BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Maggioranza, Carlucci lascia; Maroni: non c’?? pi??

Gabriella Carlucci passa all'Udc e il ministro Roberto Maroni da Fazio sentenzia: "La maggioranza non c'?? pi??. E' inutile accanirsi".

Più informazioni su

La conta potrebbe avvenire già martedì. Le astensioni alla Camera sul rendiconto di bilancio potrebbero fornire la misura della forza degli scontenti nella maggioranza. E dimostrare, nelle loro intenzioni, che il governo Berlusconi così non può più andare avanti. Ma lotterà fino all’ultimo minuto il premier. E dall’altro lato le opposizioni, Udc in testa, dovranno proseguire il loro pressing serrato sugli indecisi. Chi avrà avuto ragione lo si vedrà forse solo alla prova dell’Aula. Ma intanto a sorpresa il Pdl perde un altro deputato: Gabriella Carlucci, ex presentatrice delle tv berlusconiane, passa al partito di Pier Ferdinando Casini. Con il passaggio tra i centristi del deputato Carlucci, il governo torna virtualmente sotto la maggioranza assoluta alla Camera. E’ a 314, sotto di due voti rispetto alla soglia dei 316 che Silvio Berlusconi (prima, a dire il vero, dell’annuncio di Carlucci) ostenta con le persone con cui parla.
Certezze però al momento non ne ha nessuno, neanche lui. Tanto più che anche i suoi fedelissimi confessano timori. "Almeno 15 deputati non si sa cosa faranno", dice un esponente di punta del Pdl. E anche se non ci saranno altri cambi di casacca nelle prossime 48 ore, nel caso in cui le opposizioni compatte, insieme agli ‘scontenti’ di Pdl e Pt, decidano di astenersi sul rendiconto di bilancio, i ‘si” potrebbero scivolare fino a ‘quota 300’. Mentre nel peggiore degli scenari possibili, si calcola, se tutti gli indecisi votassero ‘no’, la maggioranza si troverebbe in svantaggio di una ventina di voti. Ma il barometro delle previsioni oscilla paurosamente in queste ore. Perché molti deputati Pdl non hanno ancora sciolto la loro riserva. "Di alcuni indecisi – racconta più d’uno tra le fila pidielline – i nomi non sono mai emersi sui giornali".
Le opposizioni decideranno con ogni probabilità oggi, lunedì se sul rendiconto astenersi in blocco (inclusi i Radicali). Con loro si asterrebbero anche quattro firmatari della lettera al premier (Gava, Destro, Antonione e Pittelli, ma non Stracquadanio e Bertolini). Di sicuro Sardelli e forse Milo e Gianni. E poi altri pidiellini: si parla tra gli altri di Cazzola, Stradella, Mazzucca, Pianetta. Intanto, mentre Beppe Pisanu invita Berlusconi a "contribuire alla nascita di un governo di unità nazionale", Claudio Scajola invece afferma: "Non farò mancare la fiducia al governo Berlusconi".
Ma serpeggia il timore che qualcuno dei suoi martedì possa optare per l’astensione in Aula. Resta in piedi, comunque, l’ipotesi della nascita di un gruppo parlamentare autonomo, magari con tutti coloro che si saranno astenuti sul rendiconto di bilancio (c’é chi parla di 22 deputati). Un appuntamento per discuterne è fissato per martedì sera. Sarebbero pronti a iscriversi subito alla compagine Sardelli e Versace, un ‘prestito’ potrebbe arrivare dal Terzo polo (con Api ed Mpa), mentre gli altri studiano il da farsi. Un nuovo gruppo, si ragiona, potrebbe essere il ‘luogo’ dove far affluire i parlamentari Pdl pronti a sostenere un governo di larghe intese, ove esso dovesse prospettarsi. Ma questo è il momento dei numeri, poi si vedrà. "La maggioranza non c’é più. E’ inutile accanirsi", sentenzia Roberto Maroni. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mario59

    @ 10 marilena

    Non è una questione di sesso….ma di cervello, ci sono donne che di cervello ne hanno da vendere, come uomini miseri nella mente… e viceversa.
    Una persona che augura a chi non condivide il proprio pensiero, che suo figlio venga intercettato dai pedofili… lascia ampiamente trasparire la pochezza, che vaga nella sua povera mente.

  2. Scritto da marilena

    grazie a mario 59 , condivido naturalmente. Il mio era uno sfogo del momento, leggere che una tampona un autobus e scappa in auto contromano, arriva e parcheggia in divieto fuori dal parlamento mi ha veramente annichilita….

  3. Scritto da sergio

    quando la nave affonda, anche i top fuggono in quanto il grana (o la grana) non si trova nell’acqua..

  4. Scritto da Giulia

    L’impero sta crollando,l’imperatore è stato disarcionato, i suoi fedelissimi lo abbandonano.Il popolo italiano deve prenderne atto.Alle prossime elezioni non devono dimenticare i nominativi dei camaleonti,comunque responsabili del decadimento del nostro governo,e del malaffare diffuso.

  5. Scritto da ex elettore

    Sono queste cose che rendono ancor piu schifosa la politica, la Carlucci se ne stia a casa sua, altro che cambiare partito.

  6. Scritto da pm

    Complimenti all’UDC per il “grande” acquisto.
    Certo che pensare che è da 17 anni che paghiamo lo stipendio a una così non è un buon modo per iniziare la settimana…

  7. Scritto da Desaparecidos

    Ma la Lega che fine ha fatto ? Nessuno apre più bocca sui problemi nazionali, unica voce ieri sera maroni per dire che per loro i provvedimenti economici presi sono quelli giusti . Peccato che il resto del mondo non lo capisca e quindi la direzione imboccata, se si lasciano le cose inalterate, sia quella della bancarotta . Che se ne vadano, possibilmente per sempre, e qualcuno prenda le iniziative necessarie.

  8. Scritto da marilena

    vi invito a leggere la biografia di questa “signora” su wikipedia. Io mi vergogno di essere una donna quando leggo certe cose…

  9. Scritto da ex elettore

    Calma calma, ci sono in ballo 349 vitalizi, con la nuova legge 349 parlamentari sia di dx che di sx se non arrivano con la legislatura a fine ottobre 2012 perdono il diritto al vitalizio…..quindi attenzione alle sorprese……

  10. Scritto da dc

    premesso che ritengo che la crisi non sia colpa dell’attuale governo, visto che è una crisi mondiale. anche ad andare al voto la crisi non migliorerebbe…ma appena la situazione migliora bisogna andare ad elezioni…

  11. Scritto da MM

    Se lasciasse la politica e tornasse a fare la soubrette sarebbe meglio x tutti. Che contributo danno al paese personaggi simili? Ringraziamo il nostro presidente del consiglio (speriamo ancora x poco), che ha candidato nelle sue liste gente del genere (vedi la Zanicchi che al parlamento europeo non ha mai combinato un tubo).

  12. Scritto da mario59

    Chi di spada ferisce..di spada perisce..più volte si è salvato il sedere..portando via “chissà come” deputati alle altre forze politiche..ora succede la stessa cosa al contrario..con la differenza che, sono gli stessi fuggiaschi dal pdl che cercano rifugio in altri partiti, per salvarsi dal naufragio.
    Detto ciò..se gli Italiani saranno stati attenti, avranno la ghiotta occasione, di silurare tutti questi strani nomadi della politica Italiana.
    C’è bisogno di ripulire il parlamento..e tocca a noi