BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sul Tanque Denis le “mezze” verità di Marino

Luciano Passirani analizza la situazione tra Atalanta e Udinese per il riscatto del giocatore: l'accordo per l'acquisto è stato definito per metà, il riscatto potrebbe prevedere uno sforzo economico enorme per i bergamaschi.

Più informazioni su

di Luciano Passirani

 

D’accordo con i miei lettori, ogni volta che Denis segna, rischio di perdere una mezza scommessa con l’amico Petteni ed anche dovere ricredermi sul mio iniziale giudizio. Ma scommesse a parte, concedetemi le logiche perplessità iniziali su un giocatore che prima di Bergamo aveva segnato solo in Argentina e in Italia aveva giocato poco, salvo arrivare a Bergamo e trovare ambiente ideale per sé e per la famiglia e così rispondere alla grande alle aspettative della piazza e di Marino, doppiamente felice veramente?

DENIS E L’ACCORDO TRA MARINO E UDINESE

Marino di sicuro esulta, ma non troppo. I gol di Denis stanno spingendo l’Atalanta verso un campionato sorprendente, alimentando da parte della piazza sogni europei non lontani, ma le ipotesi di un facile e già concordato riscatto del giocatore da parte dell’Atalanta, con le notizie che giungono da addetti ai lavori e da Udine in particolare, non sembrano collimare con le recenti dichiarazioni di Marino, vere solo a metà. Infatti Marino ha già concordato il definitivo acquisto di Denis con l’Udinese dietro versamento di 2,5 milioni di euro, come ha recentemente dichiarato il responsabile dell’area tecnica, dimenticando di precisare che l’accordo è stato definito solo per la metà parte del giocatore. Un particolare non trascurabile, se pensiamo ai gol di Denis e all’asta che già si sta innescando da parte di mezza serie A per l’altra metà, per la gioia dei Pozzo e la titubanza della dirigenza atalantina ad affrontare l’argomento e il relativo sforzo economico, che potrebbe essere fuori dalla portata delle casse di Percassi. Quindi o Denis segna di meno, ovvero meglio stringere i tempi fin da subito per un accordo complessivo che non sembra eccitare più di tanto i Pozzo, abituati fin dalle vicende Sanchez e Imler a giocare al rialzo, per la gioia di Marino e dell’amico Petteni.

GRANDE MONDO

Andando per ordine preferiamo in primis unirci alla gioia di Mondonico che ha annunciato di avere vinto il male che lo aveva costretto ad abbandonare la panchina dell’Albino Leffe, il quale come seconda notizia positiva strappa un pareggio nelle ultime battute di gioco su un campo non facile contro la Juve Stabia. Un punto d’oro, visto le vittorie in fondo alla classifica di B da parte di Vicenza e Empoli, ma che non migliora la delicata classifica della squadra di Andreoletti che ritengo abbia bisogno di rinforzi a gennaio, ma fin da ora potrebbe essere lo stesso Mondonico il migliore, con un facile rientro nell’area tecnica.

SUPER CESARE (INTESO COME PRANDELLI)

Tutti pazzi per Mario, che sarebbe Balotelli, intitola un noto quotidiano sportivo, noi preferiamo parlare di nazionale, ricordare i meriti di Prandelli, che con riservatezza e senza proclami sta costruendo una nazionale che ha un suo gioco e una sua fisionomia. Di questi tempi non è poco, considerato il materiale a disposizione e ciò che un campionato scadente sta esprimendo. A proposito di nazionale, in prospettiva multi-etnica, visto i Balotelli e gli Ogbonna cosa ne pensate?

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da controcampo

    La segnalazione di Passirani non è di poco conto.
    La società chiarisca il dubbio perchè la differenza economica condizionerebbe sicuramente l’operazione riscatto e perchè la concorrenza adesso che abbiamo rivalutato il giocatore non sta con le mani in mano.
    Riscatto subito

  2. Scritto da ALI G INDAHOUSE

    Grande Passirani,ormai ogmni volta che dici qualcosa a proposito dell’ Atalanta,per non sbagliare credo a tutto il contrario di quel che dici.

  3. Scritto da Marco

    … Passirani non perde un colpo, appena trova argomentazioni inutili, la sua penna non riesce a fermarsi, fino ad ora le ha sbagliate tutte, dalla presentazione in poi, la preghiamo Passirani di esprimere giudizi negativi sulla salvezza della Dea …

  4. Scritto da Enzo

    Nemmeno a me convince molto questo articolo: sembrerebbe infatti che pur di “vendicarsi” per aver sbagliato il giudizio su Denis, il sig. Passirani ci sta dicendo che tanto il giocatore, se andasse avanti così, a Bergamo non ci rimane. Le rispondo, se le capitasse l’occasione di “uscire” con Belen Rodriguez non uscirebbe perchè tanto poi a lei non la sposerebbe? In ogni caso io ci uscirei…

    1. Scritto da il polemico

      beh,oltre a denis,il nostro passirani ha toppato pure su schelotto,masiello,lucchini……ne ho dimenticati qualcuno?

  5. Scritto da Luca Da Madone

    Nn nasconciamoci!!!Tutti avevamo delle perplessita’su Denis,nn solo Passirani,dopo la campagna acquisti c’era la gente con le mani nei capelli,x il mancato acquisto di un altro attaccante(sembrava fosse Miccoli).Marino deve fare di tutto x prendere anche l’altra meta’del cartellino e…nn e’da cedere subito!Costruiamo un squadra attorno a lui e Schelo,se ci si libera troppo presto,facciamo anche in fretta a tornare in serie B.

  6. Scritto da koteto

    Ribadisco quanto gi espresso altre volte. Le capacit analitiche del Sig. Passirani sono molto discutibili. Faccia ammenda, come altre volte accaduto, ha sbagliato giudizio su Denis. Amen. Tirar fuori il discorso del riscatto mi sembra prematuro, non lungimirante. Godiamoci Denis, e grazie al cielo che abbiamo un uomo dell’esperienza di Marino in societ e non il Sig. Passirani. Sempre con il massimo rispetto.

  7. Scritto da sentierone

    nelle interviste rilasciate precedentemente da Marino non mi sembra si facesse riferimento alla met del giocatore,ma alla totalit

  8. Scritto da digeo

    Non risulta da nessuna parte che il prezzo gi fissato per il diritto di riscatto di denis riguardi solo la met del suo cartellino. Ma non il caso di fare i sofisti: se denis continua su questi livelli e fa 20 gol, l’anno prossimo gioca in un’altra squadra. L’atalanta lo compra tutto e a quel punto lo rivende a cifre faraoniche. Mi sembra nella logica delle cose.

  9. Scritto da terrone

    l’analisi sul tanque mi sembra da alta paranoia..passi il fatto che 2,5 servirebbero pere la compropriet..ma dico che meglio avere una compropriet di alto valore e con un sacco di goool segnati che un pacco in casa! Marino sempre stato capace di trovare giocatori forti al prezzo giusto.. scusate la polemica! forsa la Talanta..ahahah