BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sit-in da ridere contro Sarkozy e Merkel

Il direttore del Foglio Giuliano Ferrara lancia un presidio-risata a Roma, davanti alla sede dell'ambasciata in piazza Farnese alle 17.

Più informazioni su

Domenica Nicolas Sarkozy e Angela Merkel si sono scambiati sorrisini e sguardi complici quando un giornalista gli ha rivolto una domanda sull’Italia. A dare il via è stato il presidente francese che ora, per tutta risposta, si becca un «laugh-in», un presidio-risata a Roma, davanti alla sede dell’ambasciata in piazza Farnese alle 17. A lanciarlo il direttore del Foglio Giuliano Ferrara non nuovo a iniziative di questo tipo. «Sarkozy – scrive in un editoriale oggi in edicola di cui sono stati anticipati ampi stralci sul sito del quotidiano – ha dato il "la".
Ma il primo a ridere di Berlusconi è Berlusconi, perché è un italiano sorridente non un gallo cupo e ipercinetico. Però i banchieri e i risparmiatori francesi non ridono». «Le nostre banche – prosegue Ferrara – si sono tenute relativamente fuori dalla turbolenza greca e dal contagio, quelle francesi ci sono entrate con tutte le scarpe e scoppiano di titoli semi-insolventi. Corporativismi e freni alla crescita sono di casa da noi e da loro. Non so se l’ultima risata, quella che conta, sarà dei donneurs de leçons (donatori di lezioni ndr)». Quindi un invito a Silvio Berlusconi: «Agire dunque e subito. Ma non per autopunirsi, non per dividersi, non per procrastinare i problemi. Il colpo d’ala di Berlusconi è giudicato anche dal Corriere della Sera una possibilità. Era d’altra parte tutto scritto già, Berlusconi se ne era reso conto. Ma comandare è un’arte difficile nel paese dei parrucconi e delle fazioni distruttive che sono capaci in questa siutazione di ingaggiare una rissa strapaesana di tipo giudiziario e pornogiornalistico con il capod el governo. Ora però si deve annunciare, fare, spiegare, senza paura e tentennamenti. Basta lagne. E vediamo chi sarà l’ultimo a ridere». Di certo oggi, davanti alla ambasciata di Francia, si riderà di gusto. Con il direttore del Foglio ci sarà anche il deputato Pdl ed ex ministro Antonio Martino. Si parlerà, «con garbo e con fermezza», «delle prodezze di Nicolas Sarkozy, alias Louis De Funès» (attore comico francese ndr).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Silvio P.

    @36 verità
    Gentile signore, quindi se Berlusconi dice: “L’Italia ha superato la crisi” – “I conti italiani sono in ordine” – “Con questo governo l’Italia ha riacquistato credibilità a livello internazionale” – “Ed ora le riforme” – “Questa manovra è giusta ed equa” – “Non abbiamo messo le mani nelle tasche degli italiani”… c’è un “OCEANO” tra le parole e quello che sta pensando?
    Bene, infatti l’ho sempre pensato anch’io che ci sta prendendo in giro. Molta gente però gli crede veramente!

  2. Scritto da c'è da piangere, altro che ridere

    Berlusconi, quello delle corna durante le fotografie e delle barzellette sconcie, e Bossi, quello del dito medio ai giornalisti, non hanno nulla da insegnare in fatto di galateo… Chi semina irriverenza, raccoglie irriverenza, caro il mio Giulianone.

  3. Scritto da Dignità

    @1
    Le banche francesi piangono di più, ma il popolo francese ha maggiore dignità del popolo italiano a tutelare l’immagine dei propri governanti.
    Il geppetto Sarkozy insegna

  4. Scritto da carletto

    ogni azione ha una conseguenza, se i nostri politici fanno quello che vogliono non possono essere visti diversi da quelli che sono. signori miei se volete essere giudicati migliori dovete anche esserlo. troppo comodo!!!!

  5. Scritto da corti-novis

    via questo governo ridicolo non all’estero ma in Italia di scilipoti, c’è solo da vergognarsi di un Ferrara che è uguale a scilipoti da comunista è passato alla destra. La coerenza e l’etica è ridicola in Italia. Il circo italiano non è sotto le ambasciate ma a Palazzo Grazioli

  6. Scritto da Stefano

    sono d’accordo con tutelare l’immagine dell’Italia,
    ma il problema non sono le risatine di M. Sarkozy,
    che ha anche lui il suo bel da fare per salvare settantadue banche francesi esposte ai titoli tossici,
    se vai in giro in giro per l’Europa, lo senti il calo di credibilità dell’Italia.

    Se vogliamo ridere anche noi, facciamolo pure,
    dato che il “il nostro piangere fa male al ricco e al cardinale”…
    ma il Governo faccia finalmente una cosa saggia: a casa.

  7. Scritto da Amen

    Questo paese ha bisogno di un sussulto d’orgoglio : mandiamo scilipoti a trattare a bruxelles , credo sia la persona di maggior prestigio che ci è rimasta.

  8. Scritto da Giulia

    Il governo Berlusconi è finito,Ferrara si deve rassegnare.Ci risparmi l’ennesima pagliacciata.Se in europa e nel mondo ridono di Berlusconi Ferrara se la deve prendere soltanto con Berelusconi e i suoi lacchè.

  9. Scritto da Macaronì & Katzenmacher

    Berlusconi è, certamente, un personaggio ridicolo: ma, agli occhi della Mitteleuropa, incarna il perfetto Italiano. E’ della puntuale conferma dei nostri caratteri nazionali che ridono Francesi e Tedeschi: Berlusconi è soltanto il distillato dell’italianità, inconcludente e volgare, donnaiola e furbetta. Ridevano anche del funereo Prodi, che parlava un inglese da film con Jerry Calà e riderebbero di chiunque, in circostanze analoghe: Berlusconi non è l’eccezione, è, semmai, l’esempio assoluto…

  10. Scritto da Paese di Pagliacci

    Fate leggere a ferrara questa sull’eredità messa nel decreto sviluppo :
    http://www.repubblica.it/economia/2011/10/25/news/eredit_berlusconi-23810140/?ref=HREA-1

    chissà che ridere.

  11. Scritto da La realtà è questa

    @5 – Caro Stefano, il fatto è che in italia non c’è più nessuna immagine da tutelare , è un cumulo di macerie, per altro voluto dagli italiani. Per cui è giusto così.

  12. Scritto da Guido

    Esemplare! Ma perchè, invece che star sempre a subire/sopportare le iniziative di Ferrara, non riusciamo ad organizzare un contro sit-in dove illustrare – per bene – le iniziative assurde, i cambi di bandiera, le lotte puritane di questo personaggio? Almeno quando pontifica alla sera sulla rete 1 posso fare come con il TG di Minzolini: spegnere la televisione!

  13. Scritto da C'è chi nasce cioccolataio e chi no

    per @8.: non mischiamo Prodi con la destra. La dignità è ben diversa… Prodi, ma anche Pertini e Ciampi, in Europa sono sempre stati rispettati, altamente rispettati. Anche se l’Italia non è quella grande nazione che ci crediamo. Non hanno nulla ache vedere con i politici di oggi. Come ci possono rispettare quando abbiamo i Trota, le Minetti e i Scilipoti che ci governano ? Quando un parlamento ha detto che Ruby è nipote di Moubarack?

  14. Scritto da Ferrara, se ci sei batti un colpo

    dove era Big-Ferrara quando il ministro Bossi ( quello pagato da NOI) diceva di pulirsi con il Tricolore? Quante manifestazioni ha organizzato?

  15. Scritto da Troppo Comodo

    @8 – vedo che va moltissimo il “tutti uguali” , particolarmente a destra. No, non funziona così, la figura internazionale di Prodi è stata ben altra e le sue affermazioni sono gratuite. Presidente della commissione europea per 5 anni ad esempio, partecipe di tutti gli incontri con francia e germania ad esempio. Quindi lasciamo stare il “tutti uguali” , a ognuno il suo. Se lei ha puntato per anni su un cavallo palesemente impresentabile è un problema suo , non degli italiani.

  16. Scritto da M&K

    Caro “troppo comodo”, lei si rammenta le formidabili figuracce di Prodi? Quando non sapeva come domandare in inglese di abbassargli il volume del microfono all’inserviente e balbettava “Loud loud”? Non si rammenta i commenti della stampa estera agli approcci con Gazprom? Alle ovvietà? E ai duetti con Kohl? O forse non conosce le lingue straniere e si basa sulla stampa italiana o su Google? Per la cronaca, io non voto nemmeno: ed è agli occhi dell’Europa che siamo tutti uguali, non ai miei.

  17. Scritto da lucia

    solo chi è in malafede può dichiarare che Prodi e Berlusconi godono dello stesso (non) prestigio in Europa. Prodi è rispettato, Berlusconi maltollerato prima e ora deriso

  18. Scritto da Enrico

    Ferrara si ricorda di essere italiano solo quando c’è da difendere il premier e da riscuotere i contributi statali per il suo foglio che vende 4 copie. Penoso.

  19. Scritto da Chi no?

    Sì, sì, è verissimo: ricordo perfettamente il rispetto che circondò Pertini, quando si chinò a baciare la bara di Tito. Anche gli Inglesi, ad esempio, parlarono di Partisan President, ma temo che non intendessero esattamente quello che intendevamo noi. Per tacere del rispetto con cui furono accolte le proposte di Prodi di far entrare la i Cinesi nel WTO, offrendo loro macchinari italiani, con cui, poi, ci hanno fatto neri. Insomma, siamo gente di rispetto. Mica baubau-miciomicio…

  20. Scritto da Troppo Comodo

    @15-M&K
    1)- No, proprio non ricordo, devo ammettere che leggo poco Libero ed il Giornale . Non parlare benissimo l’inglese non è nè reato nè un fatto indecoroso
    2)- Decorosamente l’inglese , un pò il francese, un pò meno il tedesco. Per lavoro vado con una certa frequenza all’estero. Mai subito con Prodi i frizzi e lazzi subiti con questo governo. Imparagonabile

  21. Scritto da La verità fa male

    @ TROPPO COMODO le ricordo che Prodi, persona seria e stimata, non è mai stato “silurato” dalla destra (fu designato alla presidenza della Commissione Europea con i voti di TUTTI gli europarlamentari italiani) ma è stato sfiduciato per ben due volte in Parlamento dal “fuoco amico” dei suoi alleati, al termine di due indecorose congiure di Palazzo. E che per sopravvivere a fatica due anni fu costretto a dipendere dai voti di senatori a vita e dei vari Pallaro, Turigliatto ecc ….

  22. Scritto da camus

    Ferrara come al solito vuole il burro e i soldi del burro. Senza riforme berlusconi non ha futuro. Con le riforme entrera alla grande alla storia. La difficolta e’ capire quando bisogna lavorare per l’uno e per l’atro. anche quando le due scelte sono alternative.

  23. Scritto da Troppo Comodo

    @20 – vero , ma stiamo parlando della sua figura e non dei suoi siluratori (mastella ecc.) , la sua “presentabilità” ed il rispetto di cui ha goduto in europa sono al di sopra di ogni dubbio , così come il disceto governo pre 2000 . Che nell’anno e mezzo del suo ultimo governo non abbia potuto fare nulla oltre ad una finanziaria contestata ma necessaria è un dato di fatto.

  24. Scritto da sherwood

    Senza andare a scomodare le frasi celebri di Churcill e company, se l’Italia ha un debito pubblico intergalattico non è SOLO colpa di Berlusconi e Prodi…
    Siamo l’italietta, punto !
    Detto questo anche Germania e Francia hanno molte cose di cui vergognarsi…

  25. Scritto da a testa alta

    Ferrara in un Paese normale tu saresti a pulire i bagni pubblici! Avanti boiardi di stato, avanti lacchè!

  26. Scritto da Angelo

    @23 – Solo per precisare , tra i due, Prodi con l’aumento del debito pubblico non c’entra proprio niente .

  27. Scritto da un trevigliese

    ci mancava questa ennesima buffonata.
    Poveri bimbi, andiamo a piangere dalla mamma perchè ci hanno riso dietro.
    Ma per favore, basta con piagnistei e demagogie.
    Spalle in fuori, su le maniche, e iniziamo a comportarci da Paese serio. E vedrete che anche agli altri passerà la voglia di riderci dietro

  28. Scritto da sleghista

    Hanno riso per non piangere, sì perché Berlusconi non fa ridere, è solo un giullare pietoso!

  29. Scritto da un briciolo di dignità, per favore

    per Chi No al @ 18:
    Pertini passava le sere in “allegra” compagnia dei nazisti a Rebibbia, col rischio di essere fucilato. Berlusconi passava le sere con “la nipote di Moubarack”, col rischio di un” coccolone”… Praticamente due storie “uguali” (?!?).
    Forse è anche per questo che per l’Europa siamo diventati la barzelletta, altro che sorrisini alle conferenze stampa. Ci è andata ancora bene!

  30. Scritto da La verità fa male

    @ TROPPO COMODO ovviamente ribadisco che sulla figura di Prodi non c’è nulla da dire, altrimenti non lo avrebbero mai designato presidente della commissione europea, anche se sono di destra devo ammettere che Prodi si comportò sempre in modo decoroso. Sulla piazzata di Ferrara, come su tutte le piazzate di ogni colore e risma, il mio giudizio è negativo. Concludo dicendo che degli ultimi presidenti francesi (da Mitterrand in poi) Sarkozy è il peggiore e non ha proprio niente da ridere

  31. Scritto da Tino Borreci

    Spero che facciamo vedere in diretta la manifestazione di Ferrara oppure di trovarla su internet, la registrerò e la lascerò in eredità ai miei discendenti per mostrare loro uno fra i massimi realizzatori del declino italiano,esempio negativo da ricordare,da craxi a berlusconi capace di proferire qualunque sciocchezza pur di salvaguardare il suo favore dal potente di turno,incapace di avere il minimo rispetto per gli italiani pur di aggiudicarsi risorse pubbliche abbondanti e molto immeritate.

  32. Scritto da cicciobombacavaliere

    Ferrara ride dall’alto del suo stipendio da nababbo pagato con i soldi dei contribuenti RAI per il suo appoggio all’inquilino di palazzo chigi (come molti altri) per fare un programma con un flop di ascolti tanto da essere spostato in orario da “cartoni animati”…. nel frattempo chiunque abbia contatti con persone straniere sa l’effetto che la sola parola “Berlusconi” faccia all’estero e Sarkozy e Merkel credo si siano molto “trattenuti”… D’altronde cosa volete che pensino del ns. buffone?

  33. Scritto da Cicce Fraina

    Ho avuto vissuto parecchi anni l’esperienza di girare per il mondo(per lavoro)dal taxista tunisino,al manager svedese(incontrato su un volo pechino-copenaghen),all’industriale turco,tutti quelli che ho incontrato avevano rispetto per Prodi e consideravano berlusconi uno s……Non parliamo dei commenti riportati dai giornali in inglese (internazionali) dalla Cina all’Iran(China daily e Iran daily).Ho sempre dovuto vergognarmene.Invece se criticano il presidente francese non me ne frega niente

  34. Scritto da mario59

    Ferrara uno dei peggiori giornalisti prezzolati che esistano… lui che vuol dare lezioni di coerenza a chiunque, è stato un voltagabbana e dalla sinistra si è schierato a destra, dove sono abituati a risolvere tutto con gli euro.
    Se a livello internazionale non siamo rispettati, la colpa la dia a chi mal ci rappresenta.. e comunque è inutile chiudere la stalla, quando i buoi sono già fuggiti.
    Governo subito a casa e si porti appresso anche il Giulianone, che gli Italiani sono stufi del vostro baraccone.

  35. Scritto da La verità fa male

    @35 SILVIO P. di quello che pensava Silvio di Sarkozy nel 2008 non me ne frega nulla, anche perchè (come ha potuto notare) tra le dichiarazioni ufficiali dei politici e quello che pensano veramente c’è di mezzo il mare, se non l’oceano. Per me il presidente francese è un politicante a livello di quelli italioti, se non peggio.

  36. Scritto da Silvio P.

    Per la redazione:
    Quasi sicuramente mi sbaglio, ma mi sembra che Cesare Zapperi dava più spazio alla politica in prima pagina. Adesso vedo che notizie su Halloween e Grande Fratello rimango in prima pagina per troppo tempo.
    Un Vostro lettore.