Alessandro Perissinotto al Festival dei narratori - BergamoNews
Villa di serio

Alessandro Perissinotto al Festival dei narratori

Sabato 19 novembre proseguono gli incontri con gli autori del Festival dei narratori italiani Presenteprossimo. Ospite lo scrittore torinese Alessandro Perissinotto

Sabato 19 novembre alle 18 alla biblioteca comunale di Villa di Serio proseguono gli incontri con gli autori del Festival dei narratori italiani Presenteprossimo. Ospite il torinese Alessandro Perissinotto un narratore di razza, fra l’altro docente presso l’Università di Bergamo.

Anche se il suo mezzo espressivo prediletto appare il romanzo, nel quale ha raggiunto i più grandi riconoscimenti di critica e di pubblico, Alessandro ha travalicato il recinto rassicurante dei suoi primi noir, spostandosi sempre più verso una narrazione sociale che fa a meno del delitto per indagare un ambiente e un’epoca.

Alessandro Perissinotto nasce a Torino nel 1964. Esordisce con tre polizieschi di ambientazione storica: L’anno che uccisero Rosetta (Sellerio 1997), La canzone di Colombano (Sellerio 2000), Treno 8017 (Sellerio 2003). Nel 2004 pubblica per Rizzoli Al mio giudice, un noir epistolare che porta alla luce le criminali spericolatezze della finanza online. Tra il 2006 e il 2009 esce sempre per Rizzoli la trilogia della psicologa investigatrice Anna Pavesi (Una piccola storia ignobile, L’ultima notte bianca, L’orchestra del Titanic). Conclusa questa esperienza, decide di andare oltre il poliziesco per giungere al romanzo di denuncia. Nascono così Per vendetta, una storia d’amore e di follia ambientata in Argentina e Semina il vento, dove la follia è piuttosto il riemergere del razzismo di casa nostra. I suoi romanzi sono tradotti in numerosi Paesi europei e in Giappone. Sabato 19 novembre ore 18 a Villa di Serio in Biblioteca Comunale. http://www.presenteprossimo.it/

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it