BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gli acquisti di Marino giocano sempre, quelli di Zamagna se ne vanno in tribuna

Luciano Passirani, dopo aver elogiato l'Atalanta contro l'Inter, si dedica all'analisi di una squadra in cui, a differenza dell'anno scorso, pratica un turn-over ridottissimo.

Più informazioni su

di Luciano Passirani

Una gara molto dispendiosa, quella contro l’Inter, dal punto di vista fisico dove l’Atalanta è più reattiva, veloce e concentrata rispetto ad un’Inter meno brillante e statica, in particolare in elementi come Cambiasso, Stankovic e Sneijder. Gara che ha portato ad un pareggio giusto, secondo la maggior parte degli addetti ai lavori.

ARBITRI CON OCCHIO DI RIGUARDO PER L’ATALANTA?
Il motivo di discussione al termine della partita è il rigore sbagliato da uno stanco Denis. Premesso che questo penalty era dubbio considerato che la logica suggerisce che si avvantaggi il difensore quando c’è un contrasto in area come quello tra Chivu e Marilungo.
Ma quest’anno l’occhio di riguardo pare che gli arbitri l’abbiano più per l’Atalanta che per l’Inter; il direttore generale degli interisti, Ernesto Paolillo, seppur elegantemente, lo fa osservare, parlando di cinque rigori fischiati contro la Beneamata, di cui nessuno, a suo parere, esistente. Un avvertimento non tanto celato per l’arbitro e per il “palazzo” prima del match di sabato contro la Juventus? Per quanto si è visto mercoledì sera, l’Inter sembra avere un passo inferiore rispetto alla Juve.

UNA BRUTTA NOTIZIA IL COLPO DEL BOLOGNA A VERONA
Per il resto della giornata, non fa piacere la vittoria in trasferta del Bologna sul Chievo che ci impone per la prossima trasferta, proprio in Emilia, un risultato positivo, per evitare un possibile sorpasso della squadra allenata da Pioli. La classifica corta e la penalizzazione ci costringeranno per tutto il campionato a non perdere gli scontri diretti.

SE LI COMPRA MARINO GIOCANO, ALTRIMENTI VANNO IN TRIBUNA?
Non è ovviamente uno spot pubblicitario per Marino, ma un appunto che qualche amico attento mi ha suggerito. Una situazione che rischia di diventare un atto di accusa per Zamagna e Spagnolo: infatti, se guardiamo a quanto hanno giocato i loro acquisti (i vari Ardemagni, Pettinari e Marilungo), non solo in questa stagione, ma anche in quella scorsa, il concetto diventa più chiaro. Per i tre spesso e volentieri arriva la tribuna: volete che Zamagna o Spagnolo facciano una piega, come se non fossero costati 10 milioni di euro, dopo che non si sono lamentati nemmeno lo scorso anno? La squadra è partita alla grande, Marino ha comprato Denis, Moralez e Cigarini, oltre a Masiello e Lucchini, che giocheranno sempre, mentre gli altri staranno a guardare.
Alla faccia del turn-over e delle svalutazioni di bilancio: ha sempre ragione Marino. Per fortuna ieri sera i 10 minuti di Marilungo hanno portato un rigore e la possibilità di smentire il mio amico.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Corti e Zam forever

    Corti e Zamagna sono quelli che hanno fatto il mercato: Marino è arrivato fdopo e ha portato solo Denis! Voleva persino cacciare Schelotto quest’estate ed era alla caccia di un’alternativa. Non avendola trovata l’ha tenuto per forza. Queste cose però guai dirle… CORTI E ZAMA FOREVER!!

  2. Scritto da Messi è di marino?

    schelotto l’hanno preso l’anno scorso, Moralez l’ha scoperto Corti a marzo, Denis e cigarini lo volevano già a giugno, per cui marino abbassi le ali, tra un po’ dirà che messi l’ha portato lui in europa.

  3. Scritto da Dea x sempre

    caro passirani il calcio oltre ad essere bello è costellato da persone che ne parlano spesso senza sapere e soprattutto spinte dall’invidia di non poter sedere in posti ambiziosi,soprattutto per propri demeriti:
    Masiello-Lucchini-Schelotto-Moralez-Cigarini-Denis-Brighi ecc. erano già sul taccuino di quelli che lei attacca,Marino ha avuto solo il merito di chiudere operazioni avviate.

  4. Scritto da g

    bravo marino e bravi suoi acquisti
    ma la vera rivelazione è schelotto…
    e chi l’ha comprato schelotto ?
    perchè bisogna sempre far polemica ?
    passirani si goda la vita e si goda l’atalanta…

  5. Scritto da poaret

    Schelotto lo ha preso Carlo Osti, per darlo poi in prestito a Cesena, allora in serie C. Forse a qualcuno non piacerà, ma la gestione di Zamagna e Spagnolo non è stata sufficiente. tanto è vero che Percassi ha avuto la bella idea di Marino, che fa e disfa a suo piacimento, da Denis in poi. Zamagna sta zitto ed esegue, come è giusto. E’ giovane, da Marino ha solo da imparare, se avrà l’umiltà necessaria potrà solo crescere con un maestro simile

  6. Scritto da controcampo

    Scusi COPPA ITALIA 62/63
    Io parlavo di ruoli, quello dell’opinionista e quello del tifoso,
    Se Lei non capisce questa differenza non posso farci niente, continuerà a credere che io sono Passirani.
    Mi vien da ridere

  7. Scritto da a testa alta

    crow come la mettiamo con moralez?da lei infangato fino 2 settimane fà…

  8. Scritto da digeo

    Bè, il motivo è semplice e subito spiegato: gli acquisti di zamagna si sono rivelati scarsi (le opportunità le hanno avute tutti, ardemagni e marilungo hanno fatto 10 partite da titolari prima di finire fuori l’anno scorso; pettinari è l’unico ad aver avuto meno chances), quelli di marino si stanno rivelando eccellenti. E’ chiaro che non ha senso fare turnover in una squadra che funziona perfettamente. Ora fino al 21 dicembre i turni infrasettimanali sono finiti.

  9. Scritto da sherwood

    Entrambe le campagne acquisti di Zamagna (estate e inverno) hanno lasciato a desiderare, anche l’anno scorso il solo carmona ha giocato con continuità.

  10. Scritto da rf

    A cosa mira questo articolo? E’ uno scritto di chi vuole bene all’Atalanta?
    A me pare che sparga un po’ di zizzania in un ambiente che va a gonfie vele alla faccia di certe errate previsioni e francamente trovo l’escamotage letterario dell’amico, abbastanza discutibile e ambiguo. Da un lato si insinua il dubbio sulle competenze di Zamagna, dall’altro che Marino imporrebbe i suoi acquisti. Almeno io capisco così, ma magari mi sbaglio. In ogni caso questo tipo di giornalismo mi convince poco.

  11. Scritto da rf

    Cosa abbia poi di “elegante” la protesta del dirigente interista non si capisce. Il rigore a termini di regolamento si poteva e doveva dare e le proteste mi sembrano fuori luogo. Semmai c’è da prendersela con l’ingenuità di Chivu, tra i massimi protagonisti delle azioni goal nostre. Visto che Passirani si prende cura della posizione dell’Inter, perché non si propone per un posto tra la dirigenza interista.? Così qualcuno potrà sfruttarne la competenza. Alla Dea basta e avanza quella di Marino

  12. Scritto da pipponeroazzurro

    @5. HAI DETTO TUTTO GIUSTO !
    ….della balena a chi ci ……ale

  13. Scritto da lola

    che rottura questo rf. Ha sempre la sua da dire, il maestrino della serie a

  14. Scritto da daniele

    E quindi? Si sta inventando una polemica che non esiste tra Zamagna e l’Atalanta? e poi?

  15. Scritto da rf

    @8 ah,ah,ah… e scrivi la tua allora, controbatti, difendi etc….Qualcuno te lo impedisce? Non mi pare. Questo è uno spazio democratico dedicato ai lettori. In ogni caso c’è una redazione che è libera di censurare e come vedi in questo caso non lo fa. Non ti piace quello che scrivo? Non leggerlo. Stiamo freschi…

  16. Scritto da dc

    a passirani mi sa che gli rode qualcosa…il rigore si poteva dare o meno, chivu ha sbagliato ad intervenire e marilungo bravo a sfruttare l’occasione. stankovic e sneijder i peggiori ? bah… avrei da ridire. cmq non vedo il motivo di queste inutili polemiche in un ambiente dove va tutto bene…

  17. Scritto da gian mario

    non vedo l’opportunità si alimentare delle polemiche, quando non esistono, il perchè ora esce questa rivalità tra durugenti. cerchiamo di goderci questo momento magico,

  18. Scritto da enrico IV

    Al maestrino rf, la cui competenza è tutta da dimostrare: se persino ex arbitri ora opinionisti dicono che il fallo l’ha cominciato Marilungo per primo e che quindi il gioco andava interrotto prima che i due giocatori entrassero in area forse vale la pena arrendersi a chi ne sa di più. Meglio darsi al jazz.

  19. Scritto da d

    Caro rf 5. A me pare che le sue domande siano tendenziose. L’articolo dice e fotografa una realtà oggettiva. Poi ciascuno, come ribadisce anche lei, le legge come crede. Nl suo caso ci ha offerto una bella lezione di dietrologia . Utilizzando anche le ricette del cuore: “chi vuol bene all’atalanta”…
    mi sa che il re 13 non sbaglia tanto.

  20. Scritto da controcampo

    Passirani fa l’opinionista, non il tifoso.
    Se tutti gli opinionisti confondessero i ruoli, non ci sarebbe più critica e si tornerebbe a tempi oscuri, quelli del giornale unico ovvero delle sole televisioni in bianco nero targate Rai. Per qualcuno magari era meglio.
    Bergamo news mi pare faccia la sua parte correttamente, dando spazio anche a quelli che scrivono solo per contestare Passirani, senza ahimè avere la testa per un decente ragionamento, che non sia dagli contro.

  21. Scritto da enrico IV

    A Sportitalia guarda caso c’è Criscitiello, avellinese e amico di Marino. Do ut des… e mi fermo qui

  22. Scritto da poeret

    @13..veramente io (tornato dallo stadio) ho acceso Sport Italia ..dove credo ci sia molta più competenza e meno faziosità (se lei guarda Rai, Mediaset si parla solo di quelle 3/4 squadre e a favore di queste) erano tutti d’accordo che il grande errore è stato di Chivù, ed il rigore ci stava tutto..

  23. Scritto da greatguy

    Passirani è un furbetto che,un pò perchè gli rode essere “fuori” dal calcio e un pò x fare la parte di quello originale,punzecchia e gioca a fare ilbastian contrario…solo che ora cercando di mettere zizania in società in un momento in cui le cose finalemente vanno bene,ha veramente esagerato,caro passirani quando è trioppo è troppo si limiti alle sue mezze battutine e veda di non esagerare

  24. Scritto da poaret

    Per me il rigore c’era. Come ci sta che Passirani nei panni dell’opinionista faccia notare quello che sanno tutti: che l’arrivo di Marino ha raddrizzato un settore che faceva acqua e rischiava di non essere adeguato alla serie A. Bravo Percassi che con eleganza e senza sollevare polemiche ha cambiato rotta e ha affidato la conduzione tecnica a una persona forse non amatissima a bergamo (vedi napoli) ma certamente capace

  25. Scritto da Riccardo88

    solito articolo di Passirani… pessimo…

    il rigore c’era e se gli arbitri ci tutelassero davvero c’era da espellere senza esitazione Stankovich per doppia ammonizione dopo quella gomitata a Schelotto verso l’inizio del secondo tempo.

    Per quanto riguarda la polemica sugli acquisti di Marino (forse Passirani vorrebbe essere al suo posto?!) basta dire che tutti i nostri goal sono stati segnati da gente portata da Marino: bisognerebbe essere dei minorati per toglierli!

  26. Scritto da poaret 2

    Una sola osservazione. il povero Passirani non può scrivere che subito parte la contraerea a dire che rosica, è in malafede. Parliamo di contenuti, piuttosto, perché passirani mette nome e cognome e si prende qualche cantonata di certo. Ma spesso ci azzecca, e nel calcio è bravo chi sbaglia meno….

  27. Scritto da rf

    a enrico iv dico che a Sportitalia hanno commentato il rigore in diversi allenatori e opinionisti assai più esperti di noi due e Passirani e TUTTi hanno detto che il rigore c’era. Riguardo al jazz, lasci perdere è musica troppo intelligente e colta perché lei possa capirla. Stia sul calcio e le opinioni di Passirani che sono più alla sua portata.
    al 14 dico che tendenziose sono i discorsi che fa Passirani che sono tutto meno che oggettivi, anche se vogliono apparire tali.

  28. Scritto da digeo

    Passirani sta rosicando dalla prima di campionato a genova.Lì i suoi pronostici hanno cominciato a scricchiolare,poi le cose sono sempre andate meglio e lui non sa più che cosa dire.Gioca solo a fare il bastian contrario.Ha aspettato la prova opaca di moralez con l’udinese per sparargli subito addosso,stasera mi aspetto le critiche a denis per il rigore sbagliato..continua a dire che denis a udine e a napoli non giocava..e allora?ma chissenefrega se là non giocava e qui gioca bene! e sul mister?

  29. Scritto da Bg

    Se fosse come dice Passirani,Schelotto non giocherebbe visto che non e’ stato portato da Marino….

  30. Scritto da rf

    @21 alla faccia di “qualche cantonata”…ne’avesse azzeccata una dall’inizio della stagione…Denis non è una punta, Moralez non è adatto alla A Masiello solito acquisto retrocesso etc. etc. Tutto documentato. Non gli rimane che parlare degli assenti, giusto Ardemagni, Pettinari e gli acquisti dello scorso anno per fare un po’ di polemica sterile. Chissà che prima della fine campionato venga smentito anche lì. Portafortuna.

  31. Scritto da Coppa Italia 62/63

    X CONTROCAMPO.Vedo che non perde occasione x difendere Passirani sempre e comunque.Giro il suo ragionamento,Bg news da spazio anche a quelli,come lei,che scrivono solo x difendere Passirani,senza,ahime,avere la testa x un decente ragionamento che non sia x difenderlo a prescindere.Non voglio essere malevolo,ma non è che dietro lo pseudonimo Controcampo ci sia proprio l’abbronzatissimo Luciano?

  32. Scritto da digeo

    concordo in pieno con rf.
    Opinionista non significa per forza disfattista.

  33. Scritto da ninocortesi

    Marino ha dimostrato di essere bravissimo. Mi sa che sia lui a guidare anche l’allenatore!

  34. Scritto da andrea

    articolo assurdo mira solo a creare polemiche che non esistano. a chi l’ha scritto continua a rodere il fegato