BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’addio a Marco Simoncelli, il vescovo: “Ora insegna agli angeli a impennare” Kate vicino al pap?? Maurizio

La fidanzata bergamasca spesso in piedi ai funerali, immobile. Il vescovo di Rimini: firmo anche io lo striscione dei tantissimi amici.

Più informazioni su

Kate resta spesso in piedi, la testa alta, non vuole sedersi (è la prima a sinistra nell’immagine). Resta lì, con lo sguardo che passa dal vescovo fino al feretro del “suo” Marco Simoncelli, del suo amore. Al suo fianco c’è il papà, Maurizio Fretti di Bagnatica, che tradisce qualche emozione in più, che spesso abbassa la testa, sembra piangere. Poco più in là la famiglia Simoncelli: la mamma Rossella esprime ancora la grande forza di questi giorni, riesce a sorridere, prima di esplodere in un pianto quando inizia l’omelia del vesacovo. Il papà Paolo è tutta una lacrima, piange da giorni, da domenica. Al suo fianco c’è la figlia minore, Martina, che a Marco voleva un bene immenso.
Sono iniziati con questi volti, con queste immagini, i funerali di Marco Simoncelli, a quattro giorni da quel tremendo incidente con Valentino Rossi e Colin Edwards sul circuito malese di Sepang. Sono iniziati con quei volti e tanti altri: quello del campione bergamasco Giacomo Agostini, di Valentino Rossi, impassibile, lo sguardo che sembra perso, con una felpa grigia, di Loris Capirossi e Marco Melandri, di Alberto Tomba.
C’è la voce alta, ferma, del vescovo di Rimini Francesco Lambiasi, che ha fatto sue le parole di papà Paolo: “Dicono che Dio trapianti in cielo i fiori più belli. Vi prego, passatemi un pennarello per far firmare anche a me lo striscione dei tantissimi amici. Marco, ora insegna agli angeli a impennare”. Un’omelia caratterizzata da voce ferma, ma anche da tanta emozione, accompagnata da tanti applausi. “Lasciatemi dire un’ultima parola – ha concluso il vescovo -: addio Marco”. Un altro lungo applauso, al quale anche il papà Paolo Simoncelli ha trovato la forza di partecipare, di contribuire.
Un feretro e a fianco due moto, due moto che hanno caratterizzato una vita breve, ma intensissima. E poi l’ultima parte del funerale, fuori dalla chiesa.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lol

    Da fan di Marco posso dire che tutto è stato fatto come la sua famiglia ha desiderato quindi non sta a noi giudicare.. sicuramente la loro è una mentalità estremamente aperta come del resto sono ampie le loro vedute non per niente mamma Rossella ha sempre mantenuto il sorriso e papà Paolo si è seduto per terra con Martina a fianco del Sic sul piazzale della chiesa! Diobo’ Sic manchiii

  2. Scritto da marilena

    mostruosamente bello? a me hanno censurato il commento e questo l’hanno lasciato passare…

  3. Scritto da smile

    Troppa emozione, troppe lacrime, ma è stato tutto così mostrusamente bello.. come lo eri tu! Un finale pazzesco e toccante, un elogio al migliore! Come ha scritto Rosi: Cazzo mi manchi…
    Ciao Sic.. per sempre nel mio cuore!