BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Campagnola esasperata: “Viabilit??, il Comune ?? sordo”

Il Comitato di quartiere chiede da tempo all'Amministrazione Comunale un confronto su viabilit?? e scelte urbanistiche. Ma non ha risposte.

Più informazioni su

Pubblichiamo la lettera del Comitato di quartiere Campagnola a Bergamo, esasperato dal mancato riscontro del Comune di Bergamo agli appelli lanciati dai cittadini sui temi di viabilità e scelte urbanistiche. 

a Campagnola, nell’area ove sono ubicate le poche strutture pubbliche del Quartiere (Scuola Materna, Oratorio, Chiesa ecc.) ogni giorno, sabato e domeniche compresi, sul vecchio ponte sul Morla transitano non meno di 30.000 veicoli. Molti di più di quelli che attualmente passano da Cisano Bergamasco o attraversavano il Comune di Albino prima che aprissero la superstrada.
Il Comitato di Quartiere, da molti anni ha operato al fine di far riacquistare al rione la vivibilità che aveva fino a pochi anni fa.
Poi le scelte urbanistiche scellerate, compiute in spregio alle osservazione e alle proposte avanzate dai cittadini, hanno portato all’apertura dell’asse interurbano con l’unico accesso fattibile alla città in transito da via Orio, all’apertura e al raddoppio dell’Oriocenter (con la promessa mai mantenuta di chiudere la via per Orio), allo sviluppo anarcoide dell’aeroporto contro tutti i vincoli di legge, ecc. ecc.
Una situazione che con le realizzazioni in programma (Piano Norma 17 e 16 in via Zanica, Polo del Lusso ad Azzano ecc. ecc.) peggiorerà in modo irreversibile.
Nelle numerose assemblee pubbliche organizzate dal Comitato di Quartiere abbiamo presentato unanimemente proposte per porre soluzione ai problemi, con interventi che richiedevano stanziamenti non particolarmente onerosi, mutuando l’esperienza e le scelte di Comuni italiani e stranieri.
Emblematica la Zona 30, dove le idee progettuali approvate unanimemente dai cittadini e dalla 6° Circoscrizione , sono state più volte stravolte fino ad essere praticamente azzerate (una Zona 30 dove si può andare a 70 km all’ora, o un divieto di transito percorso da migliaia di auto al giorno sono un fallimento totale del concetto di sicurezza), fino alla tragicommedia di telecamere installate (e pagate) ma non funzionanti da anni, e volutamente senza alcun controllo, specie nei week end quando il traffico per e da Orio Center è massiccio e continuo. Chissà perché invece il controllo per Città Alta viene effettuato sistematicamente?
Avevamo proposto la realizzazione di una strada di collegamento tra Asse Interurbano e Circonvallazione, che avrebbe risolto i problemi di viabilità oltre che di Campagnola, anche di Boccaleone e Malpensata. Nel 1998 costava 4 miliardi di lire. Per il dott. Tentorio, allora capogruppo di AN in Consiglio, l’opera era “indispensabile e indifferibile” salvo da vicesindaco prima e Sindaco dal 2009 non farne nulla.
Idem per le Amministrazioni di centrosinistra, che avevano inserito la strada di collegamento nel Piano della Mobilità Comunale ritenendola "un opera prioritaria"Il presi, per poi non farne più niente.
Attualmente per realizzarla (ammesso che sia ancora tecnicamente fattibile), servirebbero non meno di 100 milioni di euro. Questi sono i veri sprechi della politica.
Sull’area degradata dell’ex Mangimificio, nonostante il parere contrario dei cittadini e della 6° Circoscrizione, è prevista una ulteriore massiccia edificazione, senza prevedere una viabilità alternativa, con il risultato di peggiorare la situazione viabilistica del quartiere, la riduzione dei vincoli del Centro Storico e delle aree verdi esistenti.
Su queste tematiche abbiamo richiesto da due anni un confronto con l’Amministrazione Comunale, senza avere alcuna risposta. Persino le richieste avanzate dalla Circoscrizione (chiusura di via Orio, confronto preventivo sugli interventi per la Zona 30) sono stati completamente e immotivatamente ignorate.
E allora ci chiediamo se sia davvero sempre necessario manifestare pubblicamente per avere un minimo di attenzione, rispetto degli impegni assunti e ricerca unanime delle soluzioni che, anche a costi ridotti, possano salvaguardare la salute e la sicurezza delle persone e non solo gli interessi economici di pochi.

Grazie per l’attenzione.

Gigi Mologni
del Comitato di Quartiere di Campagnola

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Razionalmente

    Penso che il comitato di Campagnola ed i loro responsabili abbiano dimostrato il loro consenso in campagna elettorale. Dunque le loro posizioni sono posizioni di minoranza. Diversamente il quartiere avrebbe eletto i loro responsabili in Consiglio Comunale.

  2. Scritto da basta !

    chiudiamo tutte le strade.chiudiamo l’aereoporto.chiudiamo tutti i centri commerciali.chiudiamo tutti i comitati di quartiere ( compresi quelli usati a proprio uso e consumo ). spiace vedere che gente che magari parla di solidarietà, poi vuole avere solo il suo benessere a scapito degl’altri. che ci sia un problema traffico e sotto gli occhi di tutti, ma esiste un quartiere ” isola felice “? è più facile sparare nel mucchio che rimboccsrsi le maniche e darsi una mano tutti assieme.

  3. Scritto da residente di campagnola

    Di cosa si stupiscono molti abitanti residenti a campagnola? Avevamo un sindaco residente nel quartiere (forse l’unico che era davvero residente in mezzo alla gente) che ha iniziato a portare delle migliorie alla zona (essendo anche casa sua di sicuro aveva un occhio di riguardo..) e alle elezioni il quartiere gli ha votato contro.. Ora cosa si pretende dai sindaci che vivono nelle loro belle ville di città alta? Forse bisognava pensarci prima.. E non sputare nel piatto in cui si mangia!!!!!

  4. Scritto da Muc

    @11 Gentile libera pensatrice che la “deregulation” sia una cosa enormemente sbagliata siamo d’accordo,che le istituzioni non facciano nulla è ottimismo, la realtà è peggiore,il fatto è che non solo non fanno nulla ma peggiorano la situazione.La legalità è basilare per qualunque evento.OK.Chiariti questi principi i signori di Campagnola hanno già ottenuto interventi che hanno penalizzato i quartieri vicini.Non è questa la strada per risolvere i problemi,anche gli altri hanno gli stessi diritti.

  5. Scritto da DATE I MUMERI

    dove è possibile sapere numericamente i rappresentanti dei “comitatoni” ??!!! voglio una legge nella quale ci sia l’obbigo di firma degli aderenti ai comitati, perchè son certo che sono pode decine coloro che si sciacquano e si arrogano il fatto di essere un comitato che rappresenta chissà chi e chissa quante persone. NEL CASO IN CUI NON DICONO QUANTI SONO NON POSSONO USARE LA PAROLA COMITATO E NON SI PUBBLICA NULLA

  6. Scritto da basta comitati

    trasferitevi!

  7. Scritto da usiamo il cervello

    In Svizzera i Comitati dei cittadini sono finanziati dalle istituzioni che favoriscono la partecipazione e la progettazione condivisa.
    Infatti a Zurigo hanno tolto i voli notturni e le Zone 30 le fanno sul serio.
    Da noi sparano sui comitati quelli che fanno i loro sporchi affari con la complicità delle istituzioni, destra o sinistra che siano.
    Ve li ricordate quelli della Lega che bloccavano le strade ad Albino?

  8. Scritto da Gaia

    Ma state zitti voi del comitato che avete intasato tutte le altre strade!!! in via Zanica sono meno belli di voi?? andate a vedere la bellissima scelta di Bruni che chiudendo via Orio crea una coda fino a Urgnano tutti i giorni!!! E chi ci abitava in via per Orio??

  9. Scritto da gigi mologni

    Carissima Gaia, consiglio di rileggere con più serenità la lettera. Allora forse capirebbe che la via Zanica e le altre vie sono intasate anche quando via Orio è aperta ufficialmente (dalle 7 alle 9) e anche quando lo è di fatto. E capire che la colpa non è degli abitanti di Campagnola ma di chi ha costruito supermercati, sviluppato aeroporti ecc. senza pianificazione urbanistica
    Per @ 15 idem: quando si chiedeva la nuova strada era per il benessere di tutti i quartieri (mentre voi dormivate)

  10. Scritto da A.Z. Bg

    Gli abitanti di Campagnola vedono il resto della città o son ciechi?Hanno voluto la bretella per aumentare il traffico di via Zanica(tanto lì abitano altri)ed ora continuano a lamentarsi?Oltre ai brontolamenti per gli aerei ovviamente.Propongo che nessuna auto degi abitanti di
    campagnola venga lasciato circolare in altre parti della città e della provincia.Loro non vogliono le auto deglia ltri bergamaschi? Noi non vogliamo le loro!

  11. Scritto da Residente Campagnola

    Mologni non rappresenta nessuno. Uno che si è candidato alle elezioni comunali e ha preso 17 voti nel 2004 e 3 nel 2009 ha ancora il coraggio di parlare a nome del quartiere?

  12. Scritto da Marco P.

    Ogni quartiere ha i suoi problemi di viabilità-traffico. Io risiedo in Via Borgo Palazzo/S.Anna ed il traffico che a Campagnola si vive, come indicato, nel periodo del weekend da noi è pane quotidiano e quando capita la chiusura di una qualsiasi via per interventi di manutenzione diventa ordinario avere ore di pazienza (la semplice chiusura di via Pinamonte o via David per lavori stradali ne è l’esempio). A volte è necessario sacrificare una via al traffico per non bloccare un rione intero!

  13. Scritto da carlo

    Il comitato ha ragione. I cittadini di Campagnola sono stati presi in giro in tutte le campagne elettorali con promesse non mantenute. Le conseguenze dell’Orio Center pesano in massima parte su questo quartiere. Tasso di vivibiltà scadente con spazio al degrado e alla cementificazione. Dire che altre zone della Città sono messe peggio non aiuta, anzi conferma il disinteresee degli amministratori. A proposito, dove sono finiti i vigili di quartiere una volta tanto reclamati da Tentorio?

  14. Scritto da Ezio

    Finchè il cittadino automobilista sarà quello che avrà più diritto degli altri, ne vedremo delle altre di Campagnola.
    C’è solo una cosa da fare, ridurre l’uso dell’auto privata nelle città.

  15. Scritto da poeret

    CONCORDO CON AZ.. PER CAMPAGNOLA NON C’è PIù TRAFFICO CHE IN ALTRI INGRESSI CITTADINI. VIA PER ORIO, SEMPLICE SOLUZIONE, CHIUDERLA MA PER TUTTI..NON COME ORA CHE GLI ABITANTI VANNO E VENGONO IN TUTTE LE DIREZIONI (PRATICAMENTE è AD USO ESCLUSIVO) CHIUDIAMOLA E BON..UN Pò DI DISAGIO PER TUTTI E TRAFFICO TAGLIATO..

  16. Scritto da federica

    Campagnola? Ma sono quegli stessi che hanno preteso E OTTENUTO che la via per Orio divenisse vietata ai non residenti, salvo che poi l’asfalto, l’illuminazione e la manutenzione continuano a pagarla tutti i cittadini?

  17. Scritto da Fede

    Togliamo quella ridicola zona 30

  18. Scritto da i comitati mi hanno stufato

    Basta con i comitati che rappresentano solo se stessi; basta con le solite menate su una zona 30 e sui dossi troppo bassi. Basta.

  19. Scritto da Muc

    Gli abitanti di Campagnola non hanno alcun titolo per sentirsi in diritto più degli abitanti di altri quartieri di non essere disturbati dal traffico. Via Zanica e via Don Bosco non sono meno trafficate, il traffico che va in centro arrivando dal rondò della bretella finisce in via Zanica e si somma a quello che arriva dalla a tutto il traffico che viene dalla valseriana va a finire in via Don Bosco. E è sempre un disastro peggio che mai nei lunedì di mercato.Meno cresta e più partecipazione

  20. Scritto da libera pensatrice

    certi commenti qualunquistici dimostrano se mai ce ne fosse bisogno del perchè l’Italia è nelle condizioni attuali. Il Signor Mologni ha semplicemente denunciato la “Deregulation” che investe il paese senza che le Istituzioni facciano nulla per metterci rimedio. E’ sotto gli occhi di tutti che il casttivo uso che si fa del territorio provoca pesanti contraccolpi sulla vivibilità ma sopratutto sulla salute dei cittadini. NON ESISTE SVILUPPO SENZA LEGALITA’
    NON CE’ SVILUPPO NELLILLEGALIT

  21. Scritto da gigi mologni

    Consiglierei agli strenui difensori di tutte le malefatte della città di verificare i dati del Piano della Mobilità del Comune di Bergamo prima di fare confronti improponibili e ricordare gli impegni assunti dagli amministratori. O forse i residenti di Città Alta, del Quartiere Finardi o di altre vie locali di Bergamo chiuse al traffico hanno maggiori diritti?
    I cittadini acculturati d’europa chiudono al traffico privato, da noi si parla di menate o di preferenze.
    Valutate voi da che parte stare

  22. Scritto da IL PRESIDENTE

    CARO COMUNE RAPPRESENTO IL COMITATO DI VIA CORRIDONI E VOGLIO CHE QUESTA VIA SIA APERTA SOLO AI RESIDENTI

  23. Scritto da @4

    carlo, puoi dirmi quanti sono quelli del comitato ? diamo un pò di numeri visto che non si capisce mai chi sono e quanti sono ………in secondo luogo, questa zono non è messa peggio di altre zone, o forse a voi interessa SOLO la vostra zona e che le altre si arrangino ?