BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Bene l’arrivo di Terzi stimato anche da Obama” fotogallery

Mietta Denti Rodeschini, amica da una vita di Giulio Terzi di Sant'Agata, racconta chi è il nuovo Ministro degli Esteri del neonato governo Monti.

Più informazioni su

Giulio Terzi di Sant’Agata, 64 anni, bergamasco di Brembate Sopra è il nuovo Ministro degli Esteri del Governo Monti.

Visto da vicino Mietta Denti Rodeschini, già vicepresidente mondiale di Intercultura, lo descrive così.

“Siamo amici da una vita. Abbiamo frequentato insieme la Facoltà di Giurisprudenza a Milano e siamo sempre rimasti in contatto. Quando ero vicepresidente mondiale di Intercultura Giulio lavorava nelle ambasciate in giro per il mondo o alla Farnesina e mi ha sempre aiutata. È perfetto per questo ruolo, è una delle persone più lucide che io conosca”.

Un bergamasco agli Esteri. Che cosa prova?

“Giulio è un uomo molto semplice, ma con una grandissima classe e molto equilibrio. È sempre stato un uomo che ha aiutato chiunque volesse andare ‘oltre le Mura’, dai miei studenti ai giovani in giro per il mondo. Ha tutte le qualità per ricoprire questo ruolo dando prestigio all’Italia”.

Si aspettava questa nomina?

“No. Sapevo che il suo mandato come ambasciatore era in scadenza per il prossimo anno. Certo sarebbe rientrato in Italia e avrebbe ricoperto una carica di prestigio. Giulio è uno dei Vattani boys, si chiamano così gli allievi di Vattani che era segretario generale alla Farnesina, molto preparati e bravi. Anche Fulci, già ambasciatore negli Stati Uniti lo ha sostenuto perché Giulio è davvero competente”.

Monti e Terzi di Sant’Agata si conoscono?

“Sicuramente sì. Anche se hanno percorsi diversi. La stima che internazionalmente ha Giulio credo sia stata la chiave di volta per indicarlo come Ministro degli Esteri. Una scelta maturata negli ultimi giorni”.

Quando vi siete visti l’ultima volta?

"L’agosto scorso. Giulio trascorre sempre le sue vacanze a Bergamo, nella sua casa di Brembate Sopra, e così era venuto a pranzo da noi con la sua famiglia. Un mesetto fa ci eravamo rivisti con mio marito al Columbus day a New York. Rammento con particolare gioia un momento della sfilata, quando un gruppo di alpini italo-americani è andato a salutarlo con grande simpatia e stima”.

Che immagine darà dell’Italia nel mondo?

"Ottima, senza ombra di dubbio. Quando è stato nominato ambasciatore a Washington si è presentato con la sua famiglia, in particolare con i suoi due figli, due gemelli di tre anni raccogliendo molte simpatie dai delegati in una molto fase delicata. È un po’ come è successo per Obama con le sue bambine alla Casa Bianca. Tra le altre cose Obama nell’ultimo incontro con gli italo-americani ha avuto parole di elogio, merito anche del buon lavoro di chi tesse relazioni tra l’Italia e gli Stati Uniti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    Dopo la cura di infimo profilo dei leghisti bergamaschi ecco finalmente una delle eccellenze di Bergamo. Augurissimi per un lungo ed ottimo lavoro, anche perchè c’è n’è da fare considerato il desolante declino di tutta la politica. Che i tecnici preparati ci governino per parecchi anni. Deo Gratias.

    1. Scritto da annalisa

      Ammiro Terzi Di Sant’Agata, sono leghista e me ne vanto, non mi vergogno di essere bergamasca, sono di origini contadine e anche di questo me ne vanto e non invidio niente a certi ” laureati ” snob e provinciali molto superficiali…