BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cinema sperimentale al Cortopotere Shortfestival

Una settimana interamente dedicata al mondo del cortometraggio fino a sabato 29 ottobre, all???Auditorium per la XI edizione di Cortopotere SFF con 67 opere provenienti da tutto il mondo

Più informazioni su

Una settimana interamente dedicata al mondo del cortometraggio fino a sabato 29 ottobre, all’Auditorium di Piazza delle Libertà, Bergamo, XI edizione di Cortopotere SFF. 67 opere selezionate provenienti da tutto il mondo, 23 paesi rappresentati, 1 Focus sulle recenti produzioni internazionali di cinema sperimentale, 1 sul cinema d’animazione (venerdì 28), 1 evento live (venerdì 28 ottobre Teatro San Giorgio) con la film performance dell’americano Bruce McClure, una rassegna dedicata al regista senegalese Djibril Diop Mambety, e due mattinate dedicate all’ambiente (Progetto ambiente – mercoledì 26 e giovedì 27): alcuni dei numeri di questa XI edizione di Cortopotere. Info: www.cortopotere.it
Martedì 25 ottobre, ore 20.30 Djibril Diop Mambéty: reinventare l’Africa "Hyènes" (Senegal 1992, 113’). Dopo trent’anni di esilio Linguère Ramatou, ormai anziana, fa ritorno al suo paese natio, assopito nel caldo e polveroso Sahel.
Mercoledì 26 ottobre, ore 20.30 CONTRAS’ CITY di Djibril Diop Mambéty (Senegal 1968, 22’). Prima opera di Mambéty, il film è un’esplorazione soggettiva della città di Dakar. Attraverso un commento ironico e pungente il regista ne svela le contraddizioni e le molteplici realtà. A seguire LA PETITE VENDEUSE DE SOLEIL di Djibril Diop Mambéty (Senegal 1999, 45’)
Ultimo film del regista. è il secondo capitolo della trilogia, rimasta incompiuta, che Mambéty avrebbe voluto dedicare alla “piccola gente” che anima la città di Dakar. Sili, una bambina poliomelitica, attraversa la città in un viaggio che è per lei riscatto ed emancipazione. E LE FRANC Djibril Diop Mambéty (Senegal 1994, 45’). La svalutazione della moneta locale e la conseguente crisi economica sono lo scenario entro cui Marigot, un musicista, tenta la fortuna per poter riavere il suo congoma, prezioso strumento musicale confiscatogli dalla padrona di casa. Tra il comico e la tragedia, Mambéty ci offre uno dei suoi film più musicali.
Venerdì 28 ottobre ore 21.30, la rassegna si sposta al Teatro San Giorgio (via San Giorgio 1/a)
per incontrare l’ospite internazionale di questa XI edizione di Cortopotere. Sarà l’americano Bruce McClure, protagonista, venerdì 28 ottobre alle 21.30 di una film performance unica e suggestiva. I suoi eventi, pensati per un centinaio o poco più di persone, immergono lo spettatore nel buio più completo della sala, che si accende improvvisamente sotto la luce pulsante provocata da una batteria di proiettori 16 mm: beat sonori e loop di luce proiettata (immagini, flicker, etc) trascinano sinesteticamente lo spettatore all’interno di uno spazio che lo riporta nell’alveo del cinema. “Quello che cerco di fare è di far suonare l’oscurità, godendone ogni momento prima che qualcuno accenda la luce” (Bruce McClure).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.