BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Niente paga a chi sciopera Condannata la Fema

Non pagava lo stipendio ai lavoratori in sciopero, non versava i contributi sindacali e minacciava sindacalisti e Rsu Fema di Cortenuova condannata

Più informazioni su

La Fim-Cisl assistita dall’avvocato Boiocchi ha vinto la causa per attività antisindacale contro la Fema Chemical & Industrial Plants Srl di Cortenuova.

Una sentenza, quella del Tribunale di Bergamo, che condanna in modo totale i comportamenti antisindacali che l’azienda ha perseguito sistematicamente contro i lavoratori iscritti, in sciopero, la Fim-Cisl e i suoi sindacalisti.

Secondo la sentenza, l’azienda di Cortenuova si è resa colpevole, in particolare, di trattenere illegalmente i contributi sindacali ai lavoratori iscritti e non versarli al sindacato; di non pagare lo stipendio a fini ritorsivi ai lavoratori in sciopero; della minaccia di ripercussioni sul lavoro se il sindacato non sospendeva le iniziative di lotta; delle pressioni alle RSU interne di dimettersi dalla Fim-Cisl e l’uso della querela contro il sindacalista e insulti al segretario generale della Fim Ferdinando Uliano; della richiesta di rimozione del sindacalista della Fim-Cisl Massimo Lamera. Questi fatti sono stati ampiamente riportati nella cronaca dei quotidiani locali e regionali.

L’azienda è stata condannata a pagare, oltre agli interessi e le spese legali, i contributi sindacali che aveva trattenuto nelle buste paghe e mai versato alla Fim-Cisl. Il giudice Antonella Troisi, inoltre, intima alla Fema Chemical di non porre in essere simili comportamenti in futuro.

“La Fim-Cisl – dichiara Ferdinando Uliano segretario generale Fim di Bergamo – è un sindacato che non si fa intimidire. Le minacce e le pressioni che ha subito la nostra organizzazione, i lavoratori, i nostri iscritti, i nostri delegati e il nostro sindacalista solo perché stavamo lottando per avere il diritto ad avere lo stipendio, erano inaccettabili sul piano morale e sul piano giuridico. Questa sentenza ci rende giustizia. Ora confidiamo che l’azienda comprenda e ristabilisca come sentenziato le normali relazioni sindacali e queste possano riprendere nel pieno rispetto dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali che li rappresentano”. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.