BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Scomparso da cinque mesi Il giallo di Michele

Padre sudamericano, madre italiana, il giovane di 29 anni è stato nella Bergamasca a metà giugno, poi è partito per la Sicilia. Nessuno ha più notizie di lui.

Ha salutato la madre ormai cinque mesi fa, per raggiungere una serie di amici spagnoli e siciliani a Palermo, a metà giugno. Ma da allora non si fa più sentire, non ha più mandato brevi sms rassicuranti alla madre bergamasca e l’auto che aveva preso a noleggio a Orio al Serio per recarsi fino a Pisa (da dove si è imbarcato su un volo per Palermo) è stata trovata parcheggiata e chiusa nei pressi dello scalo toscano. Il noleggio non è stato pagato.
Sembra scomparso nel nulla Michele Rodriguez Larreta, 29 anni, padre sudamericano e madre bergamasca, di Torre Boldone, paese dove lui stesso mantiene un appartamento nonostante abbia dal 2006 la residenza in Spagna, a Valencia. A giugno, come faceva periodicamente, Michele Larreta aveva raggiunto la madre, insegnante, a Torre Boldone. Si erano salutati il 9 di quel mese. Era poi andato a Orio, a prendere un’auto a noleggio, e in macchina aveva raggiunto Pisa, per incontrare un’amica o forse una sorellastra che vive in Toscana. L’auto, da allora, è rimasta parcheggiata fuori dall’aeroporto Toscano. L’11 giugno Michele si è imbarcato su un volo per Palermo.
Il giorno dopo il suo telefonino ha smesso di ricevere segnali. Non un messaggio alla madre, non una mail. Nulla di nulla, contrariamente a quanto era solito fare quando si allontanava dai familiari per mesi. Cosa possa essere successo a Michele Rodriguez Larreta, in Sicilia o altrove, è difficile dirlo. Dopo essere stata contatta dai titolari dell’autonoleggio, per la vettura non pagata, la madre del 29enne ha dato l’allarme ai carabinieri di Bergamo. Allo stato attuale si tratta formalmente di una persona maggiorenne che si è allontanata dai suoi luoghi abituali. Ma c’è comunque un fascicolo d’indagine aperto in procura, a Bergamo. Se ne occupa il sostituto Letizia Ruggeri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.