BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fedelissimi di Assad assaltano le ambasciate

Decine di migliaia pro-Assad in piazza protestano contro la sospensione di Damasco. Mercoledì a Rabat riunione straordinaria della Lega Araba.

Più informazioni su

Decine di migliaia di manifestanti favorevoli al presidente siriano Bashar el Assad si sono riuniti nel centro di Damasco per protestare contro la decisione della Lega araba di sospendere la partecipazione della Siria. "Il popolo vuole Bashar el Assad", urlavano i dimostranti nella piazza Sabaa Bahrat. Cantavano inoltre canti patriottici, agitando bandiere e ritratti di Assad.

La televisione pubblica ha diffuso anche immagini di un’altra manifestazione pro-Assad sulla piazza degli Omayyadi a Damasco e diversi assembramenti ad Aleppo, ad Lataqia e in altre città. "Il popolo siriano ha riempito le piazze della patria per annunciare il suo rifiuto della decisione della Lega araba", ha detto la televisione del regime. Il provvedimento di ieri della Lega araba ha provocato un’ondata di manifestazioni pro-Assad.

Secondo l’agenzia di stampa ufficiale saudita Spa è stata assaltata e saccheggiata l’ambasciata a Damasco dell’Arabia saudita. Altri dimostranti sono saliti sul tetto dell’ambasciata del Qatar.

La Siria chiede che si tenga un summit arabo urgente per discutere il conflitto in corso nel paese guidato da Bashar el Assad. Lo riferisce la TV di Damasco, un giorno dopo che la Lega araba ha sospeso la partecipazione siriana alle sue riunioni. Damasco "ha fatto oggi appello alla convocazione d’un summit arabo urgente per rimediare alla crisi e alle sue conseguenze negative nella congiuntura araba", ha precisato la televisione. Mercoledì a Rabat riunione straordinaria della Lega Araba – I ministri degli Esteri dei paesi membri della Lega araba si incontreranno mercoledì a Rabat, in Marocco, per una riunione straordinaria sulla crisi siriana. Lo ha detto all’Afp il portavoce del ministero degli Esteri algerino Amar Belani. "Abbiamo deciso di convocare una riunione dei ministri degli Esteri della Lega araba il 16 novembre a Rabat, sulla Siria, a margine del Forum Turchia-Paesi arabi", in programma nella capitale marocchina.

Il portavoce ha spiegato che nel corso della riunione del Cairo del 2 novembre scorso, i ministri della Lega araba avevano deciso di "lasciare 15 giorni alla Siria per applicare il piano arabo" per mettere termine alla repressione condotta da otto mesi dal regime di Bashar al Assad contro le forze di opposizione. Ieri l’organizzazione panaraba ha deciso di sospendere la Siria perchè non ha ancora messo in atto il piano, che prevede la fine delle violenze e il ritiro dei blindati dell’esercito dalle città.

La Lega araba, che ieri ha sospeso la partecipazione della Siria alle sue riunioni, "studia la messa in opera d’un meccanismo per proteggere i civili" nel paese. L’ha annunciato il segretario generale dell’organizzazione panaraba Nabil al Arabi durante una visita a Tripoli. "Quello che è chiesto ora alla Lega araba è di mettere in piedi un meccanismo per proteggere i civili", ha detto al Arabi in una conferenza stampa congiunta col capo del Consiglio nazionale di transizione libico Mustafa Abdeljalil. Arabi non ha dato ulteriori precisazioni.

Il Consiglio nazionale siriano (Cns), l’ombrello che raggruppa la gran parte dell’opposizione siriana, s’è detto contento della decisione della Lega araba di sospendere la Siria, ritenendolo un passo nella giusta decisione: "Il Cns accoglie favorevolmente le decisioni prese dai ministri arabi, che costituiscono un passo nella buona direzione e un’accusa chiara del regime siriano che commette assassinii e distruzioni», ha detto il consiglio in un comunicato. «I sacrifici del popolo siriano rispetto al regime sanguinario – continua il comunicato – hanno fatto in modo che la posizione araba sia cambiata in favore della Rivoluzione siriana".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.