BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nuovo bebè, sulla Terra 7 miliardi di abitanti

Domenica 30 ottobre la popolazione globale ha raggiunto i 7 miliardi di unità. A contendersi il titolo di bebè dei record Filippine e India.

Più informazioni su

I demografi l’avevano annunciato: entro fino ottobre, saremo in 7 miliardi sulla Terra. E così è stato. Domenica infatti si è raggiunto il fatidico traguardo, accompagnato da festeggiamenti, ma anche da preoccupazioni per il fenomeno di sovrappopolamento. Se si è sicuri che la quota di 7 miliardi di esseri umani sul pianeta è stata raggiunta, il titolo di bebè dei record è ancora conteso. La prima rivendicazione è stata fatte dalle Filippine. Due minuti prima della mezzanotte, a Jose Fabnella Memorial Hospital di Manila è nata Danica May Camacho, che è stata accolta dai funzionari dell’Onu con una torta con la scritta 7B, ovvero “7 billion” per suggellare ufficialmente il riconoscimento attribuito alla piccola. Oltre a ciò, Danica riceverà una borsa di studio apposita, mentre ai genitori andranno degli aiuti finanziari per aprire un negozio. Tuttavia, quasi in contemporanea con l’annuncio che designa Danica come essere umano numero 7 miliardi, un’organizzazione di beneficenza in India ha reso noto che Nargis, nata alle 7:20 ora locale in un villaggio dell’Uttar Pradesh, è la legittima detentrice del titolo di bebè dei record. Al di là delle dispute tutt’ora in corso, non cambia il fatto che ora siamo in 7 miliardi sul globo terracqueo, con tutte le conseguenze del caso. E’ sicuramente emblematico che Danica e Nargis siano venute alla luce in due dei paesi più popolosi al mondo: le Filippine si piazzano al dodicesimo posto con 94,9 milioni di abitanti, mentre l’India è seconda con 1,2 miliardi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.