BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atalanta, due rigori amari costano cinque punti

Mercoled?? il penalty fallito da Denis contro l'Inter, domenica quello segnato da Di Vaio che ha dato il via alla riscossa del Bologna. Undici metri da dimenticare nelle ultime due partite.

Più informazioni su

Questa settimana per la Dea sarà ricordata come legata ad una sorta di maledizione dello scadere di tempo dove, con più attenzione, poteva guadagnarsi sei punti contro il misero punticino raggranellato contro l’Inter. E di mezzo, ci sono sempre rigori amari.

RIGORI AMARI
In settimana l’occasionissima in zona Cesarini, quel penalty fallito da Denis che ha permesso all’Inter di salvarsi a Bergamo; domenica il tiro degli undici metri, sempre allo scadere, ma di primo tempo, con cui Di Vaio ha dato il via alla riscossa del Bologna.
Minuto 47 che è stato la chiave di un match, quello contro i felsinei, fino a quel momento sotto controllo da parte dell’Atalanta. Minuto 47 fatale perché ha rimesso in parità la partita e ha mandato negli spogliatoi con il morale sottoterra i ragazzi di Colantuono. Morale smarrito definitivamente e che ha portato al raddoppio in apertura di ripresa e franando definitivamente sotto la testata dell’ex Loria. L’impressione è che senza quell’atterramento in area di Capelli su Ramirez, le cose sarebbero andate in modo molto diverso.

SQUADRA A DUE FACCE
Nerazzurri a due facce. La prima, solita, quella di una squadra attenta dietro e cinica davanti; quella di una squadra che quando riparte in contropiede o sfrutta il fraseggio corto tra i suoi solisti davanti è in grado di far male in ogni momento. La seconda, quella di una squadra timorosa, con poche idee, con la tremarella alle gambe dietro. Risultato? Difesa tagliata in due dalla verticalizzazione di Kone per Ramirez e dalla traiettoria del talento bolognese nella punizione vincente per la deviazione di Loria.

CHE IL LEVRIERO CONTINUI A CORRERE
Analizzando la partita, vacilli a parte della retroguardia nel secondo tempo (ma ci può stare dopo essere stata quasi perfetta fino a domenica), il segnale più importante arrivato dall’Emilia riguarda Schelotto. Dicono che si capisca, soprattutto in amore, l’importanza di una persona quando manca o è lontana; traslate “in amore” in “nel calcio”, e il gioco circa il Levriero è fatto. Colantuono ha scelto di mettere l’ala destra, almeno inizialmente, in panchina e concedergli del riposo meritato dopo le sgroppate che durano oramai da agosto. Al suo posto ha scelto Padoin sulla sinistra, dirottando Bonaventura sulla destra ed inserendo Carmona in mezzo al campo. Una scelta quasi obbligata, ma che monca il potenziale offensivo della Dea (assist di Peluso a parte, dalla sinistra sono arrivati pochi palloni).

ATTACCHI DA ENTRAMBE LA FASCE.
A questa Atalanta, soprattutto ora, dove è condannata a fare punti per il solito problema della penalizzazione, è necessario avere gente che sappia fare male in attacco su entrambe le fasce. Sono spremuti? Che resistano, soprattutto ora che di turni infrasettimanali per qualche settimana non ce ne saranno, soprattutto ora che siamo in prossimità di uno stop del campionato per gli impegni della Nazionale (arriverà dopo la prossima giornata in cui i bergamaschi saranno impegnati al Comunale contro il Cagliari).
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ol Claudì

    5 punti in più avrebbero fatto felice chiunque. Soprattutto suonarle all’inter sarebbe stato delizioso., ma facciamo 2 calcoli:
    9 punti + 5 persi = 14 punti aggiungiamo i 6 punti famosi otteniamo una Dea Prima in Classifica con 20 punti. Non vi sembra di esagerare un pò? Lottiamo per salvarci non per lo scudetto. Massimo impegno e sempre i piedi per terra.

  2. Scritto da cieco

    si dimentica i regali fatti a favore dell’atalanta

  3. Scritto da dai

    al genio NUMERO 2….. eggià..partiamo da meno 6 punti…abbiamo avuto troppi regali. ma cor per la mur de dio
    forza dea…

  4. Scritto da ruiz

    Spariti tutti gli incensatori?
    Sono a far weekend?
    Nessuno gioisce, un po’ di prudenza è d’uopo, ANCHE ora.