BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bilinguismo a Ponteranica Il Pdl: ???Basta padanizzazione??? Il sindaco: ???Salt?? z?? da la pianta???

Piccato botta e risposta tra il consigliere del Pdl Luca Oriani e il sindaco di Ponteranica Cristiano Aldegani sul ???bilinguismo??? bergamasco italiano istituito dalla Giunta.

“In tutti i comuni le Amministrazioni si dedicano a trovare soluzioni utili per fornire servizi ai loro cittadini nonostante le esigue risorse, a Ponteranica invece ci si dedica all’inutile e al superfluo in un continuo e sempre più crescente inno alla stupidità amministrativa»: così il consigliere comunale del Popolo della Libertà di Ponteranica Luca Oriani commenta la delibera di Giunta (approvata all’unanimità lo scorso 27 ottobre) sulla “Valorizzazione della lingua bergamasca negli atti ufficiali del Comune”, che ha stabilito aggiungere (sulla carta intestata, sul sito internet e sugli atti ufficiali dell’Ente) “Cümü de Potranga” e “Bèrghem” accanto a “Comune di Ponteranica” e “Provincia di Bergamo”. Oriani si scaglia contro la progressiva assimilazione dell’istituzione comunale alle finalità partitiche della Lega Nord: «Ci risiamo: l’amministrazione Aldegani continua nell’imperterrito tentativo di “padanizzare” Ponteranica». Ma l’ultima trovata del Sindaco e della sua Giunta è l’occasione per un sintetico (quanto impietoso) bilancio del loro operato: “Riassumendo due anni e mezzo di amministrazione Aldegani posso dire – afferma Oriani – che Ponteranica oramai è nota a tutta la Nazione per la rimozione della targa in Biblioteca dedicata a Peppino Impastato, per il sentimento anti-italiano del vicesindaco Minetti (vero commissario politico dell’amministrazione), per la patetica vicenda del consigliere Locatelli e della simpatia espressa su Facebook per il regime fascista ed ora per il bilinguismo sui documenti ufficiali del Comune. Mentre Aldegani, Minetti e la loro cricca leghista si occupano di questa “padanizzazione”, i cittadini e le famiglie vedono sempre più ridotti i servizi, e ciò non a causa dei tagli che il Governo ha imposto agli Enti Locali, ma per una scelta politica di quest’Amministrazione, esclusivamente interessata a soddisfare le “esigenze padane” piuttosto che a operare realmente per il bene dell’intera Comunità di Ponteranica», sottolinea Oriani. Che, in conclusione, pone un quesito: «Mi domando: cosa ci riserveranno per il futuro queste fini menti padane?».
Immediata e pepata la risposta del sindaco, Cristiano Aldegani (nella foto sopra).”Per citare il consigliere Oriani, fino ad ora le “fini menti padane” hanno prodotto tante opere per i propri cittadini; in cantiere ci sono molte altre iniziative che consentiranno maggior benessere e rinnoveranno il volto del paese. Non vorrei che questo fosse solo lo sfogo di un singolo consigliere deluso, appartenente al Pdl, che il giorno dopo le elezioni si è schierato a fianco delle opposizioni di sinistra, rinnegando il patto sottoscritto con gli elettori, mentre i colleghi del suo stesso partito lavorano proficuamente nella Giunta Comunale e in consiglio. Lascio al giudizio dei lettori e dei cittadini di Ponteranica, valutare l’operato di questa Amministrazione che ha fatto proprio il motto “Detto, fatto!”, a differenza di altri partiti definiti dagli ex-amministratori (di sinistra) “di plastica”.
Per dirla nella nostra cara lingua bergamasca: “Oriani, salta zò da la pianta!”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da sergio

    Ritorno un po rozzo e ridicolo della lega di lotta per conservare il nulla, visto che siamo in un mondo in cui abbiamo assoluta necessità di capitali esteri e di conoscere la loro lingua… quando lo capiranno questi guastatori dell’economia italiana….

  2. Scritto da Cittadino

    Bravo Aldegani!

  3. Scritto da pais di russi

    Nel periodo della Resistenza così veniva chiamata Ponteranica. La storia è solo questione di mutande e chiacchiere per Aldegani. Difficile ricucire le ferite culturali e economiche inferte alla popolazione dalle politiche cieche e clientelari degli autoctoni, ubbidienti alla partitocrazia più superficiale della Lega. E i cittadini? Muti, si lamentano dietro gli angoli, timorosi delle ritorsioni esemplari a cui sono abituati dal vuoto morale ed intellettuale di questi gioppini verdi d’arroganza.

  4. Scritto da Non solo strade

    A Sorisole non hanno decurtato fondi per i servizi alla persona, mentre a Potranga si son tagliati fondi per il nido, per gli anziani e mo vedremo per la scuola.Certo bizzarre le nuove rotonde sulla via principale del paese :i bus faticano a girare.L’ingegno padano non ha limiti…Urinare sulla bandiera italiana è il loro gioco prediletto. Per dirla da bilinguista : ede mia l’urà che ndi fo di bal e tot ol mal chi fac al ve turnerà ndrè

  5. Scritto da Orizzonti Morti

    Ma qual’è il problema? Bilinguismo e allora? A me piace.
    E riguardo al fare di questa amministrazione, quelli che la criticano dovrebbero vedere gli incompetenti che avevamo prima!

  6. Scritto da Luciano Zanda

    Più che pensare ai linguaggi locali, bisognerebbe difendere la lingua Italiana e contrastare, per esempio, gli “Inglesismi” che compaiono anche nei luoghi pubblici. Ricevo da un Ospedale pubblico Bergamasco la richiesta di compilare il “CUSTOMER SATISFATION ” !!. Questi signori si devono rivolgere ai cittadini in lingua Italiana!!

  7. Scritto da Rutto&Sbadiglio

    Ma oltre al dito medio,alla pernacchia e al grugnito ci sono altre forme di comunicazione nel linguaggio padanleghista ?

  8. Scritto da Comandante del Titanic

    Potranga provincia di ? Cambiate pure i cartelli stradali cosi manco il navigatore satellitare vi riconoscerà ! ahahahahhahahah

  9. Scritto da marilena

    per 29 e un’ottima con l’apostrofo! Ha ragione Daniela, lei deve ancora imparare l’italiano…

  10. Scritto da Internazionalista

    Stanno confondendo l’identità e la cultura con il folklore. Mettere i cartelli stradali o la carta intestata con su Potranga quando i ragazzi, le nuove leve chattano, messaggiano, navigano su internet (come si dice internet in dialetto?) e con Skype parlano in inglese con i loro coetanei dall’Australia, a che serve? Preserviamo le identità e le tradizioni. Lasciamo ad altri il Comu de Potranga e la Provincia de Berghem.

  11. Scritto da Mario Arsuffi

    Chi maia sau de la lega che i a ciapat i palache dei italà e i a campat per vint’agn ai noste spale col miraggio della secessiu a le ura che i n’daghe. I cuminse a da n’dre i solc che i a ciapat e dopo a sen parlerà. Forse se risolve ol problema dela papania (padania???).

  12. Scritto da giulia

    Carissimi “potranghei”,come potete sprecare tempo e denaro pubblico per propagandare e favorire il bilinguismo, forse non sapete come utilizzare le vostre risorse di bilancio? Se ne avete in più potreste donarle ad altri comuni meno fortunati.Francamente tutto questo enfatizzare la padania mi ha nauseato.

  13. Scritto da michele.russo2@libero.it

    Non perdo neanche tempo a commentare l’iniziativa provincialotta dei leghisti,la cosa che mi fa piacere è che finalmente qualcuno nel PDL cominci ad alzare la voce contro queste retrograde iniziative che servono solo ad evidenziare il livello medio degli amministratori leghisti.

  14. Scritto da A.Z. Bg

    *48.Ripeta i suoi commenti sul bilinguismo in Alto Adige,Sardegna,Sicilia,Trentino,Val d’Aosta,Catalogna,Euskadi,Galles,Scozia,Svizzera (pentalinguismo),se ha il coraggio. Solo i bergamaschi non possono fare o avere ciò che raccomanda il consiglio d’Europa? O per lei l’Europa è importante solo quando rompe le scatole ?

  15. Scritto da Uno come tanti

    Complimenti al Sindaco e tutta la giunta comunale; mentre nel comprensorio scolastico ad inizio anno sono i genitori a portare le risme di carta “Bianca”per i propri figli la combriccola leghista ha pensato bene a queste trovate, ma che bravi ometti…dimenticavo complimenti anche alle signore…”meditate gente meditate”… e io pago!!!

  16. Scritto da alberto pezzotta

    Per 50:
    visto che Lei è molto informato sulla faccenda potrebbe spiegare a tutti che differenza passa tra una lingua e un dialetto?
    Ringrazio anticipatamente.

  17. Scritto da Ezio

    @Luciano Zanda
    Verissimo!
    Magari sarebbe bello sapere di quale ospedale si tratta.

  18. Scritto da daniela

    ha ragione stobia87@29 quando dice che parlare bergamasco non vuol dire essere ignoranti, ma nel leggere “anche se HA farla fosse rifondazione…” qualche dubbio viene.
    Ciò premesso, non prendiamoci in giro. Il punto non è dare un senso ed una storia al proprio dialetto o lingua o chel che l’è. La stupidaggine è contrapporlo al resto della realtà/storia/identità di noi cittadini italiani.
    Dividere e contrapporre, negare l’altro. Questo è fascismo, cattiveria, ignoranza, oscurantismo. Toglie ossigeno

  19. Scritto da piero

    Oriani !!! non conosco il dialetto ! che cosa significa la sua frase ?

  20. Scritto da Ortani vai a sorisole...

    Oriani dovrebbe andare a ZELIG!!! a Ponteranica in questi hanni si è fatto molto… basta vedere la cura delle strade, la valorizzazione delle opere pubbliche!!! fatevi un giro a sorisole questa sera e vedrete la differenza tra la gestione ALDEGANI e la gestione GAMBA.
    A sorisole tutto è allo sfascio… strade con buche e mille sistemazioni a fognature e perdite… incompetenza gestionale… perchè a Ponteranica si lamentano??? venite a Sorisole… vedrete che schifo!

  21. Scritto da Potranga deluso

    A Ponteranica si è fatta solo via Valbona, progetto dell’Amministrazione precedente, e si sono messi quattro giochi ai parchi (giochi pagati da privati). Per il resto la riqualificazione di Ponteranica Alta? La RSA? il miglioramento dei servizi?
    Per le asfaltature potremmo fare un giro per il paese e ridere: via lupi, via maresana, via fustina asfaltata a toppe, via IV novembre, via Leone XIII, via carino, tanto per fare un breve elenco. Oriani ha ragione, parlate troppo

  22. Scritto da Arturo

    Il consigliere Oriani dimentica 2 cose.1°Il comune ha il dovere di valorizzare la cutura,soprattutto del territorio con la sua lingua.2°sud dove tante amministrazioni sono Pdl la lingua locale e le sue tradizioni vengono giustamente valorizzate,ma nessunpdliini se ne è mai lamentato(vedi il Salento,ad es.).I bergamaschi hanno gli stessi diritti oppure no inquesto stato che si auto definisce unito solo quando ha bisogno delle tasse dei bergamaschi?

  23. Scritto da MIT

    @1 – per essere così preparati cosa avete frequentato ? La High Economic School di San Giovanni Bianco ?

  24. Scritto da Padano informato

    Aldegani sogni ancora di poter avere il simbolo del PDL per vincere le elezioni del 2014 e continui a dire, come se fosse un mantra, che il vero PDL sta con te???? Aldegani vieni giù tu dalla pianta!!! Dopo due settimane ti hanno tolto il simbolo, l’appoggio e ti hanno lasciato senza sostegno e lo ha fatto il coordinamento provinciale del partito del PDL. Ah magari però hai il coniglio nel cilindro, qualche tesserato leghista in prestito al Tironi per fargli vincere il congresso del PDL…

  25. Scritto da SERIANO

    Mi tocca proprio dare ragione a ORIANI!
    La difesa della cultura e delle tradizioni bergamasche, prescinde dalla carta intestata.
    Fare quello e tralasciare ciò che conta é il comodo alibi di una certa generazione di amministratori: la Storia ne farà giustizia.
    Quanto al sindaco di Ponteranica, non serve la Storia, é bastata la cronaca per metterlo in ridicolo.

    Cari saluti dalla ValSeriana!

  26. Scritto da Architetto stanco

    Sentivo la necessità di avere Comù de Potranga sulla carta del comune…. era fondamentale per me che, per avere una risposta dagli uffici tecnici, devo fare lettere di sollecito perchè non rispettano mai le scadenze di legge… Oriani è di un partito che non ho mai votato ma ha ragione: invece di pensare alle stupidate provate a gestire il Comune seriamente e a far funzionare la macchina comunale!!!!!

  27. Scritto da un bersagliere

    Smettela di fare strumentalizzazioni, giusto il bilinguismo non cè niente di male ma che non diventi rinchiudersi nelle proprie mura del bigottismo .
    La padania non esiste.
    W L’ ITALIA UNITA

  28. Scritto da Luigi Cosenza

    Un pò di lezioni di lingua potranghese all’assessore leghista-calabrese-moglie di sindaco-altro comune-leghista, signora Manduca, no?

  29. Scritto da Ezio

    Ma guardate dove ci sta portando quel mentecatto di Bossi. Idioti che litigano sul dialetto.

  30. Scritto da Luca

    non si è fatto abbastanza per la grammatica nelle scuole evidentemente.. vero #1? “hanni”…
    Prima di pensare al dialetto imparate l’italiano!

  31. Scritto da federica

    PDL, saltì zò dalla giunta e dalla maggioranza, se non vi piacciono le scelte di quel sindaco! Altrimenti è troppo comoda tenere il piede in due scarpe e farsi ridere dietro sia dai giovani che dagli anziani del paese

  32. Scritto da PIO

    ma che cose sono queste L’ITALIA è UNA
    ma pensassero ai problemi seri DISOCCUPAZIONE,PRECARI,INVALIDI,ANZIANI,ECC,ECC
    PENSASSERO AD ELIMINARE LE CASTE DI TUTTI I TIPI E QUALITA
    IN PIENA CRISI IL PROBLEMA E’ IL BILINGUISMO MAH?
    POVERI NOI

  33. Scritto da farlucchi

    Ma che palle co sti leghisti. Mano male che tra un anno al massimo ci sono le elezioni, e li mandiamo tutti a casa, loro e i loro dialetti.
    Purtroppo restano i danni di questi farlucchioni

  34. Scritto da buzzurri

    che buzzuri questi leghisti

  35. Scritto da kenzo

    Il fatto che in un momento di grave crisi l’unica preoccupazione dell’amministrazione sia quella di padanizzare le intestazione della carte, mi sembra che non necessiti di commento. La vera desolazione che lascia la politica della lega è che ci hanno tolto la possibilità di essere orgogliosi delle nostre origini e delle nostre tradizioni senza sentirci come dei babbei che vivono chiusi nel proprio orticello. Che nostalgia di intellettuali come De Andrè e Pasolini che scrivevano in dialetto

  36. Scritto da Diego

    Qui a Bergamo si parla di bilinguismo
    Lì a Genova 7 morti per un alluvione

    Robe da Itaglia…

  37. Scritto da maresana

    La decisione del sindaco e della sua giunta (Lega e ex Pdl) si commenta da sola!!! Certo fa dispiacere pensare che ci siano sindaci che invece di pensare alla cosa pubblica, in special modo di questi tempi, fanno a gara per meritarsi il primato del più “bravo” sindaco leghista (confronta Ponte S.Pietro). Oriani ha ragione, la sua è una critica di buon senso. Tempo al tempo i Ponteranichesi sapranno giudicare come vengono spesi i loro soldi!!!

  38. Scritto da anna carissoni

    Condivido “in toto” quanto scrive kenzoe aggiungo soltanto che questi sedicenti difensori del dialetto bergamasco non lo sanno nemmeno scrivere: non “salta zò”, ma “salta zo’- , cioè la o con l’accento acuto, non grave! ( anche se qui non posso scriverlo perchè non ce l’ho nel pc)
    Del resto anche questo è un campo in cui i leghisti eccellono, basta guardare i cartelli stradali con i nomi delle località in dialetto, la cui grafia è spesso sbagliata.

  39. Scritto da verita'

    Condivido Oriani,penso che il sindaco specialmente in questo periodo avrebbe altro di piu’ importante a cui pensare,potrei forse capire se le cose andassero bene,ma ora che si sta’ quasi naufragando si pensano a queste cose?????Ma vive fuori dalla realta’?

  40. Scritto da yes

    non replicate, io uso ponteranica come discarica e basta

  41. Scritto da yauuuuuuuuuuuuuuuuuuu

    pota scec, ogniuno ha chi si merita, è stato eletto e rappresenta i ponteranghesi

  42. Scritto da CUORE VERDE

    Sicuramente a Ponteranica ,come in tanti altri paesi, i problemi ci sono ma sicuramente non è colpa dell’attuale giunta – sono d’accordo con il bilinguismo – abbiamo bambini che non sanno parlare la lingua dei nostri nonni….. questo è delirante. Ricordiamoci che un popolo senza storia è un popolo destinato a sparire.
    Spero in altre iniziative per la tutela della lingua del nostro territorio.

  43. Scritto da aldo

    la “padanizzazione” ha mostrato cosa è la lega in realtà. il “capo” usa abitualmente il dito medio e perciò che aspettarsi d’altro ? da ex leghista non vedo l’ora di andare al voto per riparare all’errore fatto in precedenza, voto chiunque mi garantisca l’allontanamento da lega e pdl, voto anche bertinotti, agnoletto chiunque

  44. Scritto da ex padano

    Iil paese fallisce e questi litigano per il nulla. Poveri noi!

  45. Scritto da mario59

    Questi sono al governo, e pensano a stare a bisticciare su argomenti come; dialetto si dialetto no..e intanto la politica internazionale ci ha bollati come inaffidabili.
    Questi sono gli irresponsabili..che continuano a far stare in piedi il governo che ormai da anni, mente agli Italiani su quella che è la reale situazione del nostro paese..e cosa trovano di meglio da fare…?
    Bisticciare all’interno della loro maggioranza, sul bilinguismo.
    Ma cosa devono fare ancora per poterli mandare a casa?

  46. Scritto da stefano b.

    Parlare correttamente l’italiano non è facile.
    Meglio il dialetto dove la grammatica è un optional.
    Darwin s’è fermato a Ponteranica.
    Forse non c’è mai arrivato.

  47. Scritto da stobla87

    La promozione delle lingue locali (non dialetti termine dispregiativo e fascista) è sempre un ottima iniziativa,l’applauderei anche se ha farla fosse rifondazione comunista……
    Se sparisce una lingua sparisce un elemento culturale fondamentale di una comunità,l’italia non ci aiuta di certo a tutelarle(per loro solo napoli,roma e palermo)e allora aiutiamoci da soli e senza litigare su queste cose.
    Parlare Bergamasco non vuol dire essere ignoranti,ma qui c’è gente che disprezza la propria città.

  48. Scritto da fuse

    Aldegani imperatore!!!

  49. Scritto da pota

    Povero sindaco, dovrebbe saperlo che il dialetto ormai è ormai stato soppiantato dall’italiano. E’ un processo storico irreversibile e quello di Ponteranica è solo un tentativo patetico. Personalmente credo che l’essere riusciti a scrollarci di dosso lo stereotipo del bergamasco mezzo analfabeta e ignorantone che si esprime con suoni gutturali (per capirci, quello deriso nel film di Totò a Milano) sia una conquista.
    Forza italiani.

  50. Scritto da CARLO

    ma parlano di questo perchè non hanno sanno che altro dire e fare, ZERO ASSOLUTO

  51. Scritto da alberto pezzotta

    Giusto l’altro giorno ho chiesto a un amico leghista che rompeva gli zebedei con la storia del “il bergamasco è una lingua e non un dialetto” che differenza ci fosse tra una lingua e un dialetto. Non lo sapeva. Aldegani, come si dice “siete ridicoli” in potranghese?

  52. Scritto da pier pasinetti

    veramente la dic salta zo dela pianta mia salti so dela pianta… era riferito a lui non al a tutti…. ridicoli tutti e due… e lo dico sa uomo di destra. Comincio ad averne piene le scatole di tutti gli schieramenti, mangia soldi a tradimento… ma la Lega alpina del Goisis esiste ancora mi sa che il mio voto va a lui…