BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Disoccupazione giovanile record: 29,3%

Si tratta del dato pi?? alto rilevato dal gennaio 2004. I pi?? colpiti sono i giovani dai 15 ai 24 anni. Sale anche il tasso globale di disoccupazione a 8,3%.

Più informazioni su

Il tasso di disoccupazione giovanile – dai 15 ai 24 anni – a settembre è balzato al 29,3%, dal 28% di agosto. Si tratta del dato più alto dal gennaio 2004, ovvero dall’inizio delle serie storiche.
Lo rileva l’Istat in base a stime provvisorie.
Il tasso globale di disoccupazione a settembre è salito invece all’8,3%, dall’8,0% di agosto, aggiunge l’Istat in base a stime provvisorie, sottolineando che così il tasso di disoccupazione si riporta ai livelli del novembre 2010.
Il tasso di disoccupazione a settembre risulta così in aumento di 0,3 punti percentuali sia rispetto ad agosto sia rispetto all’anno precedente. iù in particolare, il tasso di disoccupazione maschile aumenta di 0,3 punti percentuali nell’ultimo mese, portandosi al 7,4%; anche quello femminile mostra un aumento della stessa entità e si attesta al 9,7%. Rispetto all’anno precedente il tasso di disoccupazione maschile sale di 0,2 punti percentuali e quello femminile di 0,3 punti percentuali.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Bamboccioni

    Ma sono tutti”bamboccioni” come diceva quel ministro del governo Prodi.
    Finchè c’è mamma e papà, chi glielo fa fare?

  2. Scritto da pippo

    Noi cinquantenni disoccupati ne pensione ne cassa integrazione?!

  3. Scritto da gigi

    non son + giovane, ma se questi si ribellassero alla grande gli darei ragione ! l’italia è in mano ad una banda di personaggi che si arricchiscono a danno dei lavoratori, io da ex leghista pentito invito ad andare oltra a ribellarsi, basta parole, anche in africa si sono ribellati

  4. Scritto da e

    @6. E’ rimasto un po’ indietro col tempo.
    Nostalgico?

  5. Scritto da Gm

    Per Gio, se una impresa produce all’estero è perchė in Italia costa troppo e il prodotto sarebbe fuori mercato. Serve spostare la tassazione da chi produce alle rendite finanziarie

  6. Scritto da Bamboccioni

    @9 e
    E’ l’unica cosa intelligente detta da un ministro di Prodi.
    Prodi non ‘c’è più, ma i bamboccioni ci sono ancora

  7. Scritto da gigi

    per forza non han voglia di lavorare ! ma per fortuna la russa aiuto le case italiane a far girare l’economia (la sua e quella della casta ) acquistando 9 maserati blindate http://isegretidellacasta.blogspot.com/

  8. Scritto da S. B.

    x forza! Sono tutti scioperati comunisti!! S.B.
    =)

  9. Scritto da Silvio P.

    @1 gigi
    Tra l’altro La Russa ha pensato bene di piazzare suo figlio Geronimo al Consiglio direttivo dell’ACI di Milano, lo stesso dove troviamo “casualmente” anche il compagno della Brambilla, Eros Maggioni.
    Lo stesso ha fatto Bondi che ha piazzato Fabrizio Indaco, figlio della sua compagna, al ministero della cultura.
    Ma questa è una prassi. Ieri a report abbiamo scoperto che il magistrato alle acque di Venezia ha incaricato la ditta della figlia.
    Forse bisogna essere figli di qualcuno.

  10. Scritto da pm

    @1: mi risulta siano 19, non 9, le Maserati.
    Eh sì, per fortuna abbiamo politici che si preoccupano dell’economia italiana (e che poi hanno pure il coraggio di cercare di giustificare queste iniziative – chissà come mai non possono più permettersi di farsi vedere in pubblico, e sparano le loro ca…te solamente in tv o sui loto giornali)

  11. Scritto da Gio

    e tutte le imprese italiane all’estero che pagano 50 euro al mese gli operai/impiegati non hanno colpe? eil governo che non le ostacola? fate rientrare il lavoro italiano in Italia!! di questo non parlate mai! se un’azienda ha lavoro per 100 persone in cina perchè non lo può avere qui? perchè chi sta al vertice ha troppa gola di denaro! vuole il massimo al minimo e non è giusto! bisogna dare potere d’acquisto alle masse internamente altrimenti finiremo nel limbo del divario fra ricchi e poveri.