BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Donne uccise, sit-in davanti al tribunale

In occasione dell'udienza del processo per l'omicidio di Silvia Betti si terr?? fuori dal tribunale un presido della cooperativa Sirio di Treviglio.

Più informazioni su

Si terrà il 28 ottobre fuori dal palazzo di giustizia di Bergamo alle ore 8.15 il sit-in organizzato dallo Sportello donna, cooperativa Sirio per tutelare i diritti delle donne contro le violenze perpetuate nei loro confronti. Data non scelta casualmente, considerato che venerdì verrà celebrata un’udienza del processo per l’uccisione di Silvia Betti, imputato il marito, accusato di averla uccisa il 12 ottobre dello scorso anno a Treviglio e che ha scatenato un grande tumulto nella cittadina della Bassa.
Questo solo uno degli episodi di violenza domestica, l’ultima solo pochi giorni fa, quando a Bergamo vi è stato un altro omicidio e che ha visto protagonisti Maurizio Ciccarelli e la moglie Romina Acerbis. La causa scatenante del delitto sarebbe stata una lita scoppiata tra i due perché la moglie desiderava da tempo avere un figlio, mentre il marito appariva contrario alla decisione.
I punti fondamentali su cui il sit-in cercherà di puntare l’attenzione saranno tre: giustizia e speranza per le donne, il silenzio delle città è la disperazione delle donne e in ultimo: i diritti delle donne sono i sogni e le speranze della città. Sono invitati a parteciparvi tutti gli uomini e le donne che intendono farsi portavoce e testimoni dei diritti delle donne.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Cinico

    purtroppo non serve una manifestazione, servono una serie di leggi “coerenti” con lo scopo….che non c’è e non ci sarà mai!

  2. Scritto da maria@maria

    sono d accordo con cinico,pero non servono leggi, serve un educazione ai valori, alla vita, alla persona, alle diversita,che noi, in quanto donne e quindi mamme dobbiamo mettere in atto, nei confronti degli uomini, e quindi figli,siamo noi che dobbiamo riscattarci,perchè noi diamo la vita, in tutti i sensi…da noi passera il cambiamento,da nessun altro..

  3. Scritto da Speranza

    Le donne devono imparare a non sottovalutare ” mai ” la violenza degli uomini .amici,fidanzati,mariti. Dobbiamo imparare a difenderci e girare al largo da certi personaggi.Abbiamo anche bisogno di aiuto per difenderci e tutte le associazioni che aiutano le donne devono fare il possibile per farsi conoscere e facilitare il modo di contattarle.