BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Inquina il torrente Lesina, denunciato il vandalo

Un additivo di uso industriale era stato riversato nel corso d'acqua. Il nucleo ecologico ambientale della Polizia Provinciale ha individuato l'autore.

Più informazioni su

Il Nucleo Ecologico Ambientale della Polizia Provinciale, allertato dalla Polizia Locale di Ponte San Pietro, ha individuato l’autore dell’episodio di inquinamento che nelle scorse settimane, ha colpito il torrente Lesina al confine tra i Comuni di Ponte San Pietro e Brembate di Sopra, tingendone le acque di una evidente colorazione bianca lattiginosa.
L’origine dell’inquinamento è stata rilevata in un tubo di scarico che recapita le acque meteoriche raccolte dalla sede stradale, in territorio di Brembate di Sopra: con la collaborazione di personale tecnico di Brembate di Sopra, gli agenti della Polizia Provinciale hanno perlustrato il percorso della fognatura, sollevando anche tutti i chiusini sulla sede stradale, per risalire fino al punto di immissione delle sostanze nella rete fognaria.
Seguendo le tracce della sostanza lattiginosa, risultata poi essere un additivo di uso industriale, gli agenti sono risaliti fino a un’impresa sita nella zona industriale di Brembate di Sopra.
Su intimazione degli Agenti del Nucleo Ecologico Ambientale, il responsabile dell’inquinamento, posto di fronte all’evidenza, ha provveduto ad attivare un’impresa specializzata per gli interventi di emergenza. Con la posa di barriere assorbenti e l’utilizzo di autobotti per recuperare le acque ormai alterate, la situazione dei luoghi è stata quindi ripristinata.
A seguito degli accertamenti il responsabile è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per i reati ambientali commessi.
"Il rapido e coordinato intervento del Nucleo Ecologico Ambientale della Polizia Provinciale e della Polizia Locale di Ponte San Pietro, unitamente al supporto operativo dell’Ufficio Tecnico di Brembate di Sopra – spiega l’Assessore Fausto Carrara hanno consentito al Corpo di Polizia Provinciale di risalire all’origine dell’inquinamento, individuandone il responsabile prima che il fenomeno si aggravasse. L’intervento può senz’altro dirsi positivo sia in riferimento alle finalità di tutela del patrimonio idrico del territorio bergamasco, sia perché, in diretta applicazione del principio ambientale ‘chi inquina paga’, l’onere degli interventi di ripristino è stato posto direttamente a carico del responsabile dell’inquinamento”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da 081

    @3: bravo!

  2. Scritto da a testa alta

    nome del personagio?

  3. Scritto da ...

    Dal numero dei commenti,si desume che l’interesse verso l’ambiente in cui viviamo diminuisce ogni giorno che passa,ci si abitua a tutto,l’importante è che il nostro “orticello” sia intatto poi il resto…

  4. Scritto da Giggi

    Per evitare che finisca il tutto con un “verbalino” vogliamo che l’inquinatore sia esposto al pubblico ludibrio. Qual’è è il nome dell’Azienda che ha inquinato? O continiuamo con l’omertà che abbiamo sempre ritenuto prerogativa del Meridione?

  5. Scritto da sergio

    e poi additiamo quelli di Napoli…

  6. Scritto da X

    Personaggi cosi,andrebbero non denunciati ma ARRESTATI:ma si sa,in Italia tutto ciò passa sotto la scusa dell’errore e via,un “verbalino” e tutto come prima.

  7. Scritto da Enrico

    C’è bisogno di commentare? Puro Medioevo.