BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bossi-Berlusconi: mini-intesa nella notte

Il ??senatur?? tiene duro sulle pensioni di anzianit??, ma d?? il via libera all'innalzamento graduale dell'et?? pensionabile a 67 anni.

Accordo nella notte tra il premier Silvio Berlusconi ed il leader della Lega Umberto Bossi sulla lettera che l’Italia deve inviare all’Unione europea con le misure sulla crescita.
Il «senatur» tiene duro sulle pensioni di anzianità, ma dà il via libera all’innalzamento graduale dell’età pensionabile a 67 anni.
La lettera, inviata anche al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, è composta di 15 pagine e contiene un articolato programma di iniziative da sottoporre all’Ue.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mario

    ho 38 anni di guida sui treni,ho 59 anni di età ne ho i cglioni pieni,questi politicanti da strapazzo sono pazzi.

  2. Scritto da claudio c.

    Lo ripeterò fine alla noia. Anzi non mi stancherò mai di sostenerlo: Quarant’anni di lavoro sono più che sufficienti per meritarsi il giusto pensionamento. E poi mi sfugge la logica per cui chi inizia dopo l’Università a lavorare, andrà in pensione a 67 anni ( quindi dopo 40 anni circa di lavoro), mentre chi ha iniziato a lavorare subitodopo le scuole medie o dopo le superiori dovrenbbe lavorare cinquantanni e più, magari in fabbrica o peggio! E’VERAMENTE VERGOGNOSO IL SOLO PENSARLO!

  3. Scritto da Urca ! che accordo

    a 67 anni da 2026. Tra quindici anni.
    Accidenti, che accordo, così ero capace anche io e senza essere pagato come ministro.
    Già che c’erano potevano fare : “Tutti in pensione a 80 anni dal 2090”

  4. Scritto da Indignato di Lallio

    Invece gli “onorevoli” dopo 5 anni di legislatura vanno in pensione con 5000 euro/mese,elargite fin quando crepano ?…correggetemi se sbaglio.
    Grazie.

  5. Scritto da mx

    Bossi venduto…tiene duro tiene duro, poi arriva il finanziamento al partito e dice si a tutto!!!!
    Che schifo!!!!

  6. Scritto da Jack

    Gli onorevoli pontificano sulla pensione degli altri, ma non fanno un cenno sui propri vitalizi che dovrebbero diventare pensioni con contributi e regole uguali ai comuni mortali. Ma ” loro ” non sono uguali a tutti, sono stati eletti dal popolo e quindi per definizione sono “altri”.

  7. Scritto da Aldo

    @2 – capisco il tuo ragionamento in generale (67 anni sono tanti, tanti) ma non il distinguo, se si escludono i lavori usuranti. Guarda che il periodo di studio universitario è un lavoro durissimo, che ti porta via anche tantissime serate della tua vita, non retribuito e costoso . Non capisco il tuo ragionamento, pensi che sia un periodo di vacanza ?

  8. Scritto da claudio c.

    Non è un periodo di vacanza. Ma nemmeno paragonabile a quarant’anni alla catena di montaggio! Insisto: QUARANTA ANNI DI LAVORO PER TUTTI. A prescindere dall’età anagrafica che, fra l’altro, “finiti” noi cinquantenni lavoratori precoci, sommerà facilmente gli anni di lavoro e l’età giusto intorno ai 65/ 67 anni.

  9. Scritto da anonimo

    condivido claudio….chi a lavorato 40anni ,,anzi 42…parli gli altri stiano zitti e la finiscano di essere le zecche dello stato!

  10. Scritto da azzone

    Se i fortunati sono quelli dell’anzianità…Facciamo che tutti devano lavorare 40anni!