BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Corriere sbarca a Bergamo e “pesca” all’Eco

Tra gennaio e febbraio il dorso locale del quotidiano di via Solferino: scelti i due uomini al comando della redazione: caporedattore sarà Fabio Finazzi mentre Riccardo Nisoli sarà il suo vice.

Tanto tuonò che piovve. Dopo tanti stop&go, dopo indiscrezioni, annunci, chiacchiere, il Corriere della Sera finalmente approda a Bergamo con un  dorso locale parallelo a quello che è già partito a ottobre nella vicina Brescia: una dozzina di pagine, in uscita tutti i giorni della settimana tranne il lunedì, realizzate da una redazione dedicata. A proposito di redazione, che sarà con tutta probabilità formata da otto giornalisti, sono stati scelti in questi giorni i due uomini al comando: caporedattore sarà Fabio Finazzi mentre Riccardo Nisoli sarà il suo vice. Entrambi provengono dalla squadra dell’Eco di Bergamo, entrambi arrivano dall’ufficio dei capiredattori del quotidiano della Curia. Ai due colleghi, che tra loro sono anche molto amici, il compito di costituire il team che sfiderà il giornale da cui arrivano e dove hanno lavorato per anni: Finazzi, 47enne arrivato dall’Avvenire a fine anni Novanta, Nisoli, 46enne, promosso caporedattore dopo essersi occupato di cronaca e di giudiziaria.
Il Corriere Bergamo partirà tra la fine di gennaio e i primi di febbraio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da tutto lo stadio

    @15. ah be, se ol dice lei, siamo tutti tranquilli. Clap clap a tutti belli e brutti

  2. Scritto da Verdello libera

    La prima vera prova di libertà e indipendenza la coppia Finazzi-Nisoli può darla smentendo che il corrispondente storico del Corriere non farà parte dell’avventura. Sarebbe sgradevole vederli protagonisti di un’operazione che puzza tanto di odiosa censura. Coraggio, fatevi sentire, su Bergamonews c’è tutto lo spazio per smentire o confermare.

  3. Scritto da non verdelliamoci

    Non vedo perché si faccia tanto clamore su un corrispondente che non verrebbe assunto. Si vede che c’è qualche problema. Il Corrierone avrà diritto a scegliere chi considera il meglio per il suo giornale locale, o devono decidere i lettori di bgnews?

  4. Scritto da zena

    C’è una regola che spiega sempre tutto quello che viene fatto e non viene fatto. “si vede che avevano la loro convenienza”.

  5. Scritto da caf

    Ci si dimentica che L’Eco è un’azienda, il Corriere è un’azienda, Bgnews è un azienda. Potranno fare quello che vogliono nelle assunzioni? Abbiamo già Daniele Belotti che scrive sul Corriere che secondo lui il direttore delL’Eco, deVE essere eltto dal popolo. Adesso si vuole adirittura che su un giornale concorrente si faccia campagna perchè il concorrnte assma un giornalista. E’ un delirio. Ridateci le spartizioni partitocratiche allora

  6. Scritto da giorgio b.

    Molti commenti paiono interessati, per un verso o per l’altro. Sembra di intravedere gelosie,rancori, piccole invidie, a danno del vero problema. Che chiama in causa il fatto che scegliendo due cresciuti a L’Eco il Corriere non mostra di voler perseguire un giornale alternativo. Interessa poco chiamare in causa questa o quella persona. Contano i profili e i valori. I giornalisti chiamati in causa ne incarnano di profondamente diversi. E il Corriere, per ora, è un giornale rigorosamente laico.

  7. Scritto da Sindacati

    @22 caf
    Potranno fare quello che vogliono nelle assunzioni?
    Non che non lo possono fare: decidono i sindacati

  8. Scritto da Mauro Invernizzi

    Ricordo Nisoli alla giudiziaria.
    E’ un’ottima persona, prima che un eccellente professionista
    Gli faccio i miei più sentiti auguri per questa nuova scommessa

  9. Scritto da fiore

    Che liberazione per i due nuovi acquisti ex-eco : non dovranno piu’ occuparsi di chiesa, preti novelli, ordinazioni, il vangelo del giorno e argomenti piu’ terreni tipo CDO e le scuole cattoliche

  10. Scritto da renzo scarpellini

    Faranno la bella o la brutta copia dell’eco? Una ex eco a Bergamonews, due ex eco al Corriere. E’ il trionfo della scuola della Curia. Non so cosa ci sia di positivo, di sicuro i valori della Bergamo laica faranno sempre più fatica ad emergere.

  11. Scritto da don bairo

    L’a.d. di Sesaab si sta fregando le mani. In un sol colpo si è liberato di due maxistipendi senza dover scucire un euro d’aggiunta. Starà facendo gli scongiuri perchè se ne vada qualcun altro. Pare che l’abbiano visto nella chiesa delle Grazie ad accendere una candela….

  12. Scritto da dark

    7 ha ragione. e a 5 aggiungiamo una piccola cosa: Nisoli è della grande fucina ciellna…che già non mancano al corriere. Basta vedere che incensi a Formigoni.

  13. Scritto da Vov

    ma mentre accendeva la candela ripeteva il mantra “Che c’azzecca, che c’azzecca”

  14. Scritto da Zap dove sei?

    E Zapperi, che con il Corriere collabora da una vita? Pare strano che non faccia parte della squadra…ma, forse, cantare fuori dal coro è una cosa che, a Bergamo, nuoce un tantino.

  15. Scritto da angi

    Bene il Corriere, il più importante quotidiano d’Italia, libera informazione e relativa concorrenza, servirà sicuramente e finalmente a sprovincializzare un pò questo nostro territorio!! E così tutti questi commentatori che vedono in ogni azione a Bergamo un complotto con a capo le famiglie e le istituzioni più importanti riducendo tutto sulla politica e gli interessi personali.

  16. Scritto da bumma

    Devo dire anch’io che la notizia, buona per chi crede nell’informazione, mi spiace veda fuori dai giochi Zapperi. Io l’ho apprezzato da queste “colonne”, che tutt’ora ben seguo, e anche nelle varie “testate” dove l’ho potuto leggere, Corriere o Voce che fu.

  17. Scritto da Evaristo

    Non posso credere che lascino a casa Zapperi. E’ un fuoriclasse del giornalismo locale. Forse paga la sua indipendenza da tutto e da tutti. E la sua testardaggine nel perseguirla. Peccato per il Corriere

  18. Scritto da E che m'importa

    A me non frega niente, tanto leggo Libero e il Giornale

  19. Scritto da titti

    l’era a ura… morto il don finalmente strada libera… ora vediamo cosa succede, sicuro è che Nisoli è un grande Giornalista, che che se ne dica e solo beghe interne lo hanno fatto mettere da parte, preciso minuzioso, ma capace tanto capace. SOno contento, che possa far vedere cosa sa fare…. Finazzi lo conosco poco ma merita di sicuro, squadra da brivido in una città come questa… Per Zap mi spiace ma credo che le ultime uscite lo abbiano un poco rallentato, peccato!

  20. Scritto da manuel ortega

    speriamo che sia anche on line, almeno leggeremo meglio…

  21. Scritto da carmelo

    E fino a venerdì si dava per certo ( oggi no) che il Corriere pesca in SPM per la pubblicità. Scelta lungimirante: due giornali concorrenti e stessa agenzia per la pubblicità, controllata da Sesaab. In bocca al lupo!

  22. Scritto da più informazione?

    in città ci sono brave giornaliste, che fanno un grande lavoro!

    (Buon lavoro al Corriere)

  23. Scritto da Cinque Vie

    Bravi comunque a scriverlo.
    Bergamo news = Stampa libera.

  24. Scritto da via solferino

    Voi fate pubblicità a chi vi farà concorrenza?

  25. Scritto da pina

    ma la versione on line ci sarà?
    E voi?