BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Amleto” al Festival del Teatro di Gruppo

Sabato 5 novembre all'auditorium comunale la compagnia del Centro Teatrale Umbro - Massimiliano Donato presneta "L'archivio delle anime. Amleto"

Seganli Experimenta – Festival Internazionale del Teatro di Gruppo sabato 5 novembre alle 21.30 all’auditorium comunale di Urgnano. La compagnia del Centro Teatrale Umbro – Massimiliano Donato di Gubbio presneta "L’archivio delle anime. Amleto" di e con Massimiliano Donato.
La tragedia si sta per compiere e Amleto dedica al pubblico la sua morte. Di lì a poco il suo corpo verrà portato sul palco e i cannoni annunceranno al cielo che un nobile uomo è caduto. A Orazio il compito di non lasciarne il nome ferito, di raccontarne le gesta, dimostrandone tutto il valore ed elevandolo al mito. Il suo dolore, come quello di Jim Morrison o Kurt Cobain rimarrà eternamente giovane: diventerà leggenda e i suoi affezionati ammiratori, nei più diversi adattamenti, potranno riascoltare quei pensieri che gli divorano il cuore, per sempre.
Ma quando della morte rimane solo il silenzio e l’odore, quando i personaggi hanno compiuto il loro tragico destino, quando il pubblico ha consumato il suo pasto e, sazio dell’eroe che pensa, ha lasciato il teatro per rientrare nella sua quotidianità lasciandosi alle spalle l’artificiosa morte, chi si occupa di seppellire i sogni perché il giorno dopo rifioriscano?
E’ davanti ad una platea vuota che prende forma la figura della nostra riscrittura scenica, quella del becchino. Una figura dal trucco pesante, pallido di cipria, l’ombretto che marca le occhiaie, con una barba finta di vecchio in un cappotto nero. A lui il compito di cancellare le tracce della tragedia, di raccogliere i feticci dei personaggi, di seppellirne i desideri, i pensieri, i sogni, di cancellare i segni del loro passare perché la sera dopo li lascino come se non avessero mai percorso quella strada.
Sfortunatamente per il becchino, non può esserci teatro senza pubblico dunque per quanto abbia deciso di conoscersi nel silenzio e nella solitudine di un teatro vuoto, di servire un cimitero che accoglie e custodisce enigmi, questa sera l’Amleto lo celebra lui. Lui da solo, come burattini nelle mani di un demiurgo compassionevole e ironico, animerà i personaggi, ricordandone le battute. Celebrerà lui questo dramma intessuto di domande e di dubbi, di risposte contraddittorie, di lacune che ha un’unica certezza: la morte.  Ingresso 10 euro. Posti in sala 99. Si consiglia la prenotazione al Laboratorio Teatro Officina: Tel. 035 891878 – Cell. 340 4994795. Email. laboratorioteatrofficina@aliceposta.it  – Sito Web. www.laboratorioteatrofficina.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.