BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I bresciani sfottevano la Dea Ora piangono amaro

Il Brescia si trova ad un passo dalla zona retrocessione per la Lega Pro mentre l'Atalanta vola alto in A, nonostante la penalizzazione. Le freccette alla sagoma di Doni di quest'estate hanno portato sfortuna?

Più informazioni su

Sfottevano e pure parecchio, i cugini bresciani quando l’anno scorso l’Atalanta navigava nel fango della serie B. Sfottevano anche quest’estate quando avevano dedicato, alla festa organizzata dagli ultras, il tiro a freccette alla sagoma di Cristiano Doni (e sembra che la macumba sia arrivata dal Capitano…). Sfottevano alla notizia dei sei punti di penalizzazione, sicuri che la Dea sarebbe tornata immediatamente in serie B. Ora, però, sfottono di meno. Merito dei nerazzurri che con una partenza sprint hanno cancellato l’handicap e si sono trovati in un batter d’occhio al di fuori della zona retrocessione. Il sorriso si è cancellato definitivamente quando, contemporaneamente, hanno assistito all’inizio da film horror del Brescia: dopo 15 partite la miseria di 17 punti a due miseri punticini dalla zona playout e, questo sì che importa molto di più, ad otto dal primo posto utile per i playoff. Di più, 15 reti segnate per il record (poco invidiabile) di peggior attacco del campionato cadetto. Un baratro che non sembra finire mai per le rondinelle, iniziato il 24 settembre con la vittoria per 2-0 sul Cittadella: da quel giorno tre punti in nove partite con il filotto di cinque ko consecutivi (contro Padova, Pescara, Grosseto, Reggina e Verona). Domenica l’ennesima sconfitta contro l’Ascoli (davanti agli occhi dell’ex Pep Guardiola) che ha iniziato a far traballare la panchina di Scienza. Lunedì l’altra stangata arrivata direttamente dal giudice sportivo: le tre giornate di squalifica a Zambelli “per comportamento scorretto nei confronti di un avversario e per aver rivolto frasi ingiuriose all’arbitro a fine gara”. Insomma, nei dintorni di Brescia si comincia a piangere.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ALESSIO

    CHE DIRE ANCORA DEI CUGINI ??AVEVA RAGIONE DONI, OGNUNO E’ TORNATO A CASA PROPRIA…NOI IN A LORO IN B DOVE RESTERANNO PER UN PO’ DI ANNI MI SA’…

  2. Scritto da dw

    Ma che razza di giornale è questo?
    Non avete vergogna?
    In questo modo alimentate gli sfottò e l’ignoranza dei tifosi.

    1. Scritto da white

      non mi risulta che ci sia qcosa di male negli sfotto’ calcistici!
      per quanto riguarda l’ignoranza di certi tifosi purtroppo non penso sia certo un articolo che la fa aumentare o diminuire…

    2. Scritto da pino dei palazzi

      anche se sono contento che il brescia vada male non posso che darti ragione .comunque la prossima volta specificherei l ignoranza e gli sfottò di alcuni tifosi non dei tifosi

  3. Scritto da simona

    Bs come insegna la Storia del Calcio da sempre inferiori a NOI, si tratta di un calcio minore.
    Indifferenza da sempre
    Forza Atalanta

  4. Scritto da Giuseppe

    i nostri cacciatori hanno sparato alle vostre Rondinelle.
    ahahahahahaha!!!!!!!

    Serie C , Serie , C Serie C!!!!

  5. Scritto da erminio

    atalanta mi a sorpreso parecchio ottimi giocatori