BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Conte e il presunto parrucchino: “Tutta roba mia!”

Il discusso ex allenatore dell'Atalanta si confessa a Le Iene: "E' tutta invidia, 10.000 dollari e ti passa la paura. C'?? chi si rif?? i seni".

Più informazioni su

Parrucchino o trapianto? La folta chioma che vanta il discusso ex allenatore dell’Atalanta (ora alla Juve) Antonio Conte, ha sempre destato grande curiosità tra i calciofili, anche bergamaschi. La trasmissione di Italia Uno “Le Iene” lo ha stuzzicato sull’argomento in un’intervista cattivella al punto giusto, anche sui suoi show in panchina.
Con una certa simpatia (mai mostrata o, forse, mai compresa a Bergamo) il tecnico bianconero replica alla domanda impertinente. Conte dimostra che non manca di autoironia quando gli si fa notare lo show in panchina che recita a ogni gara. "C‘è gente che viene allo stadio solo per vedere quello che faccio in panchina? Questa è una brutta cosa", se la ride il tecnico bianconero, che commentando alcune immagini che lo ritraggono ammette: "Questo è Lino Banfi che mi ispira…. "porca puttena", aggiunge riferendosi alla celebre espressione dell’attore ne "L’Allenatore nel pallone e in molti suoi film".
E poi l’attesa confessione sui suoi (discussi) capelli : "Porto il parrucchino? No, è tutta roba mia. E’ tutta invidia no? 10.000 dollari e ti passa la paura. C’è chi si rifà i seni…".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marco

    Di questi tempi è una notizia fondamentale, che potrebbe spostare gli equilibri politici.