BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gelmini contestata in universit?? ???Ministro della distruzione???

Venerd?? pomeriggio alcuni studenti hanno esposto uno striscione durante il convegno in cui il ministro era l???ospite d???onore: "Ministro della distruzione".

Più informazioni su

Maria Stella Gelmini contestata in università. Venerdì pomeriggio alcuni studenti hanno esposto uno striscione durante il convegno in cui il ministro era l’ospite d’onore: “Quale ruolo per la scuola e per l’università?” La Gelmini è stata ribattezzata “Ministro della distruzione”, scritta apparsa sul telo srotolato dai contestatori. Una protesta pacifica, anche perché gli studenti sono rimasti in fondo all’aula. Gli agenti della Digos sono intervenuti immediatamente strappando lo striscione e chiedendo le generalità ad almeno quattro studenti protagonisti della contestazione. La sicurezza del ministro, con la polizia, ha predisposto un piano di sicurezza molto dettagliato: finestre rigorosamente chiuse con tende abbassate e divieto di affacciarsi o scrutare all’interno. Gli studenti bergamaschi non sono nuovi a proteste, anche abbastanza originali, contro la Gelmini. Qualche mese fa è stato scaricato addirittura un secchio di letame di fronte alla casa del ministro in città alta.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mary

    x i love bgnews
    E’ stato riservato il titolo principale a 4 persone che hanno manifestato 30 secondi, forse meno. E se fossero state 40 o 400? Giusto dare la notizia, ma serve avere il senso dellle proporzioni, altrimenti la gente chissà cosa pensa che sia successo. Vabbè che il titolo e la posizione devono essere d’effetto per attirare l’attenzione dei lettori (il testo in effetti riportrava correttamente ciò che è accaduto, MA non è questo il punto), credo però che a tutto ci sia un limite.

  2. Scritto da daniela

    A Roma, mesi fa, passando col bus davanti alla sede del MIUR (ex pubblica) dissi ad una collega:ecco la sede del ministero dell’istruzione…un romano di mezza di età accanto a me mi guardò con ironica tristezza e mi corresse con :- vorrà dire “il ministero della pubblica distruzione!”
    Voglio dire, i contestatori, a quell’incontro, saranno stati anche 4, ma sanno bene di rappresentare il sentire della stragrande maggioranza

  3. Scritto da smeritocrazia

    Se i contestatori erano davvero solo 4 riesce ancor piu’ difficile spiegare l’intervento della Digos e lo “strappo” dello striscione (ma come si permettono? esiste qualche legge che vieta l’espressione di un opinione senza contenuti volgari o scurrili?). Perche’ se il resto della platea era a favore della ministra sarebbe bastato la disapprovazione del gesto per far desistere i contestatori… invece mi sa che parecchi in aula erano d’accordo con i quattro sul giudizio da dare alla Gelmini..

  4. Scritto da mario59

    La ministra continua a portare avanti quanto gli è stato ordinato dal padrone di arcore..e questo purtroppo si sa…ma
    la cosa più inquietante è l’intervento della digos, prima per rimuovere lo striscione..e poi per intimidire i contestatori, schedandoli…tipico atteggiamento da regimi dittatoriali.

  5. Scritto da Tiziano Trivella

    Chi lavora da anni nella scuola pubblica ha decine di motivazioni valide e oggettive per dichiarare la Gelmini “Ministro della Pubblica Distruzione”: titolo che fu assegnato, a ragion veduta, anche alla sua vecchia collega Moratti.
    Non è un’offesa: è un dato di fatto (che si rileva facilmente se si conosce la storia e la situazione attuale della scuola pubblica).

  6. Scritto da cip per ciock

    Se era una protesta pacifica perchè hanno fatto intervenire la Digos…..Che paura potevano cogliere di fronte alla verità scritta solamente su di uno striscione?E’ meglio sentire le sue ridicole affermazioni???O verificare il suo C.V.???Nel resto dell’Europa per meno si ha la dignità di lasciare certi incarichi.

  7. Scritto da marino foletta

    non ho capito perchè chi ha il padre ricco e/o un iphone in tasca non abbia diritto a protestare…. mah….

  8. Scritto da ube

    Questa ovunque vada viene contestata ci sarà un motivo, no?
    In fin dei conti una che si laurea a Brescia e l’esame di stato lo da nel profondo sud come può pensare di essere credibile quando parla di serietà e di merito?

  9. Scritto da cepu sud

    ministro dell’istruzione laureata al sud, solo cosi ha potuto laurearsi

  10. Scritto da gualandris osio sotto

    Visto che questi grotteschi personaggi degni della vergogna europea vengono votati sopratutto a bergamo, non vedo perchè non debbano essere contestati (per favore non censurate).

  11. Scritto da alà

    alà forza nuova metà dei commenti sono i vostri..
    complimenti a*** ragazz* per la contestazione..!!
    avanti!

  12. Scritto da rino

    I soliti sfaccendati quattro gatti!
    figli di papà che non hanno di meglio che fare per passare la giornata!

  13. Scritto da bastacasta

    Come sempre da “poveri” italiani finisce in discussioni da bar dove ognuno difende la sua “squadra” favorita dimenticandosi la realta’. Non sono mai stato di sinistra ma questo governo (che mio malgrado ho votato) non ci vuole una cima per comprendere che e’ fatto perlopiu’ da nominati senza alcuna competenza specifica ed i cui danni provocati saranno pagati da intere generazioni. La Gelmini ne e’ il tipico esempio ed in paesi “normali” con il cuo CV non potrebbe fare nemmeno l’insegnante…

  14. Scritto da fabry

    il ministro , dopo l’ospitata a Bergamo, se n’è andata alla velocità della luce ( e oltre , visto che era a bordo di uno sciame di neutrini ) , per altri impegni istituzionali !

  15. Scritto da poveri noi, che giorni tristi

    In Liguria hanno preso a fangate il corteo del Ministro Matteoli.
    A Bergamo la ministra MariaStar Gelmini è stata “solo” contestata.

  16. Scritto da lorenz

    Io c`ero e l`invito era pubblico. Era interessante vedere il confronto tra Università di Bergamo e Ministro, se consideriamo che c’è un problema storico del sottofinanziamento all’Ateneo di Bergamo. Sinceramente non mi sono accorto delle proteste. Per carità le manifestazione sono leggitime, ma era un convegno e non un comizio. Il giornalista non l’ha colto, ma era evidente l’imbarazzo del ministro quando doveva spiegare i miliardi di euro per le università del sud e i tagli in quelle del nord

  17. Scritto da dark

    La gelmini si contesta da sola, con quel che dice, con quel che fa. Purtroppo è ministro dell’ì…istruzione. Non è un fatto di dx o sx, è un fatto inaccettabile.
    Perchè comunque ha in mano un potere non da poco.

  18. Scritto da Aristide

    In ogni caso anche a prescindere… (direbbe Totò: cioè a prescindere dai neutrini, dall’abilitazione all’esercizio della professione conseguita a mille miglia di distanza da Brescia, dalle modalità di nomina ecc.): arridatece Gentile! Un Gentile ministro della Pubblica istruzione moderno, s’intende (e non soltanto, evidentemente, non fascista). Ma con un eguale interesse per la Pubblica istruzione e sommo disinteresse per “altre” cosucce.

  19. Scritto da lilli

    io non riesco a capire i commenti di certe persone….ma secondo voi chi protesta lo fa perchè non ha niente da fare? questo secondo voi vale anche per gli operai? se solo provaste a parlare con questi ragazzi vi rendereste conto che non è vero che sono nullafacenti perchè sono ragazzi che studiano e anche con alti rendimenti perchè la maggior parte di loro ha voti che sfiorano il 30. certo che se per voi bisogna sempre abbassare la testa e accettare tutto lo sfacelo a cui ci stanno riducendo…

  20. Scritto da quale PADANIA?

    la GELMINI. per mantenere i voti al sud e in particolare in sicilia,
    ha finanziato le UNIVERSITà e spavaldamente l’ha detto
    dimenticandosi che esistoni anche le università del NORD..
    prima li votiamo, poi ti fregano …
    magari ci fosse un politico che sappia evidenziare questo…
    ma tutti rincorrono le loro poltrone o le rifanno imbottire….

  21. Scritto da az

    pagati per strappare striscioni e chiedere documenti.
    su cosa hanno giurato all’inizio del loro servizio?

  22. Scritto da cip per ciock

    E’ il minimo che poteva aspettarsi la ministra.Con tutte le promesse e le bugie che sa raccontare ormai se le va a cercare le provocazioni.

  23. Scritto da Giulia

    E’ una contestazione inevitabile a causa dello smantellamento della scuola pubblica a causa dei continui tagli ai finanziamenti alla scuola,del personale e ora anche dei dirigenti scolastici.

  24. Scritto da dubbio

    saranno gli stessi studenti….figli di papà…. che magari poi erano in fila all’apple store a orio per acquistare iphone 4 s???????

  25. Scritto da Giovanni

    Si, figli di papà. Perchè gli altri hanno applicato il nuovo consiglio del pensionato a capo dell’ABF messo lì da chi ha due cariche pubbliche (presidente della Provincia e Onorevole). Si sono iscritti a un bel corso di formazione. Così avremo figli di papà che continueranno a fare i figli di papà e figli di N.N. che sgobberanno per far occupare all’ennesimo cretino il posto da Direttore, Avvocato, Direttore di Banca, ecc.ecc.
    LARGO AI GIOVANI !!! GELMINI SEI TUTTI NOI !!!!

  26. Scritto da Neutro

    Come è arrivata a Bergamo la Mariastella? Direttamente da Ginevra attraverso il tunnel che porta al Gran Sasso?

  27. Scritto da mary

    Erano in 4, ma 4 di numero. C’ero pure io in platea, non li ho neanche sentiti. E’ giusto dare loro così tanta importanza?

  28. Scritto da giorgio57

    peccato non poterci essere! Questi sono al governo della cosa pubblica e distruggono la scuola pubblica, tanto che il ministero ha tolto il “pubblica” dal nome.
    La scuola pubblica deve essere migliorata e qualificata non demolita, obbligare tutti i DIPLOMIFICI PRIVATI a fare gli esami OGNI ANNO nella scuola pubblica.

  29. Scritto da dombairo

    sig Dubbio, e se invece fossero gli studenti che nonostante la loro giovane età vedono il disfacimento della scuola?
    E se quelli in fila all’apple store fossero invece i sostenitori o i figli dei sostenitori del ministro Gelmini?
    I suoi figli studiano ?

  30. Scritto da certezza

    no, caro sig. “dubbio”, (commento 4) non sono gli stessi…
    questi sono gli studenti che hanno cuore la scuola e l’università pubblica, indipendentemente dal telefonino che possiedono…
    Altro che iphone…

  31. Scritto da filippo Schwamenthal

    Caro Dubbio, non credo. Comunque se anche fossero gli stessi che male c’è ? Uno non può contestare il ministro e volere l’ultimo modello della apple ? Sono incompatibili ? Il punto è che questo ministro sta demolendo la scuola. Figli di papà e non se ne stanno accorgendo.

  32. Scritto da alberto

    @4
    no, non sono gli stessi.

  33. Scritto da digosblock

    Ma che siamo in Cile o Bielorussia? Non si puo’ contestare civilmente un politico che interviene con nemmeno velata violenza la forza pubblica? Ma dove sta andando questo paese se anche le proteste democratiche vengono fermate nello stile tipico delle dittature? Complimenti agli studenti che hanno avuto coraggio di contestare una persona che ha “fregato” lo stato ed il sistema andando a fare l’esame da avvocato a 1200km da casa.. in paesi civili sarebbe ritenuta indegna per qualunque carica…

  34. Scritto da Beppe

    @4 e anche se fosse??? Cambia qualcosa? O gli studenti dovrebbero essere degli sfigati con le pesse sul c…. e i pidocchi in testa?

  35. Scritto da giancarlo b

    che pochezza ….. 4 gatti cercano di farsi notare e bgnews che li mette in prima pagina . Vi eravate messi d’accordo ?

  36. Scritto da Karkuman

    Se scoppiasse un conflitto e il nostro Paese ne fosse partecipe o coinvolto, io non scenderei in guerra per dare la mia vita per questa Nazione che se ne frega dei poveri diavoli e li sbeffeggia di continuo, Io non sarei disposto a morire per questi governanti qui, che andassero loro o mandassero i loro figli per difendere i Parlamentari. Per loro io me ne frego e me ne frego anche per chi li ha votati. Se si vuole cambiare qualcosa che si togliessero dalle scatole loro che noi abbiamo gia dato.

  37. Scritto da i love bgnews

    cara mary (commento 7),
    è giusto dare tanta importanza alla notizia? Non so, una contestazione c’è comunque stata e la polizia ha strappato lo striscione. Pochi o tanti, un fatto è accaduto e un giornale ne dà notizia.

  38. Scritto da Giorgio

    Probabilmente saranno stati anche solo “quattro gatti” a protestare. Ma sapete perché? Perché la platea che presenzia a queste “ospitate” della Gelmini è rigorosamente selezionata. Chi non è organico al potere non viene di certo invitato. Povera Gelmini! Prima era solo incompetente ed avulsa da qualsiasi problematica scolastica; ora che pensa di aver maturato (!!) una qualche esperienza politica, la trovo persino antipatica ed arrogante.