BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Solo Di Natale va pi?? forte del Tanque

L'attaccante dell'Udinese realizza il suo ottavo gol stagionale e si conferma al comando della classifica, ma Denis non molla con il settimo sigillo.

Più informazioni su

Antonio Di Natale realizza il suo ottavo gol stagionale e si conferma al comando della classifica marcatori di Serie A, dopo l’11.a giornata. Alle sue spalle non molla il bomber dell’Atalanta German Denis, settimo centro per il Tanque. Restano a quota sei, ma entrambi a secco nell’ultimo turno, Miroslav Klose della Lazio e Sebastian Giovinco del Parma. Si porta a quota 5 Zlatan Ibrahimovic, primo rigore trasformato dallo svedese in questo campionato. L’attaccante del Milan raggiunge così un quartetto formato da Jovetic, Osvaldo, Calaiò e Palacio.

8 RETI: Di Natale (Udinese, 2 rig.)
7 RETI: Denis (Atalanta, 1 rig.)

6 RETI: Klose (Lazio), Giovinco (Parma, 2 rig.)
5 RETI: Jovetic (Fiorentina), Palacio (Genoa, 1 rig.), Ibrahimovic (Milan, 1 rig.), Osvaldo (Roma), Calaio’ (Siena)
4 RETI: Moralez (Atalanta), Marchisio, Matri (Juventus), Nocerino (Milan), Cavani (Napoli), Rigoni (Novara, 3 rig.)
Fonte: Datasport

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da rf

    scusate se sono ripetitivo, ma tutti i vari esperti di calcio spacciati per le varie tv provinciali che sentenziavano quest’estate questo essere una punta non suffciente per coprire il reparto, non da doppia cifra etc.etc. hanno un minimo di pudore nel rilevare la loro superficialità di analisi degna dei bar sport, o si devono attaccare all’alibi che il calcio è materia imprevedibile? Sono gli stessi che hanno criticato Marino e Colantuono, ossia quelli che lo hanno voluto. Chi sa di calcio?