Vedrete o farete opposizione?

“Di certo non faremo l’opposizione inutile e sterile, l’opposizione che Di Pietro e la sinistra hanno fatto contro il nostro governo. Anche se Berlusconi scriveva ‘Viva la mamma’ loro erano contrari”.

La vostra invece che opposizione sarà: costruttiva?

“Responsabile. Il termine giusto è responsabile. Siamo stati eletti dal popolo e difenderemo i diritti di chi ci ha votato”.

Si attendono tagli e sacrifici. Li voterete?

“Vedremo di volta in volta. Appoggeremo le misure per lo sviluppo e per il lavoro mentre difenderemo le pensioni di anzianità e saremo contrari a nuove tasse o alla reintroduzione dell’Ici sulla prima casa”.

L’Ici però è l’imposta più federalista che ci sia e per i Comuni, stretti dal patto di stabilità, la reintroduzione dell’Ici sarebbe una boccata d’ossigeno.

“Che l’Ici sia federalista ho i miei dubbi. Era stata introdotta nel 1993 come Isi, imposta straordinaria sugli immobili, poi siccome i Comuni ricevevano minori trasferimenti dello Stato è passata ai Comuni ed è diventata l’Ici. Ma si tratta di un’imposizione che pesa molto per chi ha solamente la prima casa”.

C’è qualcuno che si augura che Monti riesca anche a fare delle riforme, per esempio una nuova legge elettorale ed la riduzione dei costi della politica.

“L’augurio ci sta tutto ma non si deve dimenticare che c’è il Parlamento. Per prima cosa bisogna vedere se la Corte costituzionale accoglie il requisito referendario, se così non fosse è bene che in Parlamento si apra il dibattito per la riforma di questa legge”.

Dopo le pesanti manovre di agosto non crede che i cittadini si aspettassero anche proporzionali riduzioni dei compensi dei parlamentari? Non è stato un errore non incidere con scelte immediate su questo fronte?

“Forse i cittadini si aspettavano misure spettacolari. Senza sapere che il nostro governo ha ridotto di parecchio i costi della politica. Noi abbiamo proposto il taglio delle spese per i portaborse, abbiamo creato un comitato che valutasse la riduzione del vitalizio, abbiamo approvato leggi che vedranno la riduzione di consiglieri regionali e provinciali. Alle prossime elezioni il consiglio provinciale di Bergamo vedrà ridursi da 36 a 14 i posti per i consiglieri e gli assessori non potranno essere più di sei. All’ultima tornata elettorale per la regione Molise abbiamo avuto il primo risultato: si è passati da 50 consiglieri ad un consiglio di trenta. Un bel taglio sui costi, rispettando la rappresentatività democratica”.

Anche se i cittadini chiedevano di più.

“La Lega è per i tagli, ci siamo battuti per togliere certi privilegi, anche ai funzionari che costano cifre astronomiche. Forse con un governo tecnico si potranno raggiungere maggiori risultati, perché un tecnico presenta un legge scarna e diretta, è poi in commissione che iniziano a farsi sentire i veti della politica”.

Quindi appoggia Monti?

“Vedremo di volta in volta. La nostra sarà un’opposizione responsabile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pasquale

    La lega Nord ha tolto la spina a Berlusconi, un grosso errore, adesso non penso che PDL e lega riescano a sfiduciate Monti che comunque applicherà le riforme pensionistiche con l’aggravante della super ICI, un grosso danno ai cittadini, si ristabilirà l’ordine ma nessnu responsabile pagherà, tipo dipendenti pubblici o amministratori locali; saranno sempre i soliti tartassati bravi bravi bravi.

  2. Scritto da Simone

    La Lega è irresponsabile, altro che responsabile! il Nord reggerà solo se reggerà l’Italia! e per fare reggere l’Italia servono misure sia per il Nord che per il Sud.
    Ma certo è più facile dirci che voteranno solo le misure a favore del Nord…bravi irresponsabili!

    1. Scritto da serravalle

      hai ragione simone! dillo ad alta voce le misure servono sia al nord (attuazione federalismo,) che al sud (taglio all’ assistenzialismo,clientelismo,finanziamenti a pioggia con fondo perduto,riduzzione netta degli impiegati statali con rientro nella media delle altre realtà italiane,trasferimenti statali equi,fisco equo)in nome dell italia unita,perche cosi è già divisa in partenza.saluti al volpone Letta (PD) che è riuscito come uno scolaretto da prima elementare a farsi beccare con il fogliettino privato destinato al Professore.poverino il lecchino.

  3. Scritto da federalismo che passione !

    Per il federalismo forse ci vogliono 300 anni , come in Scozia.

  4. Scritto da antonio

    una semplice domanda.
    in 10 anni di governo per il nord non avete fatto nulla.
    quanto tempo vi serve per fare il federalismo,50 anni vi potrebbero bastare?

  5. Scritto da sergio

    sono finiti i doppi e i tripli incarichi? probabilmente, no!!! li ha inventati la lega e ora magari passeranno ad altri: certo che faranno opposizione…ma di facciata.

  6. Scritto da mario

    la lega deve stare solo zitta se il governo e cascato,bastava solo che al momento giusto chiedeva a Berlusconi di farsi da parte e il governo non cascava,ora sono loro all’opposizione ma solo perché questo governo non si chiama berlusconi

  7. Scritto da greatguy

    silappa io sono di verdello e la viabilità è MOLTO MA MOLTO meglio che di molti altri posti della bergamasca! ed in ogni caso Stucchi non centra nulla ne in un caso ne nell’altro!

    1. Scritto da Ezio

      Sarai pure di Verdello, ma evidentemente non sai cosa sia la viabilità.
      Basta vedere che coda si forma sulla provinciale per Bergamo a tutte le ore e la tua difesa della viabilità è già nulla.

  8. Scritto da silappa

    L’on. Stucchi non è di Verdello? il paese con la più scarsa viabilità bergamasca. no comment.

    1. Scritto da il polemico

      ti credo,il progetto della tangenziale che libera il centro dal traffico è stato bloccato dalla attuale giunta leghista,perchè si dice non l’hanno ideata loro

  9. Scritto da enrico

    Difenderemo il lavoro, dice Stucchi. Certo, come no. Hanno creato il massimo livello di tassazione sulle buste paga, e adesso fanno grandi proclami. Ma chi vi crede più?

  10. Scritto da cittadino

    L’On. Stucchi si dovrebbe preoccupare del cerchio magico nella lega, che gli ha impedito di diventare capogruppo alla camera.

  11. Scritto da SC

    L’ On. dovrebbe riflettere che due anni fa gli scontenti berlusconiani votarono Lega, oggi i sondaggi danno entrambe in caduta libera. Non è questione solo di crisi globale ma anche di credibilità di entrambe. Vi siete comportati come faccendieri per i vostri eletti altro che difendere gli elettori del Nord. Ora siete stati pure abbandonati dalla Chiesa.

  12. Scritto da Andrea

    Sento degli artigli che cercano di attaccarsi su un vetro…. fumo negli occhi la verita’ è che la sedia fa comodo a tutti e che è facile chiamarsi fuori quando bisogna fare qualcosa di importante…un po’ come lanciare il sasso e nascondere le mani….