BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sovraffollamento e suicidi il rapporto sulle carceri italiane

Troppi detenuti e situazioni invivibili negli istituti di pena del Bel Paese. Dal 2009 sono stati 150 i ricorsi presentati alla Corte europea dei diritti dell'uomo contro le condizioni inumane di detenzione dall'associazione Antigone.

Più informazioni su

Le carceri italiane sono sempre sovraffollate. Al 30 settembre 2011 erano 67.428 i detenuti reclusi nei 206 istituti di pena italiani, a fronte di una capienza regolamentare di 45.817 posti. Lo rivela l’ottavo rapporto nazionale sulle condizioni di detenzione redatto dall’Osservatorio Antigone, dall’emblematico titolo Le prigioni malate (Edizioni dell’asino). Nel corso del 2010 sono stati 84.641 gli ingressi totali, di cui 6.426 di donne e 37.298 di stranieri.

La componente femminile resta minima rispetto al totale della popolazione reclusa (2.877, di cui 1.182 straniere). Mentre i detenuti non italiani sono poco meno di un terzo (24.401). Di questi, il 20,2% viene dal Marocco, il 14,8% dalla Romania, il 13,1% dalla Tunisia, l’11,2% dalla Albania. E molti denunciano la situazione di invivibilità.

Dal 2009 sono stati 150 i ricorsi presentati davanti alla Corte europea dei diritti dell’uomo contro le condizioni inumane di detenzione dal difensore civico dell’associazione Antigone. Di questi, 30 erano ricorsi collettivi, 60 singoli. Altri 200 sono stati presentati dai detenuti stessi e supervisionati dal difensore civico. E’ dell’altro ieri la notizia che un italiano detenuto nel carcere di Marassi è ricorso al magistrato di sorveglianza per essere stato detenuto per sette mesi in una cella troppo piccola dove a fronte di una capienza di 4 persone venivano alloggiati dai 6 ai 9 uomini. Il magistrato ha intimato alla direzione del penitenziario, uno dei più affollati d’Italia, di evitare in futuro situazioni del genere. Anche alla luce della decisione della Corte di Giustizia europea che, nel luglio del 2009, aveva già sancito il diritto dei detenuti a vivere in spazi adeguati.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.