BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Idv e Micromega diffidano: “Non si firmi per la trincea”

Sul nuovo canale per abbassare la pressione della falda al nuovo ospedale di Bergamo, Idv e Micromega prendono posizione: "O la trincea è necessaria e allora non deve pagarla l'ospedale, oppure non è necessaria, e quindi non va fatta".

Più informazioni su

Il consigliere regionale dell’Idv Gabriele Sola e Micromega Bergamo, con gli avvocati Roberto Trussardi e Rocco Gargano, diffidano il direttore generale degli Ospedali Riuniti di Bergamo dal firmare il contratto per la realizzazione della nuova trincea drenante a monte del nuovo ospedale. Un’opera, quella della trincea, che sia l’azienda ospedaliera sia la Regione Lombardia ritengono necessaria, ma che i collaudatori del nuovo ospedale giudicano invece non necessaria.
“La trincea o è necessaria per evitare le infiltrazioni o non lo è – dicono Gargano e Trussardi – Fino a pochi mesi fa la Regione ha affermato che le infiltrazioni di acqua nella nuova struttura ospedaliera erano dovute ad una “imperfetta esecuzione delle opere di impermeabilizzazione” da parte dell’impresa esecutrice dei lavori e che la realizzazione della trincea avrebbe risolto i problemi delle infiltrazioni. Pare evidente che in questo caso l’opera non può essere a carico delle casse dell’Azienda ospedaliera ma ogni onere dovrebbe gravare sull’impresa che ha eseguito – a detta della Regione – erroneamente i lavori. Se invece la trincea doveva essere fin dall’inizio prevista come opera indispensabile per abbassare la pressione dell’acqua della falda (come affermato da una perizia del 2002 dello Studio di Ingegneria Ceretti di Milano) dovrebbe farsene carico chi non la previde (sbagliando) in sede progettuale. Infine, se si ritiene (come si afferma da ultimo) che l’opera non sia necessaria, l’esborso da parte dell’azienda ospedaliera di un 1 milione e 200 mila euro sarebbe del tutto ingiustificato”. Insomma, se fosse davvero necessaria la trincea non dovrebbe essere realizzata con soldi pubblici, secondo Gargano e Trussardi. Ma aggiunge Gabriele Sola: “Ricordo che in risposta ad una mia interpellanza relativa ai danni per infiltrazioni ed alle opere per porvi rimedio la Regione Lombardia in data 11.4.2011 affermò che “ogni onere economico derivante dalla problematica in oggetto non potrà in alcun modo ricadere sui soggetti pubblici coinvolti nella realizzazione delle opere del nuovo ospedale”. Per quale motivo, alla luce di questo pronunciamento, ora l’Azienda Ospedaliera decide di spendere a cuor leggero soldi dei contribuenti?”
Sola è tornato oggi (16 novembre) anche sulla querelle dei documenti contabili del nuovo ospedale di Bergamo, che ha chiesto all’azienda ospedaliera il 13 ottobre e che gli sono stati consegnati in questi giorni con una trafila di “omissis”. Su 69 pagine di atti ben 58 erano omissis, secondo Sola. Il consigliere regionale dell’Idv ha quindi scritto al presidente del Consiglio regionale Davide Boni (Lega), chiedendo “un intervento che tuteli il mio diritto – dovere di espletare correttamente e pienamente il ruolo di consigliere regionale, facendo sì che il controllato non si sottragga all’azione del controllore. Boni è a conoscenza di quanto sta accadendo al nuovo ospedale di Bergamo: ho ritenuto opportuno sollecitare un suo intervento diretto perché rimuova gli impedimenti che, ad oggi, mi impediscono di esercitare appieno l’attività di verifica e controllo che mi compete. Chiedo dunque, in esecuzione di quanto disposto dall’art. 112, comma 11 del vigente Regolamento, che l’Ufficio di Presidenza, avvalendosi delle competenti strutture del Consiglio regionale, provveda ad acquisire la documentazione richiesta”. Sugli atti dei revisori dei conti Sola conferma che procederà “ a sporgere denuncia per omissione di atti d’ufficio”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da carlo

    bastava chiedere ai contadini di via Trucca e dintorni, zona di marcite e fossi. Non c’era bisogno degli esperti

  2. Scritto da Raffaele

    Che ne dite, ne vedremo delle belle ?

  3. Scritto da katia

    behbehbeh!!!.a como è stato dichiarato collaudato l’ospedale con 55cm di acqua nei sotterranei, il pargheggio multipiano inagibile per acqua…e si prevedono problemi per il fiume deviato chè a rischio d’esondazione…bellooooooooo