BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Sempre pi?? cacciatori, anche giovani e donne”

Sempre pi?? giovani e donne imbracciano il fucile per cacciare. Lo ha dichiarato l'Assessore provinciale alla Caccia, Alessandro Cottini.

Più informazioni su

Sempre più giovani e donne imbracciano il fucile per cacciare. Lo ha dichiarato l’Assessore provinciale alla Caccia, Alessandro Cottini, durante la prima edizione di "Venatio est virtus”, la cerimonia di benvenuto organizzata giovedì scorso per i 150 nuovi cacciatori bergamaschi: la maggior parte dei nuovi abilitati alla caccia nel 2011 ha un’età compresa tra i 20 e i 30 anni. Tra di loro anche sette nuove cacciatrici. "E’ evidente che i cacciatori non sono in diminuzione, – ha precisato l’assessore Cottini – così come non è in declino la passione per la caccia. Proprio ai nuovi cacciatori tocca il non sempre facile compito di concorrere alla conservazione dell’ambiente, di rispettare la fauna selvatica e di tramandare alle generazioni future una tradizione che nella nostra provincia affonda le radici nella notte dei tempi. Quello di stasera è un momento di condivisione e d’incontro all’insegna della fratellanza che storicamente lega tutti i cacciatori”. L’assessore Cottini ha poi consegnato un attestato simbolico all’abilitazione venatoria e una copia del volume "Usi e consuetudini venatorie della Provincia di Bergamo” di Davide Brumana. Un libro che ha portato in evidenza l’importanza delle consuetudini venatorie, quali regole non scritte per il rispetto della fauna selvatica e degli altri cacciatori, a testimonianza – ha ricordato l’autore presente all’iniziativa – di una cultura e di un’etica della caccia plurisecolare. Nel corso della serata è stato poi assegnato del Trofeo del Presidente della Provincia al pluricampione di tiro dinamico con pistola e carabina Roberto Vezzoli. Alla serata erano presenti anche il comandante della Polizia provinciale Alberto Cigliano, il dirigente del settore Caccia, Pesca e Sport Gian Carlo Bosio, Maurizio Volpi presidente ACT Prealpino, Lorenzo Bertacchi presidente Federcaccia Bergamo e il consigliere regionale Roberto Pedretti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da luca sanpellegrino

    Se Cottoni avesse idea di cosa vuol dire fare il bene del territorio ….

  2. Scritto da mario59

    Ribadisco..ammazzare o peggio far soffrire gli animali, per il puro divertimento, è una vergogna che va fermata quanto prima….Basta caccia e basta pesca…gli uccelli devono volare liberi in cielo, non nelle padelle dei ristoranti… e i pesci devono nuotare liberi nei fiumi, nei laghi e nel mare..e non concludere di stenti la loro vita, in un secchio, dopo essere stati appesi ad un amo.
    basta con la crudeltà.

  3. Scritto da W la caccia

    Scusate, ma siete diventati tutti vegetariani? non ditemi che mangiate solo erba e quando la raccogliete, cercate di non schiacciare le formiche, ma lo sapete che i maggiori bracconieri non sono cacciatori, ma cosa continuate a essere cosi moralisti e testardi in questa società,
    x il Sig. Mario59, non mi dica che non ha mai mangiato pesce o carne, la smetta anche Lei di raccontarmi ciufilate; per il Sig. X anche Lei sposta le formiche quando cammina??
    smettetela di nascondere la realtà
    segue

  4. Scritto da W la caccia

    La realtà è quella che gli allevamenti di pesci ci sono, e poi guardano male un pescatore, perchè sai li prende con un amo anzichè farli morire a stento nei secchi,
    sappiamo anche che siamo in pochi, ma non rompete sempre sempre a noi cacciatori, rompetele anche agli allevatori di galline, tacchini, conigli, fagiani, mucche, maiali,pesci,ecc… ecc… ecc…
    e sopratutto ripeto finitela di sparare solo sui cacciatori
    bye

  5. Scritto da .

    @ 29 cacciatore di consensi e tastiere amiche,cacciare ed uccidere un Animale per sopravvivere é una cosa che “ci può stare.” Cacciare,ed uccidere un Animale per divertimento,hobby sport tradizione ecc,non ci sta piu… e non scrivermi che tu vai ha caccia per dar da magiare alla tua famiglia… Saluti e se ti va,vai in un poligono o tiro a volo,li fai Sport e non ammazzi niente.

  6. Scritto da mariolino

    I numeri rivelati dall’assessore mi confortano. Se su decine di migliaia di giovani bergamaschi, si avvicinano alla caccia solo poche centinaia, significa che la fine non è lontanissima.
    Perché non si rivela invece l’età media dei cacciatori oggi, comparandola con quella di venti/trenta anni fa? Forse sono cifre troppo scomode?

  7. Scritto da roberta

    Per fortuna che la realtà è un’altra. Vi state estinguendo, lentamente ma inesorabilmente; e l’anagrafe in questo sta dando una grossa mano. Presto sarete un ricordo del passato, magari ricordati in qualche museo etnografico. E se siamo fortunati, i cacciatori si estingueranno prima che si estingua la rara fauna alpina (e non solo) cui ancora oggi si divertono a sparare.

  8. Scritto da marco, clusone

    a 13
    bravi a SPARARE balle !!!
    ma alle prossime elezioni gira storta per voi.

  9. Scritto da W la caccia

    A tutti i Moralisti presenti
    1) I cacciatori collaborano con associazioni serie per la salvaguardia della spece, (non con i moralisti presenti)
    2) l’8% è suddiviso da 1% di cacciatori e 7% di caccia sportiva(poligoni collezionismo ecc…)
    3 )Vi conosco Voi che fate tante chiacchiere e che andate nei ristoranti a cercare la polenta e osei ( moralisti presenti)
    4) informatevi bene cicci belli
    bye

  10. Scritto da Brambilla

    @ 20: comunque tu la pensi doppiettina incallita siete in minoranza,tantè vero che ultimamente vi state dando da fare parecchio per non scomparire,ma comunque il vostro destino é gia scritto,finirete in una riserva non so se protetta,questo é il probblema per voi. Siete gia il passato.

  11. Scritto da The sniper

    In un’epoca in cui nessuno ha bisogno di cacciare per mangiare, andare in giro a sparare agli animali mi pare un divertimento ai limiti del sadismo. Per sparare c’è il tiro a segno: il resto è crudeltà. Sarà anche utile all’economia, sarà anche rispettoso dell’ambiente, ma per me uccidere degli animali per divertirsi sembra solo il retaggio di barbarie mai del tutto dominate. E le difese ad oltranza di questa barbarie mi sembrano debolissime: giustificazioni infantili, più che altro.

  12. Scritto da Moralista

    X W la caccia
    1) la salvaguardia della spece a cui alludi è quella dei cacciatori e le associazioni serie che collaborano per la salvaguardia della caccia non le conosco( fai i nomi).
    2) nei ristoranti a mangiare gli osei ci vai tu, io la polenta la mangio con la casola e i cudeghì.
    3) i cicci belli raccontano meno balle di quelle che racconti tu.

  13. Scritto da Pluto

    Sara’ pur vero che ci sono 150 nuovi cacciatori… Ma sarebbe il caso di dire anche il numero di quelli che hanno abbandonato. Eppoi smettete di raccontar la palla dei rilasci: scrivete i numeri dei rilasci VERI anno per anno e per gli ultimi due ne leggeremo delle belle. Io giro per boschi e da due anni di animali ne vedo quasi piu’. E sono scomparsi anche certi vecchi soggetti che erano sopravvissuti. Un bacio all assessore che giustifica il suo…posto.

  14. Scritto da W la caccia

    Vedo che ho imbufalito un po tutti vero’?bene e vedo che fate più fuoco Voi delle poche noi doppiette vero?pertanto vedo anche che Vi rosica quanto Vi rosica…
    x Moralista
    almeno io ero arrivato a 4 punti, sei senza parole?
    poi ti devo dire anche che i codeghi si fanno dai maiali o dgli asini……..
    non venirmi a dire che li mangi vivi i codeghi….
    bye

  15. Scritto da X

    @ 25 sciöpetì,nessuno qui é imbufalito(altrimenti tu ci avresti gia preso a sciöpetade col tuo ciufilino voi sparate anche ai Bufali,in Africa purtroppo per tè…)ti stiamo soltanto dimostrando che siete pochi ed in via di estinzione. Tutto qui.

  16. Scritto da pietà 2

    8% del pil italiano? E x che cosa di grazia? Grazie alle armi per fare i forcaioli con animali indifesi?
    Guardi W la cacc(i)a 2, mi dia qualche numero in più. Ma non come quelli che roberta 7 ha giustamente messo in mutande. Grazie

  17. Scritto da G.Com.

    Un proclama di stampo nostalgico…Benito Mussolini incoraggiava e sosteneva la caccia perchè era un modo,diceva, per avvicinare e impratichire la gente all’uso delle armi. Ricordando certe deliranti affermazioni riguardo a 300.000 doppiette pronte a scendere in strada per l guerra civile padana beh c’è di che meditare….

  18. Scritto da doppiettone

    ben vengano le leggi europee! Gli pseudoambientalisti italiani dovrebbero leggersele. I primi tutori della natura sono i cacciatori. Nessuno parla del ripopolamento e della gestione della fauna. Eppure fanno tanti morti i cinghiali sulle strade, mentre uccidono più fauna fauna selvatica le strade che le doppiette.

  19. Scritto da doppiettone

    sig. luca, sorisole, lo sa che in francia è ammessa l’uccellagione? Da noi etichettata come una barbarie e vietata dalle leggi. Lo sa che in svizzera la caccia è considerata un’importante attività di rilevanza economica e sociale? Prima di scrivere si documenti!

  20. Scritto da agnese

    Che spettacolo penoso questi ridicoli Rambi armati di tutto punto che vigliaccamente ammazzano delle povere bestiole indifese.
    Che felicità sarebbe per una volta scambiare i ruoli e vedere questi bulli nei panni delle loro vittime.

  21. Scritto da fiore

    XDoppiettone
    sai che roba la francia….. Chi le fa credere di avere il diritto di vita o di morte sugli animali?

  22. Scritto da X

    Licenza di caccia:sistema veloce e sicuro per venire in possesso di un arma sia lunga che corta,ed essere in regola con le leggi. La gente ha paura e corre in contro ad un sistema “legale” di autodifesa del proprio “castello.” Si unisce l’utile al dilettevole,si salvi chi puo…

  23. Scritto da pietà

    “Rispettare la fauna selvatica”:
    Come? Impallinandola?
    Che sport! Roba da gonfiarsi il petto! Cottini lasci perdere, a star zitto ha solo da guadagnarci.

  24. Scritto da W la caccia

    x pietà
    lei fa più danni con la morale che noi con i nostri fucili, quanti di Voi immettono in natura uccelli, lepri, fagiani ecc…noi lo facciamo, tutti provenienti da allevamenti di gente come Lei che prima fanno la morale poi fanno finta di niente.
    comunque tutto questo fanno il 8% del pil Italiano
    bye

  25. Scritto da luca, sorisole

    prima o poi arriveranno anche qui (nel terzo mondo italico) le giustissime leggi europee e finalmente la finirete di fare i gradassi sul sangue di bestiole che hanno la sfortuna di essere nate dalla parte sbagliata delle alpi.

  26. Scritto da marilena

    la caccia è una virtu! Mi fate ribrezzo! Spero tanto come Luca che arrivino le regole europee e anche …..qualche pallino nel vostro didietro!

  27. Scritto da W la caccia

    x 3 Luca di Sorisole
    si rilegga bene le leggi Europee, non sono molto diverse dalle Ns. anzi più del 60% dei paesi dell’unione Europea ha leggi che favoriscono il controllo della fauna in accordo con cacciatori Forestale,Guardia caccia, questo capita anche in Italia con il controllo della fauna alpina,
    se vuole altre info chieda prima alla Forestale e poi ci sentiremo di nuovo
    bye

  28. Scritto da ciro capoferri

    i CACCIATORI SONO SOLO DEI VIGLIACCHI!Sparare a degli uccellini, lepri o altri animali indifesi li rende dei vili. Pensare poi che aiutino alla salvaguardia dlla natura mi sembra poi una presa per i fondelli..che dire delle tonnellate di piombo disperse nei boschi e nei campi..è salvaguardia questa??

  29. Scritto da roberta

    Che bello, quando si cerca di usare i numeri a sostegno delle proprie tesi politiche. Vediamo di rovinare un pò la festa al simpatico padancacciatore Cottini:
    1) “I cacciatori non sono in diminuzione”. Qui si parla di 150 nuovi iscritti; ma quanti sono i deceduti e i non rinnovati rispetto al 2010? E’ questo il saldo che conta.
    2) “Sempre più donne”. Mai annuncio fu più distorto. 7 donne su 150 sono il 4,66% del totale: risibile. Credo che in % le donne barbute siano di più, nel mondo.

  30. Scritto da luca, sorisole

    @ 5
    si legga lei le leggi vigenti in Germania, Austria, Svizzera, Francia. Guardi bene quanto costa avere una licenza di caccia in Germania per esempio (quanto costa cioè sfogare nel sangue le proprie repressioni nella vita…). E poi ne riparliamo.