BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamasca Scherma Creberg soffia su 150 candeline fotogallery

La società nel 2012 si prepara a tagliare il traguardo del secolo e mezzo di attività.

Più informazioni su

E’ ormai prossimo a compiere 150 anni: il movimento sportivo più antico della terra di Bergamo nel 2012 toccherà il secolo e mezzo di storia.

Dalla Società della Scuola di Scherma fondata nel 1862 alla denominazione attuale Bergamasca Scherma Creberg – la storia ha corso tutta di un fiato.

Molti i momenti salienti: a cominciare dal primo schermidore olimpionico Riccardo Nowak – argento a squadre nella sciabola, Londra 1908 – quindi il destino incrociato con la nascente Atalanta, fondata nell’ottobre del 1907 come branca della «Giovane Orobica – associazione schermistica».

Nel secondo dopoguerra si fondono due società la «Libertas Magrini» e la «Società Bergamasca di Scherma» dando vita nel 1964 alla «Libertas Magrini – Bergamasca Scherma». Molti i nomi blasonati di questo decennio da Paolo Pellizzari ad Antonio Albanese, da Massimo Sestini a Bruno Pirrone, poi Marco Perazzi, Susanna Postiglione, Fabiana Monti.

Nel ’65 il neonato Palazzetto dello Sport accoglie nei suoi seminterrati la scherma orobica. A tutt’oggi ad accogliere l’atleta o il semplice avventore che vi scende le scale c’è il sonoro sferragliare di lame e i nitidi acuti dell’apparecchiatura elettronica, supporto dell’attività schermistica.

La Bergamasca Scherma Creberg oggi è diretta da Marco Leali al secondo mandato consecutivo, maestro di sala il polacco Zbigniew Demianiuk, preparatrice atletica Sylwia Demianiuk e come assistenti Giacomo Suardi e Pierfrancesco Andreana.

Il movimento schermistico bergamasco ne ha fatta di strada: la società negli ultimi anni ha raggiunto risultati di grande rilievo.

Tra le file della nazionale azzurrina militano oggi Gianmarco Andreana, Tomaso Melocchi, Roberta Marzani, Lorenza Baroli. A suscitare l’interesse federale nella categoria giovani sono Raffaello Marzani e Samuele RivoltaMa non solo, la scorsa stagione è stata ricca di medaglie e successi.

Le Universiadi svoltesi in Cina lo scorso agosto hanno visto la partecipazione di un atleta Creberg – Raffaello Marzani – che ha vinto la medaglia di bronzo. Sempre Marzani è vice campione europeo under23.

I Giochi del Mediterraneo sono stati vinti da Lorenza Baroli, vice campionessa Roberta MarzaniE ancora vincitore in Coppa Europea Gianmarco Andreana. Di neppure una settimana fa il trionfale risultato di Tomaso Melocchi in Coppa del Mondo in Lussemburgo – anche in questo caso è stato conquistato un meritatissimo bronzo. Non solo, Tomaso Melocchi si è piazzato secondo nella classifica europea cadetti. 

La rapida carrellata di risultati eccellenti non puo’ che concludersi menzionando lo splendido V° posto ottenuto dalla squadra di spada maschile del Creberg, nel campionato di serie A1.

Gianmarco Andreana, Lorenzo Leali, Tomaso Melocchi e Samuele Rivolta si sono posizionati dietro a quattro team di stampo militare, affermandosi così come 1° squadra non in divisa in Italia. L’attività agonistica si affianca a quella ludico amatoriale; quest’ultima permette sia agli adulti che ai più piccoli di avvicinare questo sport, così attraente per i suoi cavallereschi retaggi e la sua indiscussa eleganza. La scherma italiana vanta diversi primati: è infatti lo sport più medagliato nella storia delle olimpiadi ed è pure uno degli sport più longevi.

La Bergamasca Scherma Creberg, insieme ai suoi Sponsor – Credito Bergamasco, GMM, Gravellona Macchine Marmo, Sacs e i suoi sostenitori RotaGroup, Caffé del Tasso, Robergam e Press Time Group intende continuare la tradizione di cui è figlia e che l’accompagna nel proporre fieramente anno dopo anno questo sport nella terra di Bergamo.

(Articolo di Sara Pagliaroli)

Info: Bergamasca Scherma Creberg 
viale Cesare Battisti 4, 24100 Bergamo
info@bergamascascherma.it – tel. 035.22.53.32
Aperta dalle 17:00 da lunedì a venerdì.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.