BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ma l’ammucchiata non ci salverà

Gabriele Sola, consigliere regionale bergamasco dell'Idv, responsabile nazionale comunicazione Idv, spiega perché è d'accordo con Antonio Di Pietro sul no a un governo di Mario Monti.

Più informazioni su

Gabriele Sola, consigliere regionale bergamasco dell’Idv, responsabile nazionale comunicazione Idv, spiega perché è d’accordo con Antonio Di Pietro sul no a un  governo di Mario Monti. 

La questione è: l’Italia può schivare il rischio default solamente copia-incollando le misure che qualche settimana fa Berlusconi chiese all’Europa di imporci (perché, se ben ricordate, andò proprio così)? E se sì, che senso ha cacciare Berlusconi perché qualcun altro, il più

affidabile e rispettato Mario Monti, compia con tutt’altro aplomb gli stessi identici misfatti sociali che erano nelle intenzioni del cavaliere? Un calcione negli stinchi è pur sempre un calcione negli stinchi, che me lo rifili Superpippa o, con più classe, Lionel Messi.
Il caos totale che avviluppa l’Italia richiede responsabilità, certo. Ma dovrebbe suggerire pure decisioni coraggiose e davvero innovative, anche rispetto alla letterina spedita a Palazzo Chigi dall’Eurotower. Scelte che, garantendo l’approdo imposto da Merkozy (nell’interesse superiore dell’Europa, e forse anche in quello inferiore delle loro banche zoppicanti) traccino la rotta migliore per arrivarci.
Servirebbe Politica con la "P" maiuscola, scelte chiare e nette, mica l’orgiastico inciucio che presto potrebbe riunire alle pendici del Monti quelli che fino a ieri apparivano (?!) avversari acerrimi. Berlusconi e Bersani, il cane e il gatto, il diavolo e l’acquasanta: presto sposi. Uniti in matrimonio, con Casini e Fini a far da paggetti. Scenario che avrebbe senso solo "a tempo": pochi mesi, per poi restituire la parola al popolo sovrano. L’iper-inciucio, invece, porterebbe dritto dritto a primavera 2013… Dopo aver approvato con somma gioia, come accadrà fra poche ore, l’ennesima "legge mancia", quella famigerata misura che destra, centro e sinistra (ma non noi dell’IdV) condividono da sempre, regalando soldi pubblici agli amici che sapranno ricambiare con altrettanta generosità in tempo di elezioni.
L’ammucchiata che si delinea all’orizzonte farà la gioia dei poteri forti che rappresentano il male di questo Paese, la causa prima degli italici tormenti, incluso un bel pezzo di ‘sto maledetto debito pubblico. I parassiti troverebbero ampia corrispondenza in una maggioranza tanto ampia, che qualcuno osa auspicare priva di una qualsiasi opposizione.
Nel nome della lotta alla crisi vivrebbero tutti felici e contenti, esplorando senza pudore le gioie promesse dal kamasutra di un potere lontano dalla gente. 
Sicuri, proprio sicuri che le soluzioni del Paese risiedano in un’ammucchiata selvaggia e, perdipiù, priva di data di scadenza?
 
Gabriele Sola

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da cip

    Gabriele Sola, … spiega perch d’accordo con Antonio Di Pietro sul no a un governo di Mario Monti.
    Adesso ci spiegher anche perch d’accordo?
    no grazie, per un silvio che va….

  2. Scritto da Gabriele Sola

    Qualche puntualizzazione, prendendo spunto dai commenti. Ma credete proprio che la scelta dell’IdV sia cos opportunistica e indolore? In realt la nostra coerenza ci sta costando moltissimo! Non ho mai detto, poi, che si dovrebbe votare col Porcellum. Ma scherziamo? Se siamo stati proprio noi a raccogliere le firme per la riforma elettorale! La soluzione che auspichiamo la seguente: INTERVENTI PER LO SVILUPPO SUBITO E RIFORMA ELETTORALE, PRIMA DI ANDARE AL VOTO (A MARZO). Invece qui si parla di un esecutivo (composto da tecnici ma dipendente dai voti di partiti che mantengono da sempre posizioni contrapposte) destinato a durare un anno e mezzo. E’ questa la strada? Rispetto chi pensa di s. Io, al contrario, ritengo che la parola andrebbe lasciata il prima possibile agli italiani. E non si dica che il voto favorisce gli attacchi speculativi. Guardate la Spagna…

    1. Scritto da Cittadino

      Sola, la spagna non mai arrivati ai livelli di attacco speculativo nostrano (per altro ha quasi la met del debito) ed ha dato segnali immediati all’europa eseguendo subito quanto richiesto e cambiando governo. Per noi ormai era() una tragedia, un’onda di piena. Ma glielo devo dire io questo ? State difendendo l’indifendibile.

      1. Scritto da Gabriele Sola

        Forse non mi sono spiegato. Ci riprovo, semplificando ancora un po’:
        1) Il tecnico Monti agisce, come da lei e da me auspicato, con gli interventi richiesti dall’Europa (come ha fatto la Spagna, ok?) E gi che c’, riforma pure la legge elettorale
        2) Poich un governo tecnico ha senso nell’emergenza e poi fatalmente servono scelte politiche, alla luce dell’evidente insostenibilit politica di una coalizione Berlusconti-Bersani-Casini, si va alle urne.
        Spero di essermi spiegato (e spero pure che ci sia la volont di comprendere…)

  3. Scritto da lostilita

    Sola ti ho votato e il tuo capo ha fatto eleggere lo Scilipoti e il Razzi, alla faccia nostra col porcellum e adesso volete votare ancora con lo stesso metodo intanto l’Italia se ne andrebbe (d+) a rotoli, non mi beccate pi…

  4. Scritto da Rizzetta

    Ma Lei sicuro che il Sig. Monti far un Governo ammucchiando parlamentari di PD e PDL come un minestrone? Non potrebbe essere che un tecnico come lui decida invece di scegliere altri tecnici e, non dovendo favori a nessun politico, fare anche delle scelte che vadano a tagliare i costi della casta? Perch si parte subito con un NO? Forse mi sfuggito qualcosa, ma non mi sembra che Monti ancora si sia espresso su chi nominare!

    1. Scritto da Stefano

      13:36 Il governo Monti senza politici, prima convergenza di Pdl e Pd nella richiesta a Napolitano.

      Speriamo solo nei tagli alle provincie alle regioni e ai ns carissimi parlamentari, diciamo che 2500 euro mese a questi ultimi sono il prezzo giusto ma non per 900 onorevoli ne bastano un centinaio.

      in regione 70 sono un po’ troppi, ma facciamo finta di niente, vero?

  5. Scritto da baz

    avete azzerato in un solo colpo ogni stima e considerazione che potreste aver guadagnato negli ultimi anni.. come si fa a fare bancarotta per il gusto di farlo, invece di dare carta bianca ad un governo serio e che terr le leggi ad personam fuori dalla gazzetta ufficiale per un anno e mezzo?

  6. Scritto da Nè Pd nè Pdl

    Monti un tecnico che adesso alle dipendenze della politica. Per dire che allla fine a comandare saranno sempre i politici. Bersani e Berlusconi con l’alibi che siamo in emergenza muoveranno secondo lo schema del peggior inciuci i fili.

  7. Scritto da Carla

    @ giobatta, per uscire da un momento come questo ed evitare il peggio bisogner fare scelte. Per fare scelte bisogna avere idee chiare. Ma quali idee chiare in comune possono avere Pd e Pdl?Nessuna, se non quella del numero di scranni da dividersi.

    1. Scritto da giobatta

      prendo atto del tuo pessimismo. ma anche di pietro, quanto a scranni, ad es. in molise, non e’ proprio esemplare

  8. Scritto da Carlo

    Fino all’altro giorno sembrava che la soluzione migliore fosse quella di andare a votare al pi presto, oggi invece sono tutti d’accordo che no, che va bene cos…Secondo me a fargli cambiare idea sono bastati due conti veloci su quanto ci avrebbero smenato in vitalizi se si andava al voto. Gli interessi personali possono pi di ogni altra cosa, a destra e a sinistra. Bravo Tonino che tiri dritto e te ne freghi!

    1. Scritto da Schopenhauer

      Temo le sia sfuggito quanto stava/sta accadendo sui mercati . Temo che le stia sfuggendo anche un minimo di percezione di quali sarebbero le conseguenze .

  9. Scritto da giobatta

    caro idv, in un momento come questo non e’ il caso di andar troppo per il sottile. purtroppo non avete mostrato un senso responsabile dello stato, ma apparite solo portatori di sordi rancori e polemiche preconcette, sterili di proposte costruttive. come tanti altri, vi ho cancellato dalle mie simpatie.

  10. Scritto da Gianni

    Credo che l’unica preoccupazione per IDV in questo momento non siano le sorti dell’Italia, bens l’eventuale accordo PDL/PD per un governo di transizione, questo li butterebbe fuori gioco per le prospettive di spartizione delle poltrone. Ps Sola ragioni con i suoi pensieri e non quelli del Tonino……

  11. Scritto da guardapiuinladelnaso

    Il default si sarebbe potuto evitare anche con un governo a tempo e indicendo le elezioni anticipate come ha fatto Zapatero in Spagna. Mi pare che da quel momento la Spagna stia molto meglio no?

  12. Scritto da Stefano

    idv come la lega, partiti personalistici, centrati su una persona, dove il pensierio del capo non e’ criticabile, dove e’ meglio stare all’opposizione cosi si puo’ gridare meglio e denigrare anche quei giocherelloni del pd che la prossima volta ci faranno entrare comunque in coalizione.
    alla larga da idv, dal trota e dl tricheco

  13. Scritto da Simo

    Giusto, dopo le prime due settimane, che cosa combineranno tutti quei galli nel pollaio? E’ il PD che sbaglia a mettersi con B.

  14. Scritto da der suchende

    Una sola domanda al luminare Sola: un’ipotesi default dell’Italia come la giudica? Macelleria sociale? No? O forse convinto che non lo pagherebbero i pi deboli. Da oggi saranno i fatti ed il voto in parlamento a comunicare quanto avete a cuore il futuro del nostro paese. Noi elettori, ce ne ricorderemo nelle urne.

  15. Scritto da der suchende

    Una sola domanda al luminare Sola: un’ipotesi default dell’Italia come la giudica? Macelleria sociale? No? O forse convinto che non lo pagherebbero i pi deboli. Da oggi saranno i fatti ed il voto in parlamento a comunicare quanto avete a cuore il futuro del nostro paese. Noi elettori, ce ne ricorderemo nelle urne.

  16. Scritto da unodibergamo

    Quindi? La proposta IDV quale sarebbe? Quella di andare alle elezioni con una legge elettorale che tutto garantisce fuorch la maggioranza a chi vincer, grazie al Porcellum? E come lo spiegate poi agli italiani ed ai mercati che caduto un governo e dopo le elezioni non si in grado di farne uno pi forte e duraturo? Per chiudere, la scadenza c’ ed la naturale fine della legislatura…

    1. Scritto da fabrizio persico

      Perfettamente d’accordo con “uno di bergamo”… aggiungerei inoltre per l’On. Di Pietro la seguente domanda:” perch ci ha fatto lavorare pancia a terra per raccogliere le firme per il referendum contro il porcellum, se adesso ci vuol mandare tutti alle elezioni dalle quali usciranno i soliti “nominati: avvocati, commercialisti, mafiosi ecc. ecc.?”. Da quanto dicono i sondaggi non ci sarebbe una maggioranza certa al senato per il centro sinistra, per cui rimarrebbe tutto per aria in uno stato di totale confusione, in un momento in cui (nei primi 6 mesi del 2012) l’Italia dovr piazzare sul mercato pi di 400 miliardi di euro per la vendita dei suoi BTP. Dopo lo scivolone con la candidatura di suo figlio al Consiglio regionale del Molise, Di Pietro eviti per favore almeno quest’altra gaffe che sarebbe davvero gravissima non solo per il partito, ma soprattutto per l’Italia.

  17. Scritto da che sola

    Mah

    1. Scritto da degna Milesi

      Il governo tecnico non potr essere un’ammucchiata se i Ministri verranno scelti dal dott. Monti non in base all’appartenenza ma su la base della competenza..
      Andare adesso alle elezioni significa perdere tempo che purtroppo non c.
      Inoltre l’attuale legge elettorale sappiano tutti essere non solo inadegiuata ma deleteria per gli equilibri all’interno del parlamento e senato.
      Il governo tecnico con l’appoggio esterno dei partiti pu fare tutte quelle riforme di cui il paese necessit. Diversamente sara veramentre la catastrofe.
      Anche i politici dovranno fare l’esame di coscienza e rendersi conto che il costo della politica ormai insostenibile per il paese.
      Non ci debbono essere privilegi per i cinque milioni di politici ma doveri e diritti per tutti gli Italiani.arebbe utile che per una volta, senza nessuna vergogna, si cercasse di semplificare norme e regole magari dopo aver, senza nessuna vergogna, dato uno sguardo a ci che fanno in altri paesi.
      Dimenticavo il Consigliere Solo ormai da anni in Consiglio Regionale non ha mai denunciato almeno pubblicamente che per chi non utilizza la macchina bleu la regione da un rimborso di ben 50.000 euro cos come altri privilegi. Cominciano anche da qui a risparmiare i soldi dei contribuenti.
      Cordialit.