BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Faac incorpora Genius, dipendenti preoccupati

I lavoratori scrivono una lettera aperta alla Faac - che ha deciso di incorporare la Genius di Grassobbio - e di trasferite 20 dipendenti bergamaschi a Bologna.

Più informazioni su

Pubblichiamo la lettera aperta al Consiglio di Amministrazione di Faac Spa, scritta dai dipendenti della Genius Spa di Grassobbio preoccupati per l’incorporazione dell’azienda e il trasferimento da Bergamo a Bologna di venti persone. 

Lettera aperta al Consiglio di Amministrazione di Faac Spa.
Con grande sorpresa di tutti i lavoratori della Genius Spa in data 26/09/2011 è stata avviata
la procedura di incorporazione dell’azienda di Grassobbio, Bergamo, in Faac Spa di Bologna con
l’annuncio del contemporaneo trasferimento a Bologna di 20 persone tra impiegati e quadri che
attualmente operano nei reparti progettazione, assistenza clienti, commerciale, vendite e
gestione ordini clienti, amministrazione e finanza.
La decisione del Gruppo Faac risulta incomprensibile in quanto Genius Spa è un’ azienda
sana finanziariamente e ha sempre realizzato utili oltre a consolidare nel tempo una rete di
clienti fidelizzati che si sono riconosciuti nella buona immagine di una realtà Italiana
caratterizzata da ottimi prodotti e un elevato livello di servizio contribuendo con i propri fatturati
e quote di mercato ai buoni risultati economici del Gruppo Faac. 
È ancora più incomprensibile se si leggono i bilanci di Faac Spa e del gruppo a livello
consolidato dove si evidenzia una riserva di utili portati a nuovo pari a 227 milioni di Euro, quasi
tutti in liquidità e senza alcun indebitamento finanziario, come evidenzia il socio di minoranza
Somfy nel verbale di assemblea del 16 giugno 2011.
La richiesta di trasferimento di 20 persone tra tecnici amministrativi ed impiegati, che implicherà
la perdita di importanti risorse che hanno costruito il know-how e l’immagine di Genius Spa,
nonché la forte specializzazione in automazioni elettromeccaniche all’interno del Gruppo Faac,
non può essere giustificata con una razionalizzazione delle attività, visto che lo stabilimento di
Grassobbio, Bergamo, è di proprietà dell’azienda ed è stato detto rimarrebbe attivo per le attività
logistiche e produttive, mentre d’altro canto le attività operative delle 20 persone in questione
possono continuare ad essere svolte da Grassobbio essendo la Genius Spa collegata
con una rete informatica funzionale ed integrata con la sede di Bologna.
Formuliamo questa lettera aperta, che inviamo ai consiglieri dell’Organo Amministrativo di
Faac Spa, per chiedere una riflessione e un ripensamento su questa incomprensibile
decisione e che in ogni caso venga comunicato con chiarezza a tutto il personale della Genius Spa ed al mercato, quale sarà effettivamente il destino futuro di tutte le attività e di tutte le
persone che lavorano presso lo stabilimento di Grassobbio.
L’Assemblea dei Lavoratori di Genius Spa.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.