BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Brebemi, il quadro economico non ?? certo”

Il responsabile regionale dei Trasporti per Legambiente: "Lavori in corso, ma non c'?? una soluzione finanziaria definitiva".

L’ex sindacalista Cisl e ora responsabile regionale dei Trasporti per Legambiente Lombardia, Dario Balotta, interviene sull’autostrada Brebemi, mettendo in evidenza quelle che a suo dire sono criticità dell’intero progetto, soprattutto sotto l’aspetto finanziario.

I lavori della Brebemi proseguono il loro corso sconvolgendo e divorando 900 ettari di  territorio agricolo nonostante l’iter di finanziamento dell’autostrada sia ancora in alto mare. Più il tempo passa ed i morsi della crisi finanziaria si fanno sentire in tutta Europa,  più si allungano i tempi del cosiddetto “closing” finanziario. In nessun paese occidentale, dove ci sono veri “Project financing” si sarebbe potuto dare il via ai lavori senza la soluzione definitiva degli aspetti relativi al finanziamento dell’opera.
La Corte dei Conti infatti  non ha ancora registrato la delibera del CIPE del 5 maggio con la quale veniva approvato il 2° atto aggiuntivo della convenzione tra CAL (concessionaria autostradale lombarda) e la Brebemi. La delibera una volta approvata dovrà successivamente essere recepita da un decreto interministeriale (Ministeri delle Infrastrutture ed Economia). Inoltre si aspetta, dopo l’approvazione del Cipe del 3 agosto scorso, il progetto esecutivo della Tem (tangenziale milanese) e  la certezza che i tempi conclusivi della tem siano coerenti con quelli di Brebemi. In questo caso si pensa di ricorrere ad un prestito ponte, in attesa del sempre più incerto (dati i costi del danaro) finanziamento complessivo della Tem. Solo a questo punto il pool di banche di Brebemi avranno le condizioni tecniche e quindi le garanzie economiche, per far partire il finanziamento dell’opera. Finanziamento comunque spalmato su numerosi Istituti di credito e sulle spalle pubbliche (Cassa depositi prestiti).Con il “closing”  ancora in alto mare come è possibile finanziare i lavori il cui stato di avanzamento è pari al 15-20% ? I finanziatori privati se ne stanno ancora fuori Banca Intesa con 390 milioni,Unicredit e B.Mps 290, Ubi Banca e la Popolare con 200 milioni a testa, mentre la parte del leone dovrebbe farla la Cassa Depositi prestiti (la banca pubblica) con 765 milioni e sempre ammesso che la ricapitalizzazione della banche venga finanziata dagli organismi europei. A metterci una  pezza per far partire i lavori ci sono volute le FS (soldi pubblici) che hanno anticipato 175 milioni (gli importi fin qui spesi) di quelli che ancora non sono i costi comuni visto che il progetto Tav, Treviglio-Brescia parallelo alla Brebemi non è ancora partito.
Intanto gli scogli da superare non sono finiti:
1) Brebemi e Fs non hanno ancora definito chi esproprierà le aree interposte fra l’autostrada e la nuova linea ferroviaria;
2) la recente sentenza della corte Costituzionale che ha modificato i meccanismi di calcolo delle indennità di esproprio farà aprire nuovi contenziosi da parte dei proprietari terrieri visto che verranno risarciti diversamente;
3) le problematiche della viabilità alternativa vicino ai cantieri sta procurando disagi ai numerosi comuni interessati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.