BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

E’ ufficiale: Antonio Cassano vittima di un ictus Galliani: “Tra sei mesi in campo” Ma la carriera potrebbe essere finita

Come anticipato luned?? mattina da bergamonews il giocatore ?? stato vittima di una "sofferenza cerebrale su base ischemica". Si parla di recupero di sei mesi, ma la verit?? ?? che sono necessari altri giorni, se non settimane, per comprendere se il giocatore potr?? tornare a deliziare le platee calcistiche.

Più informazioni su

È uscito il comunicato ufficiale circa le condizioni di Antonio Cassano da parte del Policlinico di Milano. Poche righe che confermano l’indiscrezione fornita da bergamonews nella mattinata del 31 ottobre: “Antonio Cassano ha manifestato una sofferenza cerebrale su base ischemica”. È quanto comunica il Milan precisando che il calciatore verrà sottoposto nei prossimi giorni a un piccolo intervento di cardiologia interventistica (chiusura del forame ovale). I tempi di recupero per il ritorno all’attività agonistica saranno meglio definiti dopo l’intervento, ma verosimilmente saranno di qualche mese”.
In termine tecnico si tratterebbe di FOP (forame ovale pervio), in termini terra terra un “buco” all’interno del cuore che si chiude per la stragrande maggior parte dei bambini pochi giorni dopo la nascita e che ha provocato a Fantantonio l’ischemia cerebrale: un embolo è partito dal cuore andando ad ostruire un vaso del cervello . “Buco” da chiudere attraverso una semplice operazione al cuore. In rete iniziano a circolare le prime indicazioni sui tempi di recupero ed anche Adriano Galliani  afferma che la “carriera non è a rischio e che tornerà entro sei mesi”. Ottimismo dell’ad del Milan a parte, l’unica cosa sicura è che ora non si può avere alcuna certezza sulla possibilità di poter tornare a giocare e di conseguenza sul quando: tutto dipende dall’entità del danno provocato alle cellule cerebrali dall’ischemia che si potrà quantificare solo tra qualche giorno con ulteriori accertamenti. Dubbio confermato dalle parole da Maurizio Casasco, Presidente della Federazione dei Medici Sportivi italiani, intervistato dalla Gazzetta dello Sport. Se la lesione ha risparmiato l’area motoria potrebbe tornare, altrimenti è molto difficile rivedere il 29enne su un campo da calcio. Insomma, le variabili sono moltissime a cui si aggiunge quella, non secondaria, di come risponderà alla riabilitazione.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.