BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atti pieni di omissis L’Idv: denunciamo i Riuniti

Il consigliere regionale Gabriele Sola ha chiesto i documenti dei revisori dei conti sul nuovo ospedale. "Su 69 pagine di materiale consegnate dal direttore generale ben 58 sono di omissis".

Alla richiesta del consigliere regionale dell’Idv Gabriele Sola di poter vedere gli atti dei revisori dei conti, il direttore generale degli Ospedali Riuniti Carlo Nicora ha consegnato “solo pochi stralci dei verbali del collegio sindacale”, come dice lo stesso Sola, che aveva avanzato la richiesta lo scorso 13 ottobre. “Su 69 pagine di materiale – si legge in un comunicato dell’Idv – ben 58 sono di omissis. Va da sé che, di fatto, non ci è stata recapitata copia conforme degli atti come da noi richiesto – commenta Sola -. Per questo motivo procederemo con la denuncia alla procura della Repubblica per omissione di atti d’ufficio. E faremo ricorso al Tar affinchè intervenga per rendere disponibili i verbali nella loro versione integrale”.
Secondo Sola il direttore generale dell’azienda ospedaliera si è così “arrogato il diritto di decidere cosa possiamo sapere e cosa invece è meglio che non sia portato a nostra conoscenza. Un atteggiamento inaccettabile da parte del controllato che, in questo modo, si sottrae all’azione del controllore”. Il comunicato stampa dell’Idv ricorda lo statuto della Regione, secondo il quale i consiglieri hanno diritto di ottenere da uffici, istituzioni, enti, aziende a partecipazione pubblica, i documenti utili all’esercizio del loro mandato.
Ma per il consigliere regionale non è ancora tutto: “In una nota Nicora ci fa sapere che le nostre reiterate richieste potrebbero rappresentare addirittura una minaccia o un’indebita pressione. Oggi stesso scriverò al presidente del Consiglio Regionale Boni, per portare a sua conoscenza la condotta ostruzionistica della dirigenza dei Riuniti e sollecitarlo a tutelare il mio diritto-dovere di espletare correttamente e pienamente il mio ruolo di consigliere regionale. Non sono tollerabili simili atteggiamenti da parte di dirigenti di strutture pubbliche". "Troviamo incomprensibile – commentano gli avvocati Rocco Gargano e Roberto Trussardi di Micromega Bergamo – il pervicace atteggiamento ostruzionistico dell’Azienda Ospedaliera rispetto alle mere richieste di documentazione da parte di un consigliere regionale pienamente titolato ad ottenere copia della documentazione rilevante per l’esercizio del suo potere / dovere di controllo sull’attività degli enti regionali. Prendiamo atto dell’opera di taglio e cucito del direttore generale per il quale, evidentemente, la trasparenza dell’attività amministrativa di un Ospedale è rappresentata plasticamente da decine di fogli bianchi con la stampigliatura ‘omissis’. Tuttavia ci vediamo costretti a rammentargli che egli non è a capo di un servizio segreto. Non possiamo inoltre non rilevare – aggiungono i due legali – come la cancellazione del contenuto di gran parte dei verbali sia assolutamente ingiustificata ed illegittima, in considerazione del fatto che il consigliere Sola aveva richiesto copia autentica degli stessi e non un collage costruito a discrezione dell’Azienda Ospedaliera, che impedisce al richiedente di controllare il contenuto degli stessi (come può il consigliere Sola accertarsi che effettivamente, nelle parti dei verbali eliminate con gli omissis, non vi siano elementi d’interesse?)".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da freedom

    Hanno distrutto una delle poche aree verdi di Bergamo, paludosa e con terreno instabile così come già denunciato da alcuni (consigliere Trussardi, campagna degli anarchici contro i poteri forti in città ecc.) e come al solito nessuno verrà “punito”. questo con un’altro ospedale in corso di ristrutturazione a Seriate…

  2. Scritto da MAURIZIO

    Ecco un quadretto dell’Italia : in un momento di grave crisi finaziaria, i politici si permettono di sprecare soldi e tempo per la costruzione di un nuovo ospedale; di perdere tempo nascondendo informazioni richieste; di gravare la magistratura con istanze dovute alle loro lotte di potere e ai loro colpevoli errori. Dulcis in fundo, il consigliere regionale che lotta per avere normalissime informazioni fa parte di un partito il cui leader percepisce una pensione di circa 2.000 euro al mese da quando aveva 44 anni e che ora si sta occupando delle nuove normative statali che regoleranno le pensioni degli italiani.
    Un quadro meraviglioso.

  3. Scritto da white

    che vergogna!!
    Se e quando aprira’ il nuovo ospedale voglio vedere in qti avranno il coraggio di andare a farsi curare in una struttura che fa acqua da tutte le parti,costruita con materiali provenienti da ditte fallite e frutto di aste al ribasso… ahime’ non gliene frega piu’ nulla a nessuno nemmeno della salute delle persone!

  4. Scritto da e

    una sola parola. Osceno.

  5. Scritto da leo cat

    Ribadisco, vista la situazione e la stagione, è utile controllare la disponibilità sia della pala x la neve che di un appuntito forcone. Mi sa che stanno maturando le nespole. Ribadisco che la mia non è nè una minaccia nè un’indebita pressione, solo la constatazione di comportamenti inamissibili ed inaccettabili.

  6. Scritto da Bah

    Sconcertante ! cosa ci può essere di segreto in un appalto pubblico ?